Come realizzare un semplice schema sulla fotosintesi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il processo fotosintetico è un insieme molto complesso di fenomeni naturali che avviene sulle piante: l'assorbimento di energia luminosa, la sua trasformazione in energia chimica e l'accumulo di questa nei prodotti finali della fotosintesi. Andiamo quindi a vedere, passo dopo passo, come si può realizzare un semplice schema sulla fotosintesi.

24

Reazione luminosa

Come prima cosa, è bene sapere che la reazione luminosa si chiude senza che ancora la CO2 sia entrata in gioco, così da essere del tutto indipendente dalla sua presenza. L'utilizzazione della CO2 e la sua assimilazione sono invece di esclusiva competenza della reazione oscura. Si tratta di ridurre la CO2 sino al livello che è proprio degli idrati di carbonio così da ottenerne del glucosio. Un tale risultato è condizionato dalla disponibilità, nel plastidio clorofilliano, di un potere riducente sotto forma di un composto che funzioni da donatore di idrogeno, nonché dalla disponibilità di energia libera sotto forma di legami chimici ad alto contenuto energetico. Nei cloroplasti funzionanti la concentrazione degli zuccheri solubili aumenta rapidamente sino a ostacolare, molto presto, l'ulteriore decorso dei processi che conducono alla loro formazione.

34

Cloroplasti

Dopo un po' che i cloroplasti sono illuminati compaiono, infatti, nel loro interno, dei granuletti di amido che, senza mai raggiungere dimensioni molto vistose, vanno tuttavia ingrossandosi ed aumentando di numero per tutto il tempo in cui la fotosintesi procede a ritmo normale. Il destino di questi amidi primari o amidi di assimilazione non è quello di permanere nei cloroplasti che li hanno formati: come la luce si attenua e la fotosintesi rallenta, l'amido di assimilazione viene demolito per idrolisi e gli zuccheri, che nuovamente ne derivano, abbandonano il plastidio verde e, nella stessa cellula o in altre parti della pianta, trovano vari impieghi.

Continua la lettura
44

Molecola di clorofilla

Di conseguenza, dopo un po' di tempo che sono al buio, i cloroplasti sono nuovamente liberi di tutto l'amido primario. Nel cloroplasto le molecole di clorofilla del 1° fotosistema sono ordinate in questo modo e tale è la proporzione tra molecole di clorofilla a 683 e P 700, che l'energia d'eccitazione delle molecole che hanno assorbito un quanto di luce prima di dissiparsi ha il tempo di migrare di molecola in molecola fino a concentrarsi tutta in circa una molecola di P 700, ed essere mantenuta pressoché continuamente, nel corso del processo, nello stato di eccitazione così funzionando da centro di reazione fotochimica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come realizzare un semplice schema sui composti organici

Nella guida che seguirà andremo a concentrarci sui composti organici. Infatti, come indicato nel titolo della guida, andremo a spiegarvi in pochi passi Come realizzare un semplice schema sui composti organici.I composti organici possono risultare difficili...
Superiori

Come realizzare un semplice schema sulla glicolisi

La glicolisi, quindi, è il termine con cui indicheremo una reazione chimica determinata che trasforma il glucosio iniziale in ATP finale. L'ATP, in soldoni, è l'energia a disposizione della cellula usata in qualità di molecola maggiormente semplice....
Superiori

Come realizzare un semplice schema sul ciclo di Krebs

Nello specifico, si sta parlando di una reazione di ossidazione, che avviene a livello mitocondriale all’interno delle cellule eucariotiche ed il cui risultato finale è costituito dalla produzione di energia chimica sotto forma di una molecola di ATP....
Superiori

Come realizzare un semplice schema sui gruppi funzionali organici

Una branca molto importante della chimica è rappresentata, senza dubbio, dalla chimica organica, che ha come oggetto lo studio dei processi biologici. Nell'ambito di questa materia non sempre risulta di agevole comprensione la vasta gamma di reazioni...
Superiori

Come realizzare un semplice schema sulla catena di trasporto degli elettroni

Il sistema di trasporto degli elettroni consiste in una serie di molecole trasportatrici (che insieme formano la cosiddetta catena respiratoria), inserite in una membrana. Queste utilizzano l'energia fornita dalle reazioni di glicolisi, ossidazione del...
Superiori

Come preparare lo schema di un testo narrativo

Realizzare lo schema di un testo narrativo per produrre un testo, magari semplice ma pur sempre ragionato e coerente, comporta che si eviti di scrivere alla rinfusa ciò che vi viene in mente. Prima di scrivere qualsiasi testo è fondamentale raccogliere...
Superiori

Come fare uno schema con Word

Al giorno d'oggi, gli schemi sono un elemento essenziale, sia per lo studio che per il lavoro. Sul web, esistono centinaia di applicazioni che permettono di disegnare i vostri schemi e le vostre mappe concettuali, tuttavia è possibile realizzare tali...
Superiori

Come studiare in maniera efficace: il metodo dello schema

Non si finisce mai di studiare! Che sia un esame, un'interrogazione o un approfondimento, c'è sempre qualcosa da conoscere e memorizzare. Per una preparazione buona e duratura, individuare il metodo giusto è essenziale. Gli studenti ne sono consapevoli;...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.