Come ridurre più radicali allo stesso indice

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono appassionati di matematica o anche tutti coloro che ne hanno bisogno, perché vanno ancora a scuola, a capire come poter ridurre più radicali allo stesso indice. Iniziamo subito con il dire che i radicali ed anche tutte le operazioni che li riguardano, stanno alla base degli studi di fronte, cui si trovano tutti gli studenti delle scuole medie. In particolare vogliamo vedere insieme con voi, come ridurre più radicali allo stesso indice. Non è per niente complicato. Vediamo come procedere nella seguente guida. Pronti per iniziare? Buon lavoro e buon divertimento a tutti!

26

Occorrente

  • Un po' di nozioni sul minimo comune multiplo
36

Prima di iniziare nella risoluzione di questa tipologia di operazione, dobbiamo cercare di osservare per bene, tutti i radicali su cui dobbiamo cercare d' operare. Questa è una condizione necessaria ed anche del tutto indispensabile che indice ed esponente del radicando siano primi tra loro. Iniziamo subito con l'imparare teoricamente la regola di risoluzione. Essa afferma che per ridurre 2 o più radicali di questo tipo allo stesso indice, dobbiamo cercare di determinare il minimo comune indice e cercare di assumerlo come indice comune ai radicali dati.

46

Procediamo a questo punto, poi, a calcolare il radicando. A tal fine riprendiamo per bene il radicando ed eleviamo ciascuno ad un esponente uguale al quoto, che si ottiene dividendo il minimo comune indice per l'indice del radicale. Per comprendere meglio il procedimento, immaginiamo di dover ridurre al medesimo indice la radice alla quinta di "(x-2)^2", radice decima di "(2xy^3)" e radice sesta di "3".
Iniziamo ora riscrivendo i 3 simboli di radice quadrata.

Continua la lettura
56

Scriviamo tutto l'esponente delle radici, che sono identiche per ogni radice. Questo deve essere il minimo comune indice. Tra il numero "5", il numero "10" ed il numero "6", per ovvi motivi, è il numero "30". Lavoriamo adesso sul radicando. Facciamo ed eseguiamo per bene ed in modo attento, la divisione tra il minimo comune indice e cioè il numero 30 e l'indice di ogni radice, moltiplicando poi il risultato per l'esponente del radicando. Otterremo circa 3 radicali, con indice "30", e con radicandi rispettivamente uguali a "(x-y)^12", "(2xy^3)^3" e "3^5". Allo stesso modo possiamo anche procedere con qualsiasi tipo di radicale. Ed ecco che con questa guida, grazie al nostro aiuto, saremo in grado di eseguire il tutto, nel modo migliore possibile, senza grosse difficoltà. Potremo così ridurre tutti i radicali che analizzeremo, allo stesso indice, senza grosse difficoltà.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Basta davvero poco e con un pò di pazienza e tanta buona volontà, saremo in grado di realizzare un lavoro davvero unico e molto originale!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come Trasportare Un Fattore Fuori Dal Segno Di Radice

Alle scuole medie gli studi iniziano a cambiare, infatti vengono integrati altri argomenti. In matematica, per esempio, si iniziano ad affrontare tutte le operazioni che riguardano i radicali e, quindi, i numeri (o gli insiemi di numeri) posti sotto il...
Elementari e Medie

Come risolvere una doppia radice

Nello studio della matematica alle scuole medie si arrivano ad affrontare le operazioni con i radicali, ovvero tutti quei numeri (monomi e polinomi) che si trovano sotto una radice. Molte volte alcune di queste operazioni appaiono complicate, ma con un...
Elementari e Medie

Come trasportare un fattore sotto il segno di radice

La matematica è una materia abbastanza complessa, in quanto oltre allo studio delle semplici operazioni quali: addizione, sottrazione, divisione e moltiplicazione, prevede anche lo studio dei calcoli complessi, come il calcolo dei fattori, della radice...
Elementari e Medie

Come verificare la divisione con la prova del nove

La prova del nove viene utilizzata in matematica per controllare l'esattezza del risultato della moltiplicazione e della divisione. Nel caso di divisione con il resto, il procedimento presenta qualche piccola variante. Questa semplicissima e pratica guida...
Elementari e Medie

Come Usare Il Compasso

Il compasso è uno degli strumenti da disegno più difficile da usare: per conseguire buoni risultati e utilizzarlo al meglio è opportuno esercitarsi. Se non siete ancora pratici o volete migliorare le vostre conoscenze su questo importante strumento,...
Elementari e Medie

Come imparare la corretta impugnatura della matita

Imparare a scrivere è uno dei primi, grandi traguardi dell'infanzia. Con l'accesso alla scuola, i bambini iniziano ad apprendere questa fondamentale attività. Ma il contatto con matite e pastelli comincia molto prima. Tutti noi, da bambini, amavamo...
Elementari e Medie

Come fare le addizioni con l'abaco

L'abaco è uno dei primi strumenti che avvicina il bambino al mondo della matematica, utilizzato nelle scuole primarie, per imparare divertendosi. Può assumere svariate forme (orizzontale o verticale) e materiali (di legno, di plastica, ma anche più...
Elementari e Medie

Come funziona il vaso di Dewar

Il vaso di Dewar è un contenitore isolato completamente dall'ambiente esterno: si tratta di un dispositivo che può condurre il calore tramite la conduzione o l'irraggiamento; mediante quest'ultimo il trasferimento dell'energia avviene da uno stato all'altro....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.