Come rendere i compiti divertenti

Tramite: O2O 27/04/2017
Difficoltà: media
14

Introduzione

Difficilmente i bambini si divertono quando devono assolvere alle loro incombenze scolastiche, specialmente per quanto riguarda i compiti da svolgere a casa. Per motivarli allo svolgimento dei compiti è bene mettere in atto qualche strategia che possa renderli divertenti. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi forniremo alcuni suggerimenti utili per capire come rendere piacevole anche il momento di fare i compiti.

24

Proporre i compiti come dei quiz

Per rendere i compiti divertenti bisogna per prima cosa assumere un atteggiamento positivo. Dimostratevi pertanto entusiasti e curiosi nei confronti dei temi e degli argomenti di studio. Evitate qualsiasi atteggiamento negativo e cercate di rendere il momento dello studio piacevole, rilassato ed armonioso. Una strategia vincente per invogliare i bambini a fare i compiti consiste nel cercare di proporli sotto forma di gioco. Ad esempio, usate la storia e la geografia come una sorta di quiz. Esaminate le letture e gli esercizi assegnati dai maestri a vostro figlio e prendete spunto per proporre domande simili a quelle dei quiz televisivi, aggiungendo tre possibili opzioni di risposta tra cui lui dovrà individuare l'unica corretta.

34

Stabilire dei premi

Per quanto riguarda le odiate tabelline potreste pensare a dei piccoli premi. Proteste acquistare delle caramelle, ad esempio, e regalarne una ogni volta che il bambino dirà correttamente un'intera tabellina. Per i problemi di matematica proponetegli di utilizzare degli oggetti (dalle penne, alle mele, alle figurine) con cui rappresentare e risolvere quanto descritto nel problema. Se il bambino sta imparando a scrivere e a leggere fatelo sentire utile e importante: coinvolgetelo nella scrittura della lista della spesa, dettandogli lentamente cibi e quantità da comprare, invitatelo a leggere insieme a voi un volantino pubblicitario o una ricetta per la preparazione di un piatto.

Continua la lettura
44

Dar luogo ad una sfida di memoria

Un ulteriore metodo per farlo esercitare nella lettura è chiedergli di leggere qualcosa per voi. In questo caso potreste dirgli che siete stanchi e avete bisogno di un piccolo aiuto per rilassarvi: vi potrà leggere una fiaba, una poesia o un brano del libro scolastico. Quando dovrà cimentarsi con lo studio delle poesie potrete proporgli un ulteriore gioco per aiutare la memoria. Invitatelo a leggere più volte la poesia e, quando si sentirà pronto, potrà partecipare al gioco in cui voi leggerete la parte iniziale di un verso e lui dovrà completarlo con la parte finale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Scuola primaria: come aiutare il bimbo nei compiti

Durante lo svolgimento dei compiti è molto importante seguire il bambino, soprattutto i primi due anni di scuola primaria, poiché una volta acquisito il metodo di studio riuscirà autonomamente a studiare gli altre tre anni. In questa guida sarà illustrato...
Elementari e Medie

5 consigli per finire in fretta i compiti delle vacanze

Di rado le tanto desiderate vacanze estive arrivano senza compiti scolastici da svolgere: lo sappiamo, a chiunque piacerebbe rilassarsi anche dallo studio casalingo, ma è sempre buona cosa tenere allenata la mente per arrivare a settembre più preparati...
Elementari e Medie

Come aiutare un bambino dislessico a fare i compiti

In questo tutorial vi spiegheremo come aiutare un bambino dislessico a fare i compiti. La dislessia è un disturbo dell'apprendimento che si manifesta con la difficoltà di decifrare ed anche comprendere un testo scritto, discriminando le caratteristiche...
Elementari e Medie

Strategie divertenti per insegnare le tabelline

Quando ci si trova per la prima volta a dover imparare le tabelline sembra una missione quasi impossibile. Eppure in un modo o nell'altro bisognerà superare questo scoglio apparentemente insormontabile, poiché tornerà utile nel proseguimento dell'istruzione...
Elementari e Medie

Come rendere le frasi negative in francese senza l'uso del "PAS"

Generalmente nella lingua francese le frasi si rendono nella forma negativa utilizzando la particella "ne", da porre davanti al verbo, e "pas" dopo la forma verbale. Tuttavia, in alcune circostanze l'uso del "pas" risulta sbagliato. Quando si crea una...
Elementari e Medie

Primavera: 5 decorazioni per le finestre

Le giornate iniziano ad allungarsi, le temperature aumentano e il sole preannuncia l'arrivo della primavera. E si sa, in questa stagione si è tutti un po' più allegri perché ci si lascia alle spalle il rigido inverno. Il risveglio della natura e, perché...
Elementari e Medie

Come far migliorare i propri figli in matematica

Dal primo anno della scuola primaria, i bambini si trovano a dover imparare i fondamenti della matematica. L'apprendimento di questa materia può rivelarsi ostico e impegnativo, influendo sulla motivazione e sul rendimento scolastico dell'alunno. I genitori,...
Elementari e Medie

10 consigli per far amare la scuola ai vostri bambini

Nei primi anni scolastici, può succedere spesso che nei bambini si crea una particolare ansia e un particolare odio verso la scuola. I motivi di tale problema, possono nascere soprattutto a causa del ritmo scolastico da seguire ogni giorno, dei compiti...