come riconoscere le tipologie dei nomi deverbali

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Per verbi deverbali (VDev) si intendono, in base ai comportamenti morfologicidell’italiano, verbi formati a partire da una base verbale mediante opportuni suffissi (conl’eventuale concomitante comparsa del prefisso s-, che connota come parasintetico ilprodotto dell’operazione). La derivazione di nomi da verbi è uno dei processi formativi che generano un alto numero e varietà di forme, usate con grande frequenza. I due significati principali dei nomi deverbali sono quello di azione (lavorazione, montaggio, spostamento, diffidenza, mormorio, passeggiata, nascita, trattativa; e quello di agente (battitore, chiacchierone, imbianchino; a cui si aggiungono quelli di risultato, strumento e luogo (cucitura, segatura; temperino, fresatrice; galoppatoio, stireria). In pochi e semplici passaggi vi spiegherò, nella maniera più chiara e comprensibile possibile come riconoscere le tipologie dei nomi deverbali.

25

Il nome d’azione conserva alcune importanti caratteristiche specifiche dei verbi, in primo luogo la possibilità di avere degli argomenti. Questa tipologia si riconosce poiché le funzioni tematiche (agente, paziente, ecc.) del nome deverbale rimangono le stesse del verbo di base, ma sono espresse da argomenti diversi: gli argomenti diretti del verbo (soggetto e complemento oggetto) diventano obliqui, di norma introdotti da di: (1) il programma chiude / la chiusura del programma. (2) i contadini coltivano patate / la coltivazione delle patate. I suffissi più impiegati per la formazione di nomi d’azione sono: -zione, -mento, -tura, -za, -aggio, -ìo. La funzione principale di tali suffissi è la trasposizione in nome dell’espressione di un’azione, normalmente espressa da un verbo.

35

I nomi di agente indicano una persona che svolge un’attività espressa dal verbo di base, specialmente se in modo abituale, ripetuto o per professione. Essi si riconoscono dal fatto che il nome derivato corrisponde al ruolo argomentale del soggetto agente del verbo; possono essere quindi derivati con un suffisso quasi tutti i verbi, ma non i verbi intransitivi ergativi (*arrivatore), gli intransitivi pronominali (*ammalatore), i verbi che esprimono stati psicologici (*preoccupatore). Il suffisso più produttivo e che conta un maggior numero di formazioni è il maschile -tore (bevitore, conduttore, confessore, difensore, fornitore, giocatore, guaritore, guidatore, importatore, invasore, inventore, lettore, programmatore, pulitore, scalatore, vincitore), a cui corrisponde il femminile -trice (sciatrice, scrittrice, truccatrice, venditrice).

Continua la lettura
45

I nomi di strumento deverbali sono derivati in molte lingue con gli stessi suffissi usati per formare nomi di agente, grazie a uno slittamento semantico che va da colui che compie l’azione allo strumento impiegato per realizzarla, tanto più frequente nei casi in cui si tratti di macchine o di altri dispositivi complessi che sostituiscono il lavoro un tempo compiuto dall'uomo. Il significato comune ai derivati è «oggetto che V»; essi si riconoscono poiché oltre ai suffissi d’agente, è impiegato anche il suffisso -toio/-a, che ha significato anche locativo.

55

I nomi di luogo deverbali si formano produttivamente con i suffissi -toio, -torio (poco usati al femminile) e -eria. Con i suffissi -toio/-a, -torio si indica di norma il luogo in cui si svolge, per lo più abitualmente, una certa azione: galoppatoio, mattatoio, spogliatoio, stenditoio; caditoia, feritoia, passatoia, scorciatoia; consultorio, crematorio, dormitorio, laboratorio, osservatorio, sanatorio. Il suffisso -eria è usato per indicare nomi di negozi, laboratori, luoghi adibiti alla lavorazione, produzione o vendita: fonderia, raffineria, stireria.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come riconoscere gli anelli aromatici

In questo capitolo cercheremo di riconoscere gli anelli aromatici, che vengono anche riconosciuti come composti aromatici semplici, questi composti organici aromatici che sono formati da un sistema ciclico a struttura planare in cui tutti gli atomi che...
Università e Master

Come Riconoscere Un Doppio Legame Comunicativo

Il doppio legame comunicativo, o doppio vincolo, riguarda due individui legati da un sentimento profondo (madre-figli; padre-figli; fratelli; partners). La comunicazione ha diverse sfaccettature. Spesso verbalmente comunichiamo un pensiero, mentre a gesti...
Università e Master

Come riconoscere errori casuali edf errori sistematici

Ogni volta che ci si accinge a fare una misurazione bisogna tenere in considerazione che tale operazione porta con se una incertezza. È questo il motivo per il quale si ripete almeno tre volte e si fa una media. In realtà esistono due tipi di errori,...
Università e Master

Come riconoscere un quadrilatero articolato di Grashof

La scuola ci ha fatto palpitare, ma dobbiamo dire grazie a essa che riusciamo a comprendere e conoscere termini e soluzioni d'italiano, matematica, geometria utili per affrontare con semplicità il mondo lavorativo e professionale. In questa piccola guida...
Università e Master

Come riconoscere se un'unità è a reggipoggio o a franapoggio

Nel caso in cui avessimo la necessità di leggere una carta geologica, uno dei fattori assolutamente fondamentali è quello di capire le geometrie delle unità geologiche, la loro immersione, inclinazione: fondamentalmente bisogna comprendere le relazioni...
Università e Master

Come riconoscere un flusso turbolento o laminare

La meccanica dei fluidi rientra in quella branca della fisica che si occupa dello studio dei liquidi e dei gas, sia in condizioni statiche che in condizioni dinamiche. Nel caso in cui un fluido sia fermo, ovviamente parleremo di condizione di staticità....
Università e Master

Come Riconoscere La Struttura Di Una Cellula Animale Al Microscopio Ottico

La cellula animale è alla base della biologia. Si tratta dell'unità funzionale di tutti i tessuti viventi e può assolvere individualmente tutte le funzioni vitali essenziali. Le cellule che costituiscono i diversi tessuti del corpo mostrano un'ampia...
Università e Master

Come riconoscere i meccanismi di difesa

Nel corso della storia, il disagio mentale e psichico è sempre stato oggetto di interesse anche se gli approcci ad esso talvolta si sono mostrati contrastanti tra loro: spesso, infatti, i malati mentali erano emarginati e trattati come esseri inferiori,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.