Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono insieme agli altri elementi della principale e circondati dai complementi diversi. Un nome oppure un pronome che funge da soggetto insieme ad un verbo al participio presente, futuro o perfetto che fa da predicato. Entrambi al caso si chiama ablativo. Difficilmente i due componenti si trovano da soli nella frase, uno vicino all'altro. In tale guida vi spiegheremo come riconoscere e, perciò, tradurre l'ablativo assoluto. Buona lettura e buono studio!

26

Occorrente

  • vocabolario latino-italiano
  • conoscenze pregresse di analisi logica e del periodo
  • conoscenze pregresse della grammatica latina
36

Dovrete capire prima di tutto perché è chiamato ablativo assoluto

Occorrerà prima di tutto capire che cosa è l'ablativo assoluto e perché è chiamato in questo modo. Non è teoria pura e semplice, però è il primo strumento che vi farà capire come riconoscerlo internamente ad una frase. Si chiama ablativo, chiaramente in quanto i due termini, soggetto e predicato, sono all'ablativo. La parola chiave è assoluto. Essa deriva dalla parola "absolutus", che significa sciolto, in quanto non c'è nessun elemento che lo unisce alla reggente. Per capire tale concetto, dovrete ad esempio pensare alle relative, dove il pronome relativo è il punto di legame tra le due frasi. Nelle finali, consecutive o causali, ad esempio, si hanno delle congiunzioni particolari che uniscono la reggente alla subordinata. Se l'ablativo assoluto non è presente, niente legherà le due frasi. L'ablativo assoluto risulta quindi sciolto, e più precisamente a se stante. È inutile cercare perciò parole chiave che vi aiutino a riconoscerlo. D'altra parte se avete una di tali congiunzioni, oppure un pronome relativo, dovrete essere a conoscenza con sicurezza, che non si tratterà di ablativo assoluto.

46

Vi spieghiamo quando incontrerete l'ablativo assoluto

Quando si avrà invece l'ablativo assoluto? Il miglior modo per saperlo sarà quello di vedere bene i verbi. Una volta che traducete, la prima cosa che dovrete fare è quella di sottolinearli. Una volta che avete un verbo al participio, di un tempo qualsiasi, ad esempio futuro, presente o perfetto, e questo è all'ablativo con ciascuna probabilità, avrete quindi un ablativo assoluto. Dovrete quindi cercare il nome o il pronome concordato, poi dovrete vedere se è "sciolto". Questo vuol dire non soltanto che non c'è una parola che lega la subordinata alla reggente. Significa anche che il soggetto dell'ablativo assoluto non dovrà essere un complemento della reggente. Se questo si dovesse verificare, non si tratterebbe di ablativo assoluto, però il participio sarebbe soltanto una relativa. Il secondo elemento perciò che dovrete osservare per essere sicuri che si tratta di ablativo assoluto, sarà il soggetto. Se tale risulta veramente sciolto, cioè non è un complemento della reggente, allora avrete senza dubbio un ablativo assoluto.

Continua la lettura
56

Vi spieghiamo come tradurre l'ablativo assoluto

Se avete invece il futuro o ci sono molti complementi, dovrete assolutamente esplicitarla. In tal caso dovrete capire il senso della frase che avete davanti a voi, scegliendo quella maggiormente giusta. Si potrà tradurre in genere come cum+congiuntivo, spesso perciò come causale, concessiva, avversativa ed altre. Dovrete ricavare il tempo del verbo dalla consecutio temporum. Per terminare vi spieghiamo come dovrete tradurre l'ablativo assoluto. Se non avete troppi complementi, potrete lasciarli in forma implicita. Dovrete tradurre il verbo al modo gerundio, presente oppure al tempo passato, o anche al participio passato con successivamente il soggetto. Questo sarà possibile soltanto con il presente ed il tempo perfetto, in quanto l'italiano non ha il futuro nei modi indefiniti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di iniziare a tradurre, sottolineiamo sempre tutti i verbi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica greca: come riconoscere e tradurre il genitivo assoluto

Il genitivo assoluto è un costrutto della grammatica greca molto difficile da riconoscere e da tradurre. Dal punto di vista logico non appare complicato. Quando lo hanno spiegato in classe, infatti, pensavamo di averlo capito perfettamente. Il soggetto,...
Superiori

L'ablativo latino: guida al suo utilizzo

A volte, è semplice distinguere quale complemento traduce perché è preceduto da delle preposizioni, altre volte no perché è solo, retto dal verbo. In questa guida vedremo come riconoscere l'ablativo latino, e come tradurlo. In definitiva, alla fine...
Superiori

Costruzioni latine: l'ablativo assoluto

Sciolta da legami grammaticali con la proposizione reggente l’ablativo assoluto è formato dall'unione di un nome e da un participio presente o perfetto. Nell'ablativo assoluto, il nome ha la funzione di soggetto logico del participio. La caratteristica...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
Superiori

Come tradurre una versione di latino

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo...
Superiori

Come tradurre il supino in latino

Quando osserviamo un paradigma di un verbo in latino, oltre a trovare la forma della prima persona del presente indicativo, la seconda dello stesso tempo, la prima del perfetto e l'infinito del verbo, troviamo anche un nome verbale denominato supino....
Superiori

Trucchi per tradurre una versione di latino

Tradurre una versione di latino è un compito molto difficile per tutti. I trucchi elencanti di seguito sono utili sia per chi mira alla sufficienza che per chi vuole raggiungere ottimi risultati. Seguire questi trucchi con costanza è un ottimo metodo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.