Come riconoscere un verbo irregolare

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I verbi vengono definiti irregolari quando presentano delle difformità nella loro coniugazione, e in particolare possono mutare la radice o la desinenza in uno o più tempi. Nella lingua italiana i verbi irregolari sono tanti, e gran parte di loro appartengono alla cosiddetta seconda coniugazione. Nei passi successivi in merito a questo argomento, vediamo nel dettaglio come riconoscere un verbo irregolare.

24

Com'è noto, i verbi sono composti da una radice e da una desinenza che può terminare in are, ere ed ire. Per coniugarli basta soltanto togliere la desinenza dell'infinito e aggiungere quella del tempo richiesto, mentre per gli irregolari purtroppo non è così. Ci sono infatti, dei verbi che non seguono le regole della grammatica al passato remoto, e cambiano la radice in una o più persone, come ad esempio vincere che si trasforma in "vinsi". Altri invece cambiano la radice solo per il futuro, quindi ad esempio godere si trasforma in "godrò".

34

Ci sono poi degli altri verbi che addirittura stravolgono la loro radice nell'ambito dello stesso tempo. Un esempio specifico è il verbo andare; infatti, al presente propone la radice "vad" e "and" per le prime due persone plurali, ed in questo caso siamo in presenza di un verbo sovrabbondante e come lui si comportano anche tutti gli altri che sono suoi composti, e cioè quelli del tipo riandare e trasandare. Da come si evince da quanto sin qui elencato, saper coniugare nel modo giusto i verbi italiani non è affatto semplice neppure per un madrelingua, il che rappresenta indubbiamente un ostacolo quasi insormontabile per uno straniero. Tutti i libri di grammatica riportano a margine elenchi dei principali verbi irregolari, con i mutamenti delle loro radici e delle loro desinenze nei vari modi e tempi, tuttavia ci si può aiutare nello studio ricordando che possono essere raggruppati secondo il loro comportamento. Il verbo fare ad esempio, si coniuga nello stesso modo di tutti i suoi composti e derivati, quindi una volta appreso come coniugarlo si devono seguire le stesse regole anche per verbi del tipo strafare, disfare, soddisfare, putrefare, sopraffare, ecc.

Continua la lettura
44

A questo punto dopo averli studiati in modo approfondito, l'ideale è consultare un dizionario della lingua italiana. Questa ulteriore analisi ci consente infatti di conoscere altri importanti dettagli; infatti, accanto al vocabolo vi è l'indicazione "irregolare", seguita ad esempio dalla dicitura "forte", che significa la mutazione solo al passato remoto e al participio, oppure dalla dicitura "anomalo" cioè quando le variazioni si presentano in diverse voci e persone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come coniugare i verbi irregolari in inglese

La guida che andremo a sviluppare nei passi che seguiranno, si occuperà di lingue straniere. Per essere più specifici nelle argomentazioni, tratteremo la lingua inglese. Come abbiamo indicato anche nel titolo della guida stessa, andremo a spiegarvi...
Lingue

Tedesco: il Präteritum

La lingua tedesca è sicuramente una della lingue più parlate al mondo, seconda soltanto all'inglese. Come per qialsiasi lingua, anche il tedesco si è evoluto nel corso degli anni. Ed ogni paese o regione ha il suo dialetto, ma ci sono delle regole...
Lingue

Inglese: il simple past

Nella lingua inglese il simple past o passato semplice è una forma verbale molto frequente. Appartiene alla categoria dei tempi semplici, cioè privi di ausiliari. Si adopera per descrivere azioni accadute e definitivamente concluse. Si utilizza anche...
Elementari e Medie

Come fare a non sbagliare la coniugazione dei verbi

La lingua italiana risulta essere una delle più complicate tra quelle parlate in tutto quanto il mondo. La sua grammatica, infatti, non è sicuramente semplice e molte sono le persone che sono portate a sbagliare, compresi diversi madrelingua. In questa...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi al presente

Nel mondo globalizzato conoscere nuove lingue è fondamentale e il tedesco è una di queste. Le differenze grammaticali tra una lingua e l’altra possono rappresentare un ostacolo per chi intraprende questo percorso per cui lo studio approfondito e continuato...
Elementari e Medie

Inglese: i verbi irregolari

Una prima classificazione, anche se un po' approssimativa, dei verbi inglesi, potrebbe distinguerli in: regolari, irregolari e ausiliari. Come dice la parola stessa, i verbi irregolari sono tali poiché non seguono le regole "standard" quando si tratta...
Università e Master

Come Costruire Verbi Parasintetici

La lingua italiana presenta una grammatica abbastanza ricca, infatti sono molte le parti del discorso presenti nel linguaggio, come ad esempio: sostantivi, nomi, aggettivi, articoli, preposizioni, verbi, congiunzioni e avverbi e tutti devono essere analizzati...
Lingue

Francese: i verbi modali

Come in ogni lingua che si rispetti anche nel francese troviamo i verbi modali (anche detti servili), ed in questa guida vi saranno presentati i principali. Nel caso non vi ricordiate bene quali siano i verbi modali questo link vi rinfrescherà la memoria....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.