Come ricavare un'equazione di secondo grado essendo note le due radici

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Un'equazione di secondo grado, definita anche equazione quadratica, è un'uguaglianza algebrica in cui è presente una sola incognita, il cui grado massimo è pari a 2. La forma tipica di un'equazione di secondo grado è: ax^2 + bx + c = 0, in cui il coefficiente a deve essere necessariamente diverso da zero, altrimenti l'equazione diventerebbe di primo grado. Risolvere una equazione significa calcolare i valori per i quali essa è verificata. Il teorema fondamentale dell'algebra stabilisce che nel campo complesso un'equazione di secondo grado ammette sempre 2 soluzioni, eventualmente coincidenti. Nel campo reale, invece, le equazioni di secondo grado possono ammettere due soluzioni, anche coincidenti, oppure possono non ammettere soluzione. Nella seguente guida, passo dopo passo, ci occuperemo di effettuare l'operazione inversa alla determinazione delle radici dell'equazione. Essendo note le due radici, vedremo come ricavare l'equazione di secondo grado. Ecco dunque come procedere.

26

Ipotizzate di conoscere le soluzioni di un'equazione di secondo grado. L'obiettivo è quello di ricavare l'equazione algebrica di secondo grado che ammette come soluzioni quelle già note. Supponete che la prima radice, definita x1 sia uguale a 3 e la seconda radice, definita x2 sia uguale a 4. Procedete considerando un'equazione generica del tipo ax^2 + bx + c = 0. Sommate, adesso, le due soluzioni, utilizzando le formule note per la risoluzione delle equazioni di secondo grado: x1 + x2 = [ -b - Sqrt (b^2-4ac) ] / 2a + [ -b + Sqrt (b^2 - 4ac) / 2a ]. Risolvendo con le semplici regole di base otterrete che: (- 2b) / 2b = -b / a.

36

Quindi, x1 + x2 = - b / a. Considerate, adesso, il prodotto delle due radici della precedente equazione generica: [ - b - Sqrt (b^2 - 4ac)] /2a per [ -b + Sqrt b^2 - 4ac) ] / 2a. Svolgendo semplici passaggi algebrici ricaverete la soluzione che sarà pari a x1 * x2 = c / a. Secondo le regole fondamentali, è possibile scrivere un'equazione di secondo grado nella forma: x^2 - sx + p = 0.

Continua la lettura
46

Nell'equazione ricavata, s rappresenta la somma delle sue radici: s = x1 + x2, mentre p equivale al prodotto delle stesse: p = x1 * x2. Nel nostro caso specifico s = 3 + 4, ossia s = 7 e p = 3 * 4 = 12. Sostituendo questi valori nell'equazione generica somma/prodotto di radici x^2 - sx + p = 0 otterrete x^2 - 7x + 12 = 0. Avete ricavato, in modo molto semplice e con pochi passaggi, l'equazione di secondo grado, note le sue radici. Per verificare che non abbiate commesso errori, provate a ricavare le radici e otterrete x1 = 3 e x2 = 4. CVD.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come trovare il massimo in un'equazione di secondo grado

Le equazioni di secondo grado sono dette anche equazioni quadratiche e sono operazioni algebriche che contengono una sola incognita (detta x) e che compare con grado uguale a 2. La formula caratteristica di tale equazione è ax²+bx+c =0. Lo studio dei...
Superiori

Come scomporre un'equazione di grado superiore al secondo

La matematica è una disciplina che per molte persone può rappresentare un vero e proprio ostacolo. Quando non riusciamo a capire come si eseguono alcune operazioni possiamo cercare online fra le moltissime guide presenti che ci spiegheranno i vari passaggi....
Superiori

Come trovare il minimo in un'equazione di secondo grado

Se sei alle superiori e la matematica non è proprio il tuo forte o semplicemente hai bisogno di una dritta, questa guida ti potrà essere utile. La matematica è impegno e concentrazione, è conoscere e seguire in ogni dettaglio i vari step per risolvere...
Superiori

Come calcolare il segno di un trinomio di secondo grado

Moltissimi di voi hanno un nemico comune: la matematica. In questa guida vi daremo una mano in un ramo dell'algebra; quello del calcolo del segno di un trinomio di secondo grado. Bisogna innanzitutto definire un trinomio di secondo grado come: f (x)=...
Superiori

Come discutere un'equazione parametrica di primo grado con il metodo diretto

Un'equazione è l'equivalenza tra due espressioni letterali. La soluzione o radice si ottiene attribuendo alle incognite dei particolari valori numerici. Se i coefficienti di un'equazione di primo grado sono funzioni di una o più variabili, anche le...
Superiori

Come ricavare l'equazione di una retta passante per due punti

Oggi dedichiamo la nostra attenzione ad un ramo particolare della matematica, ovvero la geometria analitica, quella parte della scienza matematica che si occupa della rappresentazione sugli assi cartesiani delle equazioni di diverso grado. In particolare...
Superiori

Come ricavare l'equazione di una retta passante per un punto e parallela ad una retta

Ricavare l'equazione di una retta passante per un punto e parallela ad una retta è uno dei problemi nei quali si può incorrere durante lo studio della geometria analitica. Niente paura: avendo l'equazione della seconda retta e il punto attraverso il...
Superiori

Come trovare l'intercetta nelle equazioni di secondo grado

Le equazioni di secondo grado vengono espresse nella forma ax^2+bx+c=0, dove i coefficienti a, b e c sono diversi da 0. Detto questo, immaginiamo di dover rappresentare l'equazione in un grafico cartesiano bidimensionale, avremo quindi l'ascissa x e l'ordinata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.