Come rilevare ossigeno nell'aria

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'aria è l'involucro che compone l'atmosfera terrestre, si compone di un miscuglio di gas di cui 4/5 di azoto e 1/5 di ossigeno. In quantità minore, sono presenti altri gas e minuscole particelle solide come polveri, microrganismi e acqua. L'efficacia dell'attività risiede nella sua valenza didattica, la quale deve stimolare gli alunni a formulare ipotesi, a porre domande e poi a verificarle. L'esperimento finale è solo una tappa dell'intero percorso metodologico, il cui scopo finale è far comprendere che fenomeni naturali apparentemente banali si possono spiegare solo con il metodo scientifico. Vediamo allora come rilevare ossigeno nell'aria.

27

Occorrente

  • candela
  • bicchiere comune o un becher
  • vaschetta
  • Fiammiferi
  • Inchiostro
  • pennarello
  • striscia di carta velina
  • acqua
37

Il tipico esperimento per misurare il contenuto di ossigeno nell'aria utilizza la ruggine della lana d'acciaio all'interno di un volume chiuso d'aria. Due aspetti chiave di questo esperimento che rendono possibile una misurazione accurata sono un ambiente chiuso e l'uso di una reazione chimica che coinvolge l'ossidazione di un elemento solido in un ossido solido. L'ossigeno per la reazione chimica è fornito dal volume chiuso dell'aria, il cui cambiamento è facile da misurare. L'esperimento può essere completata in circa 30 minuti, pulendo la lana d'acciaio con acetone e poi lavata con l'acido acetico o con l'aceto. La lana d'acciaio viene posta all'interno di un tubo di vetro che è collegato a due normali siringhe. Il tubo viene quindi riscaldato da una fiamma e l'aria nelle siringhe è costretta, muovendo lo stantuffo, a passare attraverso la lana d'acciaio riscaldata.

47

La candela è lo strumento che permette di rilevare l'ossigeno nell'aria. Il fuoco, infatti, si alimenta solo con l'ossigeno. Inoltre, l'esperimento permette di dimostrare che l'aria è ovunque, così come l'ossigeno. Fissare la candela con un po' di cera sul fondo della vaschetta. Inserire alcune gocce d'inchiostro nell'acqua della ciotola. Il colore evidenzia meglio i risultati. Accendere la candela e coprila con il bicchiere graduato capovolto. Osservare attentamente ciò che accade.

Continua la lettura
57

All'inizio la fiamma della candela è molto vivace, ma dopo alcuni minuti si affievolisce. In breve tempo si spegne del tutto. L'acqua della vaschetta penetra all'interno del barattolo. Chiedere perché e stimolare i ragazzi a formulare ipotesi e risposte.
Far osservare che l'elemento di combustione è proprio l'ossigeno. La fiamma, infatti, consuma tutto l'ossigeno contenuto nel barattolo capovolto. Non potendosi più alimentare, si spegne. L'acqua penetra nello spazio chiuso del bicchiere grazie alla riduzione e contrazione dei gas presenti nell'aria.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'esperimento può essere eseguito anche senz'acqua
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

3 esperimenti sull'aria

Gli esperimenti, piccoli o grandi che siano, servono a far capire il funzionamento di molti grandi apparecchi. Infatti, gli stessi principi che mantengono gli aerei nel cielo e che hanno portato al progresso della civiltà umana, si possono applicare...
Elementari e Medie

Scuola elementare: cosa mettere nell'astuccio

L'inizio della scuola elementare sancisce, per ogni singolo bimbo, l'avvio di un cammino scolastico che lo porterà ad ampliare le proprie capacità intellettive e cognitive, di socializzazione e di crescita.In questa fase, il bimbo avrà meno tempo da...
Elementari e Medie

Breve guida all'apparato circolatorio

L'apparato circolatorio è una struttura anatomica adatta, per l'appunto, alla circolazione del sangue. Esso è costituito dal sangue, dal cuore, dai vasi sanguigni arteriosi, dai vasi sanguigni venosi, dai capillari e dai vasi linfatici, e permette gli...
Elementari e Medie

Come Osservare La Composizione Dell'Acqua

L'acqua è uno degli elementi chimici più diffusi in tutta il nostro globo terrestre. Esso è unito fisicamente da due atomi di idrogeno ed uno di ossigeno. L'idrogeno è l'elemento chimico più diffuso in tutto l'universo. Difatti è presente addirittura...
Elementari e Medie

La nutrizione delle piante e degli animali

In questa guida ci occuperemo della nutrizione delle piante e degli animali. La nutrizione è rappresentata da tutti quei processi di origine biologica e chimica che permettono agli organismi viventi di crescere, svilupparsi, sopravvivere e riprodursi...
Elementari e Medie

Come Fare Un Esperimento Per Percepire La Sensibilità Delle Piante

Le piante rispondono a stimoli diversi che provengono dall'ambiente come gli esseri viventi. Questi stimoli possono essere la luce, la gravità, l'acqua, il calore, il freddo, l'umidità e tanti altri. Alcune piante mostrano anche una sensibilità al...
Elementari e Medie

Come funziona il motore a scoppio

Il merito dell'invenzione del motore a scoppio è da attribuirsi a diversi "inventori" che, in varia misura, contribuirono al suo sviluppo fra il 1843 e il 1876: gli italiani Eugenio Barsanti e Felice Metteucci, il francese Beau de Rochas e l'ingegnere...
Elementari e Medie

Come dimostrare la fotosintesi ai bambini

La scienza è una materia scolastica molto affascinante ed utilissima nella vita quotidiana e potrebbe aprire tutto un mondo diretto verso una forte passione per la natura. Sta alle maestre delle scuole elementari l'arduo compito di appassionare i propri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.