Come redigere la bibliografia della tesi

Tramite: O2O 14/09/2019
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Dopo tanti anni di duro studio, ecco, finalmente si arriva alla stesura dell'agognata tesi di laurea. Per la buona riuscita della tesi, non bisognerà però commettere l'errore di sottovalutare la bibliografia che, al contrario, è di grande importanza visto che indicherà quali studi e libri, riguardanti l'argomento scelto, sono stati consultati, dando prestigio e, soprattutto, autorevolezza ed affidabilità al nostro scritto. Una bibliografia ben redatta, infatti, potrà aiutare il lettore ad approfondire i temi trattati e stimolarne l'interesse. Vediamo, allora, come redigere correttamente la nostra bibliografia ed ottenere 110 e lode (o almeno si spera!).

27

Le fonti

Mentre avviene la stesura della tesi, molti saranno i testi che verranno consultati e la bibliografia dovrà, appunto, contenere l'elenco completo delle opere utilizzate. Al contrario, tutto ciò che non è mai stato consultato personalmente non dovrà in alcun modo essere citato nella suddetta bibliografia. L'errore più comune, infatti, è quello di riportare nella nostra bibliografia quella "copiata" da uno dei libri consultati, in una sorta di cascata infinita. Inoltre, nella nostra bibliografia non dovremo limitarci a citare solo i canonici testi, ma tutte quelle fonti a cui abbiamo attinto e fatto riferimento, sia concettualmente che con citazioni virgolettate. Dunque spazio nella bibliografia anche ad articoli di giornali, riviste e persino siti internet.

37

Le regole

Non bisogna dimenticare, inoltre, che ogni disciplina ha il suo standard di riferimento. Per esempio, per quel che riguarda le materie mediche viene utilizzata sempre la "bibliografia Vancouver". Quindi, in base al settore ed alla materia dei vostri studi e della vostra tesi, dovrete utilizzare quella più appropriata, chiedendo, se necessario, aiuto al vostro docente relatore che saprà indirizzarvi sullo stile bibliografico da adottare. Una regola base, da seguire nella stesura della bibliografia, riguarda essenzialmente l'ordine in cui elencare il materiale utilizzato, che dovrà essere citato in ordine alfabetico per cognome dell'autore e non per titolo dell'opera, come si potrebbe facilmente essere portati a pensare. Se poi dello stesso autore ci sono più opere da menzionare, si procederà ad elencarle in ordine cronologico a partire dalle opere meno recenti fino a quelle più attuali.

Continua la lettura
47

I dati

Ora che sappiamo come ordinarli, come e cosa dobbiamo scrivere esattamente? Procediamo ad inserire, quindi, cognome e nome (di quest'ultimo basterà l'iniziale puntata) dell'autore in primis, il titolo e il sottotitolo del libro (possibilmente in corsivo), il luogo dove è stato pubblicato, la casa editrice e la data di pubblicazione, separando ogni voce con una una virgola. Se il testo è suddiviso il più volumi, bisognerà indicare anche il numero del tomo e, se esistono diverse edizioni dello stesso testo, anche il numero di edizione e il numero di pagine di cui è composto quello cui abbiamo fatto riferimento. Infine, se l'edizione originale è in lingua straniera ma si fa riferimento ad una traduzione in lingua italiana, bisognerà indicare anche tutti i dati del testo tradotto (cognome e nome del traduttore, casa editrice ecc, come se fosse una nuova fonte da inserire). Potrebbe, poi, capitare di inserire nella bibliografia un libro scritto da più autori. In questo caso, si inseriranno il cognome ed il nome degli autori in ordine alfabetico, sempre con il nome puntato. Seguirà il titolo del libro in corsivo, la città dove è stato pubblicato, la casa editrice e l'anno della pubblicazione. Nel caso, infine, abbiate consultato un libro scritto da più autori, ma in realtà abbiate letto solo un saggio in esso contenuto, allora bisognerà citare, nell'ordine e separati da una virgola, il cognome e il nome puntato dell'autore del saggio in questione, il titolo del saggio ed infine il cognome di tutti gli autori che hanno contribuito alla stesura del libro completo.

57

Le riviste

Se si vorrà inserire nella bibliografia un articolo pubblicato su di una rivista o un giornale, si dovranno scrivere il cognome ed il nome dell'autore (il nome sempre puntato), il titolo dell'articolo, quello della rivista stessa preceduto dal suffisso "in", l'anno e il numero della rivista, la data di pubblicazione e, se possibile, anche il numero della pagina o l'intervallo di pagine cui si fa riferimento. Per redigere una buona bibliografia si potranno inserire senza problemi anche dei riferimenti presi da siti WEB. In questo caso ci si potrà limitare solo ad una menzione nel testo dell'indirizzo web in questione e, se conosciuto, il nome dell'autore o della redazione. All'occorrenza, però, si potrà scegliere di considerare la fonte digitale alla stregua di una cartacea, specificando però anche l'indirizzo web di riferimento. Infine, se non lo sapete già, la bibliografia va inserita alla fine della tesi, subito dopo le conclusioni.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per facilitarvi la compilazione, tenete sempre a mente lo schema "autore - anno - titolo - luogo - editore - data" e poi tutte le altre informazioni aggiuntive. Se alcune informazioni non sono reperibili, non avvilitevi, inserite quelle conosciute cercando di rispettare lo schema il più possibile e ricordando sempre lo scopo ultimo della bibliografia: l'individuazione esatta del testo consultato.
  • Alcuni articoli tratti da riviste digitali dispongono del Digital Object Identifier (abbreviato DOI), da inserire in fondo alla citazione bibliografica. Qualora il DOI dovesse mancare o non essere reperibile, potrete sostituirlo con la sua URL (ossia l'indirizzo web completo).
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come cercare il materiale per la tesi di laurea

Prima o poi capita a tutti coloro che affrontano il percorso universitario di doversi cimentare con la tesi di laurea. L'esame culminante della carriera universitaria può benissimo essere considerato come l'esame più importante tra tutti quelli mai...
Università e Master

Come citare le fonti nella tesi di laurea

La tesi è il tassello finale e più importante che accompagna uno studente verso la conclusione del suo percorso universitario. Si tratta di un elaborato che viene scritto per mettere in luce gli apprendimenti acquisti durante l'intera carriera universitaria:...
Università e Master

Cosa non deve mancare in una tesi

Il percorso accademico regala emozioni diverse in tutte le sue fasi, dai primi esami alla preparazione dell'elaborato finale. Al termine degli studi è importante presentare una tesi che tratti un argomento interessante e inerente al corso di laurea scelto....
Università e Master

Come scrivere un abstract di una tesi

Dopo aver superato l'ultimo esame all'Università, è necessario presentare una tesi di laurea da esporre nel giorno di una sessione di laurea.. Per redigere una tesi di laurea, è preferibile chiedere suggerimenti al docente prescelto (anche per quanto...
Università e Master

Come sviluppare una tesi di laurea sperimentale

Dopo esservi sacrificati e rimboccati le maniche per tutto il vostro percorso di studi universitari, siete finalmente giunti al punto di stesura della tesi di laurea? Il passo conclusivo del vostro percorso universitario non è meno arduo e impegnativo...
Università e Master

Come scrivere le note in una tesi di laurea

Preparare la tesi è un lavoro di grande impegno. La tesi di laurea infatti è il risultato di anni di sacrifici ed impegno e deve essere un lavoro dettagliato e preciso non solo per ottenere una soddisfazione personale maggiore ma anche per soddisfare...
Università e Master

Come impostare una tesi sperimentale

La tesi è il compendio finale dello studio universitario. La scrittura di una tesi sperimentale richiede un paio d'anni di duro lavoro. Logicamente bisogna anche tener presente che eventuali esami arretrati oppure il tirocinio obbligatorio allungano...
Università e Master

Come impaginare una tesi di laurea

Dopo tanta fatica e stress, dopo essere riusciti a concludere tutti i vostri esami, siete anche voi giunti al momento dell'impaginazione della propria tesi di laurea? Risulta fondamentale impaginarla in maniera corretta perché l'impaginazione stessa...