Come riconoscere il complemento di specificazione e di denominazione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Le frasi sono composte da più componenti ed è attraverso l' analisi logica che è possibile individuare la loro funzione all' interno della frase stessa. I primi elementi da individuare in una frase sono: soggetto, predicato verbale o nominale, (a seconda che il verbo sia seguito da un verbo o nome) e complemento. Essi si distinguono in complementi diretti, se dipendenti direttamente dal verbo, e complementi indiretti. Questi ultimi sono legati indirettamente al verbo in quanto preceduti da preposizioni. In una frase ne possiamo trovare anche più di qualcuno. Nello svolgimento dell'analisi logica si possono incontrare delle difficoltà in quanto la medesima preposizione può introdurre complementi diversi. In questa guida vediamo in particolare come riconoscere e distinguere il complemento di specificazione e quello di denominazione.

24

Come riconoscere il complemento di specificazione

Il complemento di specificazione è introdotto dalla preposizione semplice di o articolata del, dello, della, degli e risponde alle domande "di chi?" (rivolto a un essere animato) e "di che cosa?" (rivolto a un oggetto). Svolge la funzione di specificare il sostantivo che lo precede. Per comprendere meglio il concetto, facciamo degli esempi: il libro di ricette (specifica di che cosa è il libro); il libro di Matteo (specifica di chi è il libro); il goal di Ronaldo (specifica di chi è il goal). Pertanto, la prima cosa da fare quando sei davanti ad un complemento introdotto da di (del, delle o delle) è porti la domanda di chi?, di che cosa?

34

Differenza tra complemento di specificazione e partitivo

Impara a non confondere il complemento di specificazione con il complemento partitivo, essendo anch'esso introdotto dalle preposizioni articolate "dei" e "delle". Facciamo quindi un esempio: "nel tavolo ci sono delle monete". Come puoi notare la preposizione delle è usata con il significato di "certe", "alcune", pertanto non sei in presenza di nessun complemento di specificazione, ma di un complemento autonomo, ovvero partitivo. In particolare basti pensare che il complemento partitivo indica una "parte".

Continua la lettura
44

Come riconoscere il complemento di denominazione

Il complemento di denominazione è da alcuni grammatici considerato non un vero e proprio complemento, ma una variante di quello di specificazione. Indica il nome proprio di un luogo, di una persona, di un giorno o di un mese (la città di Udine, la regione del Friuli Venezia Giulia, il nome di Alessandro, il mese dicembre). In questo caso sei in presenza di un nome proprio (per la maggior parte è un nome geografico), introdotto dalla preposizione semplice di. Facciamo degli esempi:
a) Sono nata nel mese di maggio;
b) Il lago di Como è meta di numerosi vip;
3) Amo la città di Torino.
Siamo giunti ormai al termine di questa guida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Analisi logica: i complementi diretti e indiretti

Nella lingua italiana, il processo attraverso il quale diamo ai singoli complementi di una frase la giusta attribuzione (di significato e appartenenza), è quello definito dall'analisi sintassica degli elementi, che identifichiamo come analisi logica...
Elementari e Medie

Grammatica: guida ai complementi

Quante volte vi capita di parlare senza riflettere sulle regole grammaticali che state utilizzando per formare le vostre frasi? Credo che capiti sempre a tutti di farlo. Le regole sono alla base di ogni lingua: senza di essere parleremmo tutti in modo...
Elementari e Medie

Analisi logica: il complemento di qualità

La grammatica è una delle materie più importanti in assoluto, in quanto fornisce allo studente tutte le nozioni necessarie per riuscire a parlare, leggere e scrivere perfettamente in madrelingua. Tra gli argomenti di maggiore rilievo della nostra grammatica...
Superiori

Analisi logica: il complemento di mezzo

La lingua italiana è una lingua romanza, nata dal latino e sviluppatasi unendo di più dialetti provenienti da diverse regioni e per questo presenta una difficoltà grammaticale non indifferente, infatti l'italiano è la seconda lingua con più verbi...
Lingue

Grammatica francese: i pronomi relativi

I pronomi relativi sostituiscono il nome o il pronome che li precede e mettono in correlazione una proposizione principale con una subordinata. Vista l'importanza che presentano, i pronomi relativi sono molto diffusi in ogni lingua. In questa guida impareremo...
Superiori

Analisi logica: struttura e complementi

L’analisi logica è il procedimento attraverso cui individuiamo le categorie sintattiche che compongono la frase. Le categorie sintattiche sono: soggetto, predicato, complementi, attributi, apposizioni. Focalizziamo ora la nostra attenzione sulla struttura...
Elementari e Medie

Analisi logica: il complemento di termine

Nella grammatica italiana, l'analisi logica è fondamentale. Consente una scrittura fluida di testi chiari e corretti. Inoltre, migliora e facilita la comprensione e l'interpretazione di un manoscritto. Ecco pertanto le nozioni indispensabili per svolgere...
Superiori

Come fare l'analisi logica

A scuola viene spesso richiesto lo svolgimento dell'analisi logica di una frase o periodo. Fare l'analisi di una frase dal punto di vista logico significa riconoscere le varie parti che la compongono e le relazioni che ci sono fra di esse. Per fare una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.