Come riconoscere errori casuali edf errori sistematici

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Ogni volta che ci si accinge a fare una misurazione bisogna tenere in considerazione che tale operazione porta con se una incertezza. È questo il motivo per il quale si ripete almeno tre volte e si fa una media. In realtà esistono due tipi di errori, quelli casuali edf quelli sistematici. In questa guida vedremo come riconoscere tali errori (casuali e sistematici), per prenderne coscienza e tenere in conto quando necessario.

24

Gli errori sistematici sono i più difficili da identificare e spesso sono dovuti alle imprecisioni dettate dallo strumento impiegato. Se ci si accorge o si prende in considerazione che è lo strumento un errore quello che è poi facile monitorare è la taratura dello strumento impiegato stesso. Si può decidere perfino di sostituirlo con uno più preciso. Spesso però gli errori sistematici sono anche dovuti all'interazione esistente tra lo strumento e il fenomeno in questione. Le errate condizioni di lavoro per esempio sono un errore sistematico. Bisogna poter conoscere tutte le variabili per potersi mettere nelle condizioni ideali per effettuare la misura.

34

Gli errori casuali invece sono incontrollabili in quanto possono dipendere dallo stesso operatore che può sbagliarsi a leggere la misurazione temporaneamente. È questa la ragione per la quale si fanno spesso tre letture e successivamente si ricava la media e la deviazione standard. Questo avviene anche se gli operatori sono più di uno solo. Un errore accidentale è quello di parallasse per esempio, anche se si conosce la causa e quindi potrebbero essere considerati sistematici, per quanto ci si sforzi di stare attenti l'operatore potrebbe non rendersi conto di sbagliarsi.

Continua la lettura
44

Certamente conoscere che esistono degli errori, sistematici e casuali o accidentali, può aiutare ad avere maggiore coscienza nel momento in cui ci si accinge ad effettuare una misurazione. Non deve scoraggiare, ma aiutare l'operatore a ricercare le condizioni ottimali, insieme agli strumenti più sofisticati. Utile è anche la calibrazione degli strumenti, che deve essere effettuata periodicamente e con attenzione. Inutile dire che durante una misurazione bisogna concentrarsi il più possibile e ripetere l'operazione più volte al fine di ridurre l'errore con una media opportuna. Ciò non significa nemmeno che la misurazione dovrebbe essere fatta solo da una persona, anzi il confronto tra le medie di più operatori potrebbe servire a ridurre l'errore e a rendere la misurazione più corretta, anche se non certa del tutto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

I 10 errori da evitare nella stesura di una tesi di laurea

La stesura di una tesi di laurea non è affatto semplice in quanto è importante eseguirla nel modo più corretto. In questa utilissima guida dedicata a tutti gli studenti universitari vi indico con parole molto semplici quali sono i 10 errori da evitare...
Università e Master

Errori da non commettere all'Università

È pensiero comune che il periodo dell'università sia uno dei momenti più intensi e formativi nella vita di ciascuno di noi: la prima vera libertà, le prime responsabilità, soddisfazioni e fallimenti, gente nuova e tanta, il mondo del lavoro che si...
Università e Master

I 5 errori più comuni in un tesi di laurea

La tesi di laurea rappresenta la fase conclusiva del corso degli studi universitari. Tramite la tesi, infatti, si può dimostrare quanto una persona vale e che cosa ha appreso dopo anni ed anni di intensi studi. La tesi di laurea non indica soltanto un...
Università e Master

Appunti di chimica analitica

In genere richiede delle operazioni preliminari, in maniera tale da filtrare tutti gli elementi che non servono per l'analisi analitica che si deve effettuare. Lo scopo di questi appunti di chimica è quello di illustrare le basi di chimica analitica....
Università e Master

I peggiori errori durante la preparazione di un esame

La scuola e l'università, mettono tutti sempre davanti a parecchi esami e a parecchi ostacoli da dover superare in maniera brillante o almeno sufficiente. Non è spesso facile studiare alcune materie o alcuni argomenti, trovare i vari collegamenti e...
Università e Master

10 errori da evitare durante la discussione della tesi

Il momento della discussione della tesi è agognato e temuto allo stesso tempo da parte di tutti gli studenti universitari. Agognato perché pone fine a diversi anni di studio, ma temuto perché si tratta dell'esame più importante, fino a quel momento,...
Università e Master

10 errori che commettono gli studenti universitari

Ogni passaggio da un livello di studio al successivo comporta dei cambiamenti, la metodologia di studio, lo svolgimento delle lezioni, le regole interne.   E ogni bravo studente deve sapersi adattare alle nuove situazioni per riuscire a restare al passo...
Università e Master

Errori da evitare nella stesura di un saggio breve

Il saggio breve è una prova di esame che si sostiene all'esame di stato. Esso è corredato da diversi documenti che il candidato deve analizzare. È indirizzato a persone competenti, quindi bisogna utilizzare un linguaggio formale o addirittura specialistico....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.