Come realizzare una cromatografia su carta

tramite: O2O
Difficoltà: facile
110

Introduzione

La chimica è una materia piuttosto interessante quanto complessa, che richiede molto tempo e molta pazienza per essere appresa al meglio. Affinché ciò avvenga è necessario avere delle buone basi di partenza, in modo da poter comprendere al meglio argomenti molto più complessi e difficili. Tra gli argomenti da imparare assolutamente possiamo trovare la cromatografia su carta.
Durante le lezioni di chimica, e più in generale nei corsi relativi alle diverse discipline scientifiche, è interessante recarsi in laboratorio per eseguire alcuni piccoli esperimenti e avere così un'immagine visiva e concreta di tutti quelli che sono gli argomenti di studio. Un esperimento, in sintesi, si svolge attraverso poche fasi: ipotesi, svolgimento e verifica dell'ipotesi o della legge o teoria da esaminare. Attraverso i passaggi successivi di questa guida imparerete come bisogna procedere per poter realizzare una cromatografia su carta. Daremo utili consigli che vi faciliteranno la comprensione del processo. Mettiamoci all'opera e diamo inizio ai nostri esperimenti.

210

Occorrente

  • Carta
  • Penna nera
  • Pennarelli colorati
  • Alcool
  • Barattolo di vetro con tappo
310

Cosa tratta la cromatografia

Nello svolgimento di questo esperimento dovrete andare a separare i vari componenti di una miscela (nel nostro caso useremo l'inchiostro), i quali tendono a ripartirsi in modo diverso. Come ben suggerisce la stessa parola cromatografia, si tratta di riuscire a distinguere tali componenti grazie ai colori con i quali appaiono su una striscia di carta filtro assorbente. La separazioni degli elementi è determinata dal fatto che essi, una volta che sono stati trasportati da un solvente (l'alcool), si spostano con velocità differenti sulla carta. Il momento del trasporto vine definito "fase mobile". Si indica, invece, con il termine "fase stazionaria" lo stato di separazione delle componenti.

410

Materiali necessari

I materiali necessari allo svolgimento dell'esperimento sono: della carta, un paio di forbici, un barattolo con tappo, dell'alcool etilico e, infine, penne e pennarelli per poter ripetere l'esperimento utilizzando degli inchiostri di colori diversi. Iniziate l'esperimento andando a tagliare almeno quattro strisce di carta di circa 8 cm di lunghezza e 3 cm di larghezza. Prendete quindi le strisce di carta che avete preparato e, a circa 1,5 cm dal margine in basso, tracciate una riga ben marcata con l'ausilio di una penna, per esempio usando quella nera.

Continua la lettura
510

utilizzo dell'alcool

Versate ora dell'alcool all'interno del barattolo fino a 1 cm di altezza, quindi immergetevi dentro la striscia di carta, facendo in modo che rimanga ben posizionata in verticale (ricordate che l'alcool non deve assolutamente toccare la striscia di inchiostro, altrimenti si invaliderebbe l'esperimento!), quindi chiudete il tappo del barattolo. Adesso dovete aspettare circa 20-30 minuti prima di andare a estrarre la striscia di carta.

610

Tipologie di inchiostro

Quello che dovrete fare ora è ripetere esattamente questa procedura anche con tutte le altre tipologie di inchiostro. Nell'esempio che stiamo analizzando, l'esperimento è stato svolto, oltre che con la penna nera, utilizzando anche un pennarello blu, uno giallo e uno verde. Questo vi permetterà di avere più esempi da valutare e confrontare. Estraete dunque le strisce di carta dai barattoli e vedrete come il colore si sarà "spostato" verso l'alto, oppure sarà rimasto in basso, vicino alla linea che avete tracciato.

