Come riconoscere un'epifora

Tramite: O2O 18/04/2016
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La lingua italiana conta numerose regole grammaticali. Tra queste si riscontrano le figure retoriche. Per non fare confusione, si distinguono forme espressive sintattiche, sonore e di significato. L'epifora, desitio, reversio, conversio o epistrofe, appartiene alla prima categoria. La figura retorica d'ordine, si basa sulla ripetizione di una o più parole alla fine di una frase o di un verso poetico. Questo elemento rinforza un significato come un concetto. L'epifora quindi dona maggiore enfasi al componimento in prosa o poesia. Nella grammatica italiana all'epifora si contrappone l'anafora. In quest'ultima, la ripetizione avviene all'inizio del periodo. Riconoscere l'epifora non è difficile, basta solo un po' di attenzione e molto esercizio.

27

Occorrente

  • Una matita
37

L'anafora è molto simile all'epifora. Per riconoscere le due forme retoriche osservare con attenzione i versi oppure i periodi. L'anafora si presenta all'inizio della frase. Mentre l'epifora alla fine. Entrambe le figure retoriche sono tipiche della deprecazione, dell'invocazione e della preghiera. Cioè dove la domanda viene enfatizzata dalla stessa ripetizione. L'unione di epifora e anafora si definisce simploche.

47

Riconoscere in un testo un'epifora è molto semplice. Analizzare una o più parole ripetute alla fine di ogni periodo, frase o verso. Per facilitare il concetto, facciamo un esempio. Ecco quindi un semplice testo con l'epifora. Alessandro aveva fame. Ogni momento era perfetto per mangiare. Amava disperatamente mangiare. Con i suoi amici, voleva solo mangiare. La costante in ogni frase è "mangiare". Questa ripetizione serve a rafforzare un determinato significato. Un po' come se Alessandro avesse un'idea fissa, cioè mangiare.

Continua la lettura
57

Questa tecnica molto raffinata serve ad aggiungere tempo allo spazio nel racconto. Nel precedente esempio, si osserva anche un epifonema, ovvero un'altra figura retorica per condensare in una parola un intero concetto. Appare anche in questo caso alla fine di ogni frase. Solitamente le figure retoriche "camminano" insieme. L'epifora viene utilizzata principalmente nella poesia. Si ripete alla fine di alcuni versi poetici per rimarcare il concetto principale. Tuttavia, come dall'esempio, l'epifora si può riscontrare anche nelle prose con lo stesso scopo. Per rendere il riconoscimento più immediato, sottolineare con una matita la parola chiave sul testo. In questa maniera, si ritroverà più facilmente, durante l'analisi grammaticale.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggere con attenzione il testo nel quale riconoscere l'epifora
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come riconoscere i metalli dai non metalli

La suddivisione fra metalli e non metalli divide il mondo degli elementi chimici in due grandi blocchi, anche se in realtà ci sono alcuni elementi che presentano caratteristiche intermedie, oppure che cambiano comportamento a seconda del contesto. Con...
Superiori

Come riconoscere le rocce sedimentarie

Di passioni nella vita ce ne sono moltissime, tutte per ogni gusto ed interesse. Tra le passioni e gli interessi più particolari c'è quello della conoscenza dei diversi tipi di roccia, e riconoscerne l'origine è alla base di questa passione. Le rocce...
Superiori

Come riconoscere una prosopopea

I testi letterari presentano un inizio, una vicenda e una conclusione; inoltre è presente il soggetto e a volte anche l'antagonista. Nei testi poetici e nei linguaggi letterari, sono presenti delle figure retoriche, delle metafore e delle onomatopee....
Superiori

Come Riconoscere L'Oro Col Metodo Di Archimede

Quante volte ci siamo chiesti se tutti quegli oggetti che abbiamo in casa sono realmente in oro. Chissà, se quel bracciale a noi tanto caro è realmente di valore o una patacca in finto oro. In questa guida, in modo semplice, impareremo un metodo storico...
Superiori

Come riconoscere i verbi difettivi

I verbi sono una parte variabile del discorso; essi nella grammatica italiana sono abbastanza numerosi. In altre lingue i verbi difettivi sono ridotti ad un piccolo gruppo e vengono studiati a memoria. I verbi italiani possono derivare da sostantivi...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Superiori

Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono...
Superiori

Come riconoscere le figure retoriche

Quando si ha poca dimestichezza con le figure retoriche puó risultare arduo identificarle. Se poi ci si ritrova a dover affrontare l'analisi formale di una poesia o un testo, pur riconoscendole, è facile confonderle. Impiegate in poesia ma anche in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.