Come riconoscere un quadrilatero articolato di Grashof

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La scuola potrebbe risultare antipatica, ma bisogna frequentarla per legge. Studiare è importante nella vita di ogni individuo, perché lo studio consente di affrontare più facilmente il mondo lavorativo e professionale. La maggioranza dei lavori richiede infatti il possesso di un diploma o anche di una laurea specifica. Nonostante faccia abbastanza trepidare, è proprio grazie alla scuola che vengono conosciuti argomenti relativi a materie importanti come l'italiano, la matematica, l'economia, l'informatica e l'elettronica. Nel presente tutorial vediamo esaustivamente come riconoscere un quadrilatero articolato di Grashof. Non occorre assolutamente spaventarsi di fronte a questi termini sconosciuti, altrimenti tutto risulterebbe più complesso di quanto ritenuto. Per affrontare tale argomentazione, è necessario entrare nel mondo della geometria. Questo perché il quadrilatero rappresenta un poligono avente quattro lati, altrettanti vertici e quattro angoli interni. La somma algebrica delle ampiezze di quest'ultimi corrisponde all'angolo giro (360°). Esistono numerose tipologie di quadrilateri (convesso, non convesso, articolato, ecc.) e nel loro insieme si identificano diversi sottoinsiemi. Per comprendere l'argomento, bisogna avere delle conoscenze basilari di meccanica. Addentriamoci ora nella spiegazione iniziando dal quadrilatero convesso, proseguendo con quello non convesso e terminando appunto con il quadrilatero articolato.

27

Occorrente

  • Conoscenza sui poligoni
  • Conoscenza della formula di Grubler
  • Conoscenza della condizione di Grashof
  • Conoscenza di meccanica
37

Conoscere il quadrilatero convesso e quello non convesso

Le varie tipologie di quadrilatero possiedono differenti applicazioni, spesso abbastanza rilevanti nell'interesse di inclusione sussistente fra i sottoinsiemi. Innanzitutto si tenterà di conoscere il termine quadrilatero convesso (avente un'ampiezza minore dell'angolo piatto). Precisamente si tratta di una figura geometrica piana contenente ogni punto del segmento per singola coppia di punti non enterni. Adesso si passerà al vocabolo quadrilatero non convesso (avente un'ampiezza superiore a 180°). Si tratta ancora di una figura geometrica piana dove il segmento congiungente due punti ha punti non facenti parte del quadrilatero non convesso. Vediamo ora l'applicazione della meccanica sulle macchine e la formula di Grubler.

47

Applicare la formula di Grubler

A questo punto si può vedere dove conducono le nozioni di quadrilatero convesso e quello non convesso. Nel settore della meccanica applicata sulle macchine, le costruzioni studiate più famose sono il manovellismo di spinta rotativo ed il quadrilatero articolato. Il primo viene adoperato nei classici motori a combustione interna delle automobili. Il secondo rappresenta una catena cinematica avente un elemento messo a terra denominato ponte o telaio. Siccome il meccanismo risulta composto da quattro elementi ed altrettante coppie rotoidali, è possibile applicare la formula di Grubler n = [3 * (l - 1)] - [2 * (g2 - g1)]. Per n si intende il numero dei gradi di libertà, mentre il termine l costituisce il numero di elementi del meccanismo. Attraverso g2 si indicano le coppie cinematiche che rimuovono due gradi di libertà e g1 rappresenta le coppie cinematiche. Adesso facciamo un esempio pratico sul grado di libertà del quadrilatero articolato e vediamo la condizione di Grashof.

Continua la lettura
57

Verificare il rispetto della condizione di Grashof

La riproduzione di queste procedura richiede una spiegazione dettagliata e tecnica. Supporre che il quadrilatero articolato possegga tali valori: l = 4, g2 = 4 e g1 = 0. Secondo la formula di Grubler si ottiene n = [3 * (4 - 1)] - [2 * (4 - 0)] = (3 * 3) - (2 * 4) = 9 - 8 = 1. Di conseguenza il quadrilatero articolato ha un solo grado di libertà e viene rispettato alla condizione di Grashof. Quest'ultima afferma che la somma tra il lato più lungo e quello più corto non deve risultare superiore alla somma degli ulteriori due lati. Dal punto di vista applicativo si trova molta differenza. Il quadrilatero articolato possiede almeno un elemento che potrà muoversi eseguendo una rotazione completa. Soffermarsi esclusivamente su questa illustrazione risulta ingiusto. Documentarsi meglio sugli aspetti relativi al quadrilatero articolato tornerebbe utile per evitare sbagli.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiare molto le varie nozioni, consultando testi e link adeguati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Riconoscere Un Doppio Legame Comunicativo

In questa guida andremo ad affrontare un argomento un po' complesso della psiche umana che riguarda i legami sentimentali, o amorosi, che si instaurano tra due individui, detti doppi legami comunicativi. Il doppio legame comunicativo, o doppio vincolo,...
Università e Master

Come riconoscere errori casuali edf errori sistematici

Ogni volta che ci si accinge a fare una misurazione bisogna tenere in considerazione che tale operazione porta con se una incertezza. È questo il motivo per il quale si ripete almeno tre volte e si fa una media. In realtà esistono due tipi di errori,...
Università e Master

Come riconoscere un flusso turbolento o laminare

La meccanica dei fluidi rientra in quella branca della fisica che si occupa dello studio dei liquidi e dei gas, sia in condizioni statiche che in condizioni dinamiche. Nel caso in cui un fluido sia fermo, ovviamente parleremo di condizione di staticità....
Università e Master

Come Riconoscere La Struttura Di Una Cellula Animale Al Microscopio Ottico

La cellula animale è alla base della biologia. Si tratta dell'unità funzionale di tutti i tessuti viventi e può assolvere individualmente tutte le funzioni vitali essenziali. Le cellule che costituiscono i diversi tessuti del corpo mostrano un'ampia...
Università e Master

Come riconoscere se un'unità è a reggipoggio o a franapoggio

Nel caso in cui avessimo la necessità di leggere una carta geologica, uno dei fattori assolutamente fondamentali è quello di capire le geometrie delle unità geologiche, la loro immersione, inclinazione: fondamentalmente bisogna comprendere le relazioni...
Università e Master

come riconoscere le tipologie dei nomi deverbali

Per verbi deverbali (VDev) si intendono, in base ai comportamenti morfologicidell’italiano, verbi formati a partire da una base verbale mediante opportuni suffissi (conl’eventuale concomitante comparsa del prefisso s-, che connota come parasintetico...
Università e Master

Come Calcolare La Trazione E L'Aderenza Di Un Corpo Meccanico

I campi lavorativi sono ricchi di procedure manuali, tecniche, meccaniche e quant'altro, utili per avere un processo lavorativo efficiente e sicuro, solo con un po' di studio scolastico e formazioni specifiche possiamo riconoscere termini e soluzioni...
Università e Master

Come Analizzare Un Punto Di Discontinuità

La discontinuità è un concetto solamente puntuale: imparando a riconoscere se una funzione è discontinua, in un qualche punto dell'asse reale, sarete anche in grado di dire se la funzione è continua globalmente (nel caso in cui non vi sia alcuna discontinuità)....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.