Come realizzare un semplice schema sui gruppi funzionali organici

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Una branca molto importante della chimica è rappresentata, senza dubbio, dalla chimica organica, che ha come oggetto lo studio dei processi biologici. Nell'ambito di questa materia non sempre risulta di agevole comprensione la vasta gamma di reazioni alle quali i composti organici possono prendere parte. Appare, perciò, quanto mai necessario procedere ad una classificazione delle molecole in base ai loro gruppi funzionali; questi gruppi conferiscono alla molecola una ben definita reattività. Scopo di questa guida sarà quello di classificare le varie molecole in relazione al gruppo funzionale di appartenenza con l'obbiettivo di poter comprendere come realizzare un semplice schema sui gruppi funzionali organici.

25

Stabilire se la molecola è idrocarburica

In primo luogo, occorre stabilire se la molecola è idrocarburica, vale a dire formata da C ed H, o se, invece, vi sono altri atomi legati. Nel primo caso possiamo avere tre classi di composti: alcani, alcheni e alchini. Ciò che contraddistingue questi composti è l'essere costituiti soltanto da carbonio ed idrogeno. L'elemento che li differenzia è l'avere un diverso grado di insaturazione della molecola. Negli alcani, infatti, i legami carbonio - carbonio sono semplici, mentre negli alcheni e negli alchini si possono avere doppi e tripli legami.

35

Secondo caso

Nel secondo caso un eteroatomo (tra i più frequenti troviamo: ossigeno, azoto, zolfo, alogeni) si lega alla catena carboniosa in modo opportuno. Lo schema riportato in precedenza ci consente di operare una differenziazione delle varie classi di composti in relazione all'eteroatomo connesso.

Continua la lettura
45

Esaminare i composti carbonilici

Passiamo, quindi, ad esaminare i composti carbonilici: aldeidi e chetoni. Le aldeidi sono caratterizzate dal gruppo funzionale -CHO, mentre i chetoni dal gruppo funzionale CO. Come evidenziato dallo schema, la differenza tra questi due tipi di composti è data dalla sostituzione di un idrogeno con un gruppo alchilico per formare il chetone corrispondente.
I nitrili si caratterizzano per la presenza del triplo legame carbonio - azoto. Acidi carbossilici: il gruppo -COOH è legato covalentemente ad una catena di atomi di carbonio, la quale può essere ibridata sp3 o anche sp2.

55

Considerare il gruppo delle Ammine

In ultimo, consideriamo il gruppo delle Ammine. Questa classe di composti organici basici si caratterizza per la presenza dell'azoto