Come riconoscere un bullo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il bullismo è un comportamento sociale che vede una persona tendere a imporsi su un'altra. Chi subisce è la vittima, quello che vuole sopraffarla è indicata con il termine bullo. Al giorno d'oggi, esistono diverse forme di bullismo reali e virtuali (cyberbullismo). Una distinzione fondamentale si basa sul bullismo diretto e quello indiretto.
Il bullismo diretto vede una vittima ricevere degli attacchi fisici o verbali dal bullo. Sono, quindi, atteggiamenti tangibili e rilevabili senza difficoltà. Il bullismo indiretto ha una connotazione meno chiara, essendo quello del bullo un atteggiamento volto a danneggiare la vittima isolandola dagli altri e estromettendola dal suo gruppo di amicizie. Vediamo insieme come riconoscere un bullo.

26

Prevarica gli altri

Il bullo non scherza, ma prevarica gli altri senza preoccuparsi di ferire o causare danni. Spesso anche solo per divertirsi, il bullo decide con consapevolezza di arrecare fastidio ad una vittima. Solitamente il bullismo vede tra i banchi di scuola il luogo perfetto in cui manifestarsi: le vittime sono abbastanza grandi per capire, ma troppo piccoli per difendersi e reagire ai soprusi. La paura del bullo, magari di una sua vendetta in caso di una reazione o di una denuncia, è il mezzo più comune con cui il bullo tiene sotto scacco la sua vittima.

36

Dura nel tempo

Non confondere un litigio in quanto tale con un episodio di bullismo. La prevaricazione del bullo è durevole nel tempo, mentre un litigio è di tipo episodico. Il bullo usa la sua influenza sugli altri per "fare squadra" nei confronti di una o più persone e si diverte a consumare la sua prepotenza per più giorni e settimane. Anche chi assiste ad episodi di bullismo verso persone è vittima a sua volta. Vale la pena capire se l'arroganza del bullo è circoscritta nel tempo o se si protrae per periodi lunghi e agire prendendone le misure. Spesso chi è sottomesso da un bullo non ha la forza di alzare la testa e ha bisogno di un aiuto esterno.

Continua la lettura
46

Cerca conferme

Il bullo è fondamentalmente qualcuno che ostenta la sicurezza che non ha. La ricerca di conferme da parte del gruppo di cui fa parte lo rende debole. Se non viene temuto o incoraggiato dagli altri, il bullo perde il coraggio delle sue riprovevoli azioni. Giustificarlo per via dell'età è il modo migliore per diseducarlo a come si vive nella società. La gravità delle azioni di un bullo verso le sue vittime si misura anche in base a ciò che viene percepito dal gruppo che lo circonda. Più sono gravi le offese e le azioni verso le sue vittime, più il bullo cerca l'approvazione degli altri vantandosi di essere "il più forte".

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il bullismo va denunciato ai Carabinieri perché è un reato
  • Se sei vittima di bullismo chiedi aiuto ai tuoi genitori o ai tuoi insegnanti

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come insegnare a riconoscere le monete ai bambini

Insegnare a riconoscere le monete ai bambini è un concetto che non è difficile da imparare. Capire il valore monetario è tutto ciò che ogni singola moneta o carta indica. Ogni paese insegna il sistema monetario che si riferisce alla propria vita....
Elementari e Medie

Come riconoscere le diverse funzioni del CHE in italiano

Nella lingua italiana, la particella "che" può svolgere tre diverse funzioni principali: aggettivo, congiunzione o pronome. Imparare a riconoscere queste tre funzioni è importante per poterne fare un uso corretto, sia nell'italiano parlato che scritto....
Elementari e Medie

Come riconoscere le sequenze in un testo

Il sequenziamento è una delle tante competenze che contribuiscono alla capacità degli studenti di comprendere ciò che leggono. Le sequenze si riferiscono all'identificazione dei componenti di una storia, come: l'inizio, il contenuto e la fine; inoltre...
Elementari e Medie

Come riconoscere il complemento distributivo

L'analisi logica viene insegnato ai bambini sin dalle elementari. Questo serve per far capire a loro la corretta suddivisione delle parole in una frase e il corretto utilizzo di tutti gli elementi che la compongono. Fra i complementi più ostici, riconoscere...
Elementari e Medie

Come riconoscere il complemento di specificazione e di denominazione

Le frasi sono composte da più componenti ed è attraverso l' analisi logica che è possibile individuare la loro funzione all' interno della frase stessa. I primi elementi da individuare in una frase sono: soggetto, predicato verbale o nominale, (a...
Elementari e Medie

Come riconoscere il complemento partitivo

La lingua italiana è una delle lingue più complesse da imparare, perché possiede molte regole grammaticali che risultano molto importanti per riuscire a formulare delle frasi di senso compiuto. Per riuscire ad imparare la nostra lingua più facilmente,...
Elementari e Medie

Come Riconoscere I Pronomi Della Lingua Italiana

Il pronome è la parte variabile del discorso che puo' sostituire un nome, un verbo, un altro pronome, un aggettivo o un'intera frase. Possiamo distinguere 7 tipi di pronomi: pronome personale, pronome possessivo, pronome dimostrativo, pronome indefinito,...
Elementari e Medie

Come riconoscere i numeri primi

I numeri primi sono numeri interi che devono essere maggiori di uno e, di conseguenza, zero e uno non sono considerati numeri primi, né alcun numero minore di zero; il numero due, tuttavia, è il primo numero primo in quanto può essere diviso solo per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.