710

Spostamento dei pigmenti

Nel caso della penna nera e del pennarello blu, noteremo come i pigmenti scuri si saranno spostati verso la parte alta della striscia di carta. Con il pennarello giallo si vede, invece, come il pigmento dell'inchiostro sarà rimasto vicino dalla linea da noi tracciata. Un caso particolare è sicuramente quello del pennarello verde: in questa situazione, infatti, possiamo appurare come i due pigmenti, quello blu e quello giallo, si saranno separati. Il giallo sarà rimasto in basso, mentre il blu si sarà postato verso l'alto.

810

Conclusioni dell'esperimento

Quindi, per poter andare a scrivere quelle che sono le conclusioni del nostro esperimento, potremo affermare che quando il pigmento si "allontana" dalla linea da noi tracciata, questo risulterà essere maggiormente affine all'eluente (alcool). In caso contrario, invece, si dirà che il pigmento sarà più affine al foglio di carta. Come abbiamo visto con il caso del pennarello verde, possono anche presentarsi, utilizzando lo stesso inchiostro, entrambi i casi. Questa è la situazione che si verifica quando si vengono utilizzati i colori secondari.
Eseguire una cromatografia su carta è un lavoro piuttosto complesso che richiede impegno e studio per essere eseguita. Se siete alle prime o se l'argomento vi risulta ancora piuttosto ostico, non vi preoccupate, i suggerimenti di questa guida faranno esattamente al caso caso vostro e potrete iniziare ad apprendere meglio o fare esperimenti per riuscire ad assimilare meglio tutto quanto. Vi auguro quindi buon lavoro e buono studio.
A presto.

910

Guarda il video

1010

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

I principali metodi di separazione di miscugli e sostanze

Molti materiali di cui avete quotidianamente bisogno, come il sale da cucina o la benzina, si possono ottenere per separazione da miscugli più o meno complessi. L'operazione non è sempre facile, soprattutto se il miscuglio è eterogeneo, e può essere...
Università e Master

Come determinare la quantità insaponificabile nell'olio

L'olio di oliva è un particolarissimo olio che viene prodotto dall'oliva, mediante un processo meccanico.L'oliva viene inserita in apposite macchine, che comprimono il frutto, facendo fuoriuscire un liquido composto da acqua ed olio. Successivamente...
Elementari e Medie

3 esperimenti scientifici da fare con i bambini

Volete meravigliare i vostri bambini con giochi utili e accattivanti? Niente di più semplice! Vi basterà organizzare degli esperimenti scientifici da fare insieme a loro. Per raggiungere il vostro scopo non bisogna acquistare materiali costosi. Sarà...
Elementari e Medie

Come dimostrare che l'aria ha un peso con un esperimento

L'aria è una miscela di sostanze aeriformi che costituisce l'atmosfera terrestre. È un componente essenziale per la vita della maggior parte degli organismi animali e vegetali e in particolare per la vita umana, per cui la sua salvaguardia è fondamentale...
Superiori

10 semplici esperimenti di fisica

La fisica è una scienza importante perché spiega il mondo in cui viviamo e fornisce altre basi per altre dottrine, come la chimica e la meteorologia. Essa studia i concetti fondamentali della materia e dell'energia, dello spazio e del tempo, e le interazioni...
Elementari e Medie

Come rilevare ossigeno nell'aria

L'aria è l'involucro che compone l'atmosfera terrestre, si compone di un miscuglio di gas di cui 4/5 di azoto e 1/5 di ossigeno. In quantità minore, sono presenti altri gas e minuscole particelle solide come polveri, microrganismi e acqua. L'efficacia...
Superiori

Come realizzare l'esperimento di Venturi

La guida che segue ha come scopo cercare di dare una mano a capire come e cosa fare per poter realizzare, magari anche comodamente a casa propria, l'esperimento di Venturi. Nello specifico, possiamo dire che in questa breve guida imparerete per bene a...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Torricelli

Evangelista Torricelli fu un matematico e fisico italiano, nacque a Roma il 15 Ottobre 1608, e morì a Firenze il 25 Ottobre 1647. Studiò matematica a Roma nel Collegio della Sapienza. Uno dei suoi precettori fu padre Benedetto Castelli a sua volta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.