Come Riprodurre Dei Fossili

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Nel corso di milioni di anni, strati e strati rocciosi si sono accumulati conservando migliaia di resti animali e vegetali di ere lontanissime, agli albori della vita sulla terra. Fossili di dinosauri, animali e piante estinte possono essere ammirati nei musei di tutto il mondo. Anche le impronte lasciate dal passaggio di grandi animali su terreni fangosi e soffici si sono conservate nel tempo grazie al processo di fossilizzazione. O ancora le tracce di monete prodotte da antiche civiltà, impresse nella roccia. Può essere molto utile, specialmente in ambito scolastico, provare a riprodurre dei fossili per lo studio delle ere geologiche antiche. Proviamo a realizzarli.

25

Occorrente

  • Piatto di plastica.
  • Gesso in polvere.
  • Monete.
  • Cucchiaio o spatola.
  • Contenitore dal bordo alto.
  • Acqua.
35

Dovrete utilizzare del gesso per creare dei calchi che simulino l'aspetto dei fossili. Prendete un contenitore dal bordo alto e versate il gesso in polvere. Versate anche l'acqua e mischiate per bene, fino ad ottenere un composto il più possibile liscio ed omogeneo. Con i polpastrelli analizzate il grado di granulosità e continuate a mischiare finché non si riduce al massimo. Fatto questo versate la soluzione in un piatto. Potete utilizzare un piatto di plastica. Livellate la superficie con il dorso di un cucchiaio fino a renderla liscia e uniforme.

45

Ora prendete alcune monete e collocatele sopra il gesso liquido. Sistematele in una posizione casuale, in modo da dare un'impatto visivo più realistico e simile ad un reale ritrovamento. Prendete il piatto di gesso e sistematelo in un luogo fresco e asciutto, dove siete sicuri che nessuno possa toccarlo e compromettere il lavoro. Dovrete aspettare qualche giorno per essere sicuri che il gesso sia completamente asciutto e solido. Dopodiché potrete finalmente staccare le monete dalla superficie.

Continua la lettura
55

Dopo aver rimosso le monete potete osservare il risultato. Vedrete tutti i dettagli della superficie delle monete, e se volete dare un tocco più "antico" vi consigliamo di grattare leggermente le impronte fossili per dare il senso del passaggio del tempo. Potete ripetere la procedura con altri elementi, come foglie, fiori o piantine, oppure gusci e conchiglie reperibili in spiaggia o in campagna. Per completare il lavoro dipingete il calco in gesso con dei colori a tempera simili a quelli della roccia, come il marrone e il grigio. Con questa tecnica vi sarà possibile fabbricare fossili di ogni tipo e, perché no, renderlo un hobby divertente e stimolante da condividere con i vostri amici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Geografia: i deserti dell'Asia

Chi ama la geografia sa perfettamente che più di un quinto della terra è costituita dai deserti. Questi sono localizzati prevalentemente lungo la zona nord e sud dell'acquatore, dove chiaramente la piovosità annua è ridottissimo e che quindi è caratterizzata...
Elementari e Medie

Deriva dei continenti: appunti

La geologia è una materia piuttosto ampia e complessa, e forse apprezzata da pochissime persone. Molti sono gli argomenti correlati a questa materia, e conoscere la storia di come è evoluto il nostro pianeta attraverso alcuni importanti avvenimenti,...
Elementari e Medie

Come tracciare in modo corretto gli angoli retti

Durante l'anno scolastico, le materie come la geometria o la matematica, richiederanno a tutti i bambini la capacità di tracciare angoli retti in più situazioni. A partire già dalla scuola dell'obbligo, diventa fondamentale conosere la funzionalità...
Elementari e Medie

Le Dolomiti e la loro genesi

Le Dolomiti sono tra le montagne più belle del mondo e la loro genesi risale a più di duecento milioni di anni fa. Tutto è iniziato a partire dal fondale di un grandioso mare molto più vasto dell'attuale Mediterraneo. Il mare sovrastava la penisola...
Elementari e Medie

Guida allo studio dei mammiferi

La classe dei mammiferi comprende oltre 4000 specie d'animali tra le più evolute del regno animale. I mammiferi occupano tutti gli ambienti. Nel mare vi sono balene, delfini e foche. Nell'acqua dolce le lontre e i castori. Sulla terraferma, i mammiferi...
Elementari e Medie

5 giochi per imparare l'alfabeto

Insegnare l'alfabeto è fondamentale per la lettura e la scrittura. Siete sicuramente tutti d'accordo tra di voi sul fatto che imparare l'alfabeto è importante. Alcuni bambini imparano le lettere molto rapidamente e gli altri hanno bisogno di più ripetizioni...
Elementari e Medie

Come costruire un modellino del Sistema Solare

Il Sistema Solare è un interessantissimo argomento che si studia fin dalle scuole elementari. Per scoprire in cosa consiste l'universo, bisogna anzitutto saperne di più sulla Terra. E poi occorre studiare anche gli altri pianeti che ruotano attorno...
Elementari e Medie

Come condurre un esperimento scientifico

L'esperimento scientifico è finalizzato a confutare o confermare una tesi. Si tratta di riprodurre un particolare evento naturale in laboratorio, tenendo così sotto controllo le variabili. Con Galileo Galilei l'esperimento divenne centrale: egli si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.