Come ricavare una funzione dal grafico

Tramite: O2O 03/06/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

Imparare come riconoscere una funzione soltanto dal grafico è un'impresa, soprattutto per chi non va molto d'accordo con la matematica. Non esiste un metodo sicuro per ricavare la soluzione, ma servono intuizione e colpo d'occhio. Come per tutti i problemi matematici, tuttavia, ci sono degli accorgimenti che possono aiutare nella maggior parte dei casi.

29

Occorrente

  • Matita, fogli e un buon testo di matematica
39

Imparare a riconoscere le funzioni periodiche

Le funzioni periodiche sono le più semplici da riconoscere: se vediamo che il grafico è composto da forme che si ripetono con costanza, possiamo concludere che la soluzione sarà sicuramente tra queste. Ce ne sono di due tipi:1. Seni e coseni, dalla caratteristica forma ondulata. Per distinguerle basta controllare se passa per l'origine: in caso positivo, la funzione è un seno; in caso contrario, ci troviamo di fronte ad un coseno.2. Se la funzione, a intervalli costanti, attraversa dall'alto al basso il grafico, con le estremità che tendono all'infinito, abbiamo una tangente (invece, se scende verso meno infinito è una cotangente).

49

Polinomi

Anche le rette sono semplici da riconoscere, ma non è immediato capirne l'equazione solo dal grafico. Se la retta cresce, il coefficiente angolare è positivo, altrimenti è negativo. Un caso particolare di retta è la funzione costante: il suo grafico è parallelo all'asse delle ascisse. Il grafico di un polinomio si riconosce dai punti stazionari (minimi e massimi) e dai cambi di concavità (flessi): al crescere del loro numero cresce il grado del polinomio. Una parabola ha un massimo o un minimo (dipende dal segno della concavità) e la funzione che la rappresenta è un polinomio di secondo grado. Un polinomio di terzo grado ha un punto di flesso e, spesso, due punti stazionari locali (un minimo e un massimo).

Continua la lettura
59

Esponenziali e logaritmi

Una funzione esponenziale non assume mai valore zero: se il grafico non attraversa l'asse delle ascisse (l'asse delle x), allora è un'esponenziale. In particolare, se la funzione è crescente, si può affermare che la base è maggiore di uno, mentre se è decrescente, la base è compresa tra uno e zero (estremi esclusi). Passa per l'asse delle ordinate nel punto (0,1). I logaritmi sono le funzioni inverse delle esponenziali, quindi il loro grafico è simmetrico a quello di un'esponenziale rispetto alla bisettrice del primo e terzo quadrante (la retta y = x). Per riconoscerli, si osserva che il dominio è esteso a metà del piano (nella forma più semplice, il logaritmo esiste solo per i valori positivi). La base del logaritmo, come nel caso dell'esponenziale, è maggiore di uno se il logaritmo è crescente, compreso tra zero e uno se il grafico è decrescente. Il logaritmo passa per l'asse delle ascisse nel punto (1,0).

69

Funzioni composte

Le funzioni composte sono le più difficili da riconoscere. Alcuni casi particolari possono essere imparati a memoria, ma le varianti sono talmente numerose che l'unico modo per diventare bravi è esercitarsi molto e prendere confidenza con le trasformazioni. Un esempio significativo è una potenza con all'esponente una funzione (spesso un polinomio): si riconosce perché non attraversa mai lo zero, ma non è monotona. È utile, in questo caso, capire come si comporta l'esponente: dove la funzione vale uno, l'esponente vale zero; dove il grafico tende a zero, si intuisce che l'esponente tende a meno infinito, e così via... In questo senso, i limiti sono il modo più semplice per riconoscere una funzione complessa.

79

Partire dal fondo

Può essere utile provare a disegnare a mano il grafico di una funzione (senza nessuno studio, solo con un po' di ragionamento). Così facendo, si inizieranno a notare i tratti fondamentali dei vari grafici, i punti speciali e il comportamento. Se avete già risolto l'esercizio, ma non siete sicuri di aver indovinato, girate il foglio e provate a disegnare da zero la funzione: se il vostro disegno assomiglia a quello dato, probabilmente avete trovato la funzione giusta!

89

E infine: buon lavoro!

In conclusione, il miglior modo per imparare a riconoscere le funzioni dal grafico è fare molti esercizi e armarsi di:- quaderno e matita: provate a disegnare funzioni a mano, per abituarvi a vederne le proprietà;- vari grafici da studiare e confrontare tra loro;- tanta, tanta pazienza e determinazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come rappresentare un grafico di una funzione matematica

In questa guida andrete a scoprire come rappresentare un grafico di una funzione matematica. Ebbene sì, le funzioni nascondono degli indizi, in particolare delle linee su un grafico. Si potrebbe trattare ad esempio della frequenza del vostro battito...
Superiori

Come disegnare il grafico di una funzione fratta

Quando si tratta di studiare le funzioni sorgono sempre qualche perplessità: questo perché, per quanto la funzione possa essere semplice, lo studio risulta sempre molto lungo da svolgere, in quanto ogni passo è necessario e sufficiente per il passo...
Superiori

Come fare il grafico probabile di una funzione

La guida che vi andremo a proporre andrà a occuparsi di grafici e funzioni. Come potrete comprendere facilmente tramite la lettura del titolo stesso che accompagna questa piccola guida, ora vi spiegheremo, passo dopo passo, come fare il grafico probabile...
Superiori

Come disegnare il grafico di una funzione

Quando si parla di grafico di una funzione, ci si riferisce a quell'insieme di punti, rappresentato all'interno del piano cartesiano, in cui all'ascissa "x", viene associata l'ordinata "y", facendo riferimento al valore del dominio della funzione stessa....
Superiori

Come disegnare il grafico di una funzione composta

Lo studio delle funzioni è uno degli argomenti più importanti della matematica che si studia alle scuole superiori. Esistono funzioni semplici, e funzioni composte, fra le altre. Quelle composte sono in pratica formate dalla combinazione non lineare...
Superiori

Come disegnare il grafico di una funzione omografica

Una funzione omografica si definisce tale quando è individuata da una funzione che possiede la forma di y = (ax + b) / (cx + d). Le lettere a, b, c, e d appartengono all'insieme dei numeri reali e tutta la formula permette di arrivare all'individuazione...
Superiori

Come determinare l'equazione della retta tangente al grafico di una funzione

Dato un grafico di una funzione (più o meno semplice) curvilinea, trovare l'equazione della retta tangente ad essa in un suo determinato punto: questo è un problema piuttosto comune che si può trovare nella branca della geometria analitica. L'equazione...
Superiori

Come disegnare il grafico di una funzione esponenziale

Una funzione esponenziale secondo la definizione matematica è un numero che viene elevato a potenza, partendo da una base che è un numero e che spesso è costituita dalla così detta base naturale o numero di Eulero “e”. Si possono studiare funzioni...