Come Rilevare La Quantità Di Anidride Solforosa In Un Vino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Nella breve e seguente guida vi spiegherò rapidamente come rilevare la quantità di anidride solforosa in un vino. Si tratta di un'operazione da realizzare in pochi passaggi piuttosto rapidi per attestare il quantitativo esatto di questa sostanza all'interno della bevanda. Per riuscire nel vostro intento, avrete la necessità di utilizzare un occorrente abbastanza variegato. Innanzitutto, vi serviranno una serie di vetreria e di reagenti. Si tratta di elementi assolutamente indispensabili per una corretta riuscita del vostro esperimento scientifico. Siete pronti per iniziare?

25

Occorrente

  • Beuta con smeriglio da 250 ml, cilindro da 25 ml, pipetta a bolla da 50 ml, pipetta da 10 ml, idrossido di potassio circa 1 N, acido solforico, salda d'amido, acetaldeide soluzione acquosa
35

Iniziamo a vedere come rilevare la quantità di anidride solforosa in un vino. Prima di tutto, nella fase embrionale della vostra analisi approfondita, procedete con la misurazione con l'aiuto del cilindro di circa 25 millilitri di idrossido di potassio (KOH) 1 N. Versate tale quantitativo in una beuta da 250 millilitri. Di seguito, prelevate 50 millilitri di vino con l'ausilio della pipetta a bolla. Fateli scolare con il massimo della calma all'interno della potassa. State bene attenti a fare in modo che la punta della pipetta si mantenga totalmente immersa. Quindi tappate la beuta. Assicuratevi di agitare il tutto con grande dolcezza e di lasciare il lavoro a riposo per un quarto d'ora.

45

A questo punto, acidificate il tutto con circa 10 millilitri di acido solforico 1:4. Di seguito, aggiungete circa 2 millilitri di salda d'amico. Otterrete questa quantità dopo aver opportunamente bollito 1 grammo di amido, solubile in 100 millilitri di acqua. Tutto ciò per lo scopo di raggiungere una soluzione sufficientemente limpida. Successivamente, titolate tutto con lo iodio, fino a viraggio al nero blu. Attraverso questa particolare metodica, riuscirete a determinare ogni singola sostanza che è in grado di ridurre lo iodio. Per l'eliminazione di eventuali indifferenze, dovrete operare in questo modo.

Continua la lettura
55

Prendete una beuta a tappo smeriglio dalla capienza di 250 millilitri. Al suo interno, riponete 50 millilitri di vino prelevati con la pipetta a bolla. Quindi, aggiungete 3 millilitri di aldeide acetica al 7%. Tappate il tutto e lasciatelo a riposo per circa 15 minuti. L'aldeide acetica vi servirà per bloccare l'anidride solforosa libera in eccesso. Andando avanti, acidificate con 5 millilitri di acido solforico. Procedete come avete fatto in precedenza. Quindi, sottraete i millilitri di questa titolazione a quelli ottenuti nella prima titolazione. E così siete riusciti a rilevare l'esatta quantità di anidride solforosa in un vino

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come ottenere l'acetato di cellulosa

In ogni sua unità strutturale, la cellulosa ha tre gruppi di ossidrile (OH) che forniscono le reazioni caratteristiche degli alcool. L'acetato di cellulosa, uno dei polimeri maggiormente adoperati nell'industria tessile, si ottiene per reazione della...
Università e Master

Come Ottenere L'Anidride Succinica

In chimica, attraverso la combinazione di diverse componenti, si possono ottenere moltissime reazioni, e spesso una nuova sostanza di risulta. Ad esempio, l'anidride succinica è un composto organico, con composizione C4H4O3, di stato solido e nessun...
Università e Master

Come Determinare La Composizione Di Miscele Gassose Con Il Metodo Di Assorbimento

I metodi di cui la chimica analitica si avvale per determinare la composizione di miscele gassose sono sostanzialmente due: il metodo di assorbimento e il metodo di combustione. Generalmente i gas inerti, quali l'azoto e i gas nobili (ad esempio elio,...
Università e Master

Come Effettuare Una Titolazione Acido-base

Una titolazione acido-base, è un procedimento che permette di determinare la quantità di acido (o base) presente in una soluzione misurando il volume di una soluzione a concentrazione nota di base (o acido), necessario per raggiungere la neutralizzazione...
Università e Master

Come determinare il pH nelle bevande e nei succhi

l pH consiste in una scala di misura dell'acidità oppure della basicità di una soluzione acquosa. Il termine "pH" è stato introdotto nel lontano 1909, dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine p (operatore) simboleggia due operazioni matematiche,...
Università e Master

Come determinare sperimentalmente il grado di acidità di un olio d'oliva

Quando si parla di olio extravergine di oliva molto spesso si fa riferimento all’acidità ed in effetti tale parametro è probabilmente l’indicatore che meglio di qualsiasi altro riesce a sintetizzare una valutazione complessiva sulla qualità chimica....
Università e Master

Come effettuare la riduzione e l'ossidazione dell'oro

L'oro è l'elemento chimico di numero atomico 79. Il suo simbolo è Au (dal latino "aurum"). È un metallo di transizione tenero, pesante, duttile, malleabile di colore giallo, dovuto all'assorbimento delle lunghezze d'onda del blu dalla luce incidente....
Università e Master

Come determinare l'analisi dei protidi grezzi con il metodo Kjeldhal

Il metodo Kjeldahl è un metodo analitico messo a punto dal chimico danese Johan Kjeldahl che permette di determinare il contenuto in azoto di sostanze organiche e inorganiche. Il campione (0,5-5 g) viene riscaldato tramite piastra riscaldante ad alta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.