Come riconoscere un flusso turbolento o laminare

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La meccanica dei fluidi rientra in quella branca della fisica che si occupa dello studio dei liquidi e dei gas, sia in condizioni statiche che in condizioni dinamiche. Nel caso in cui un fluido sia fermo, ovviamente parleremo di condizione di staticità. Se invece un fluido si muove, in questo caso parleremo di un flusso. Precisamente, possiamo affermare che i flussi di liquido o di gas sono costituiti da particelle del materiale che lo compone, e possono scorrere in differenti maniere. Vediamo allora come riconoscere un flusso turbolento o laminare.

25

Considerare il tipo di flusso è la velocità

Naturalmente il tipo di flusso, sia laminare che turbolento, dipende prevalentemente dal tipo di fluido che si ha di fronte, nonché dalla sua velocità e dalla geometria del problema che si andrà ad analizzare. Ad esempio, per quanto riguarda un flusso in un condotto, questa geometria è proprio rappresentata dalla forma del tubo stesso. Per valutare il genere di flusso, è necessario fare riferimento al numero di Reynolds, che rappresenta un valore adimensionale, il quale tiene in considerazione dell'importanza degli effetti inerziali rispetto a quelli viscosi.

35

Calcolare il numero di Reynolds

Il numero di Reynolds, che semplicemente indicheremo con Re, corrisponde alla seguente formula: pVD/u, in cui p si riferisce alla densità del fluido, mentre V è la velocità dello stesso, D costituisce il diametro del condotto o comunque una dimensione caratteristica del problema. Infine, u è la viscosità che è una caratteristica del fluido. Vi ricordiamo, tra l'altro, che V=Q/A, dove Q è la portata volumetrica, mentre A rappresenta l'area della sezione attraverso cui circola il fluido. Una volta che viene calcolato il numero di Reynolds, è necessario metterlo a confronto con dei valori noti. Infatti nel caso di condotti, se il numero di Reynolds è pari a 4000, allora si può stabilire che il flusso è turbolento. Per i casi intermedi, invece, il flusso presenta un comportamento transitorio.

Continua la lettura
45

Distinguere i vari tipi di flusso

Sapere fare distinzione tra i vari tipi di flusso è molto importante, dal momento che questo determinerà il modo in cui verranno trattati i dati nel problema da risolvere. Un flusso laminare verrà risolto in maniera del tutto diversa rispetto ad uno turbolento, e non potrebbe essere diversamente. Ad esempio, nel caso laminare, il fattore d'attrito dipende esclusivamente dal numero di Reynolds, mentre se siamo presenti di fronte ad un flusso turbolento, il tutto sarà prettamente correlato sia a questo numero che alla rugosità relativa. Anche i numeri critici, per il confronto, sono abbastanza orientativi. Infatti si può avere il caso in cui si può ottenere un flusso laminare anche con dei numeri di Reynolds molto maggiori di 4000.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il flusso termico

La termodinamica studia il calore e lo scambio energetico ad esso connesso. Il calore è una forma di energia connessa al livello di agitazione delle molecole di un corpo o di un sistema fisico. Se due corpi hanno rispettivamente temperatura T1 e T2 con...
Università e Master

Come calcolare la misura della velocità delle correnti in pressione

In commercio esistono differenti strumenti atti a determinare velocitá e portata di correnti fluide, poiché le applicazioni pratiche di tale nozione sono molteplici. Allo stesso tempo occorre tenere presente che in fase di misurazione e a seconda dello...
Università e Master

Come riconoscere gli anelli aromatici

In questo capitolo cercheremo di riconoscere gli anelli aromatici, che vengono anche riconosciuti come composti aromatici semplici, questi composti organici aromatici che sono formati da un sistema ciclico a struttura planare in cui tutti gli atomi che...
Università e Master

Come Riconoscere Un Doppio Legame Comunicativo

In questa guida andremo ad affrontare un argomento un po' complesso della psiche umana che riguarda i legami sentimentali, o amorosi, che si instaurano tra due individui, detti doppi legami comunicativi. Il doppio legame comunicativo, o doppio vincolo,...
Università e Master

Come riconoscere errori casuali edf errori sistematici

Ogni volta che ci si accinge a fare una misurazione bisogna tenere in considerazione che tale operazione porta con se una incertezza. È questo il motivo per il quale si ripete almeno tre volte e si fa una media. In realtà esistono due tipi di errori,...
Università e Master

Come Riconoscere La Struttura Di Una Cellula Animale Al Microscopio Ottico

La cellula animale è alla base della biologia. Si tratta dell'unità funzionale di tutti i tessuti viventi e può assolvere individualmente tutte le funzioni vitali essenziali. Le cellule che costituiscono i diversi tessuti del corpo mostrano un'ampia...
Università e Master

Come riconoscere se un'unità è a reggipoggio o a franapoggio

Nel caso in cui avessimo la necessità di leggere una carta geologica, uno dei fattori assolutamente fondamentali è quello di capire le geometrie delle unità geologiche, la loro immersione, inclinazione: fondamentalmente bisogna comprendere le relazioni...
Università e Master

come riconoscere le tipologie dei nomi deverbali

Per verbi deverbali (VDev) si intendono, in base ai comportamenti morfologicidell’italiano, verbi formati a partire da una base verbale mediante opportuni suffissi (conl’eventuale concomitante comparsa del prefisso s-, che connota come parasintetico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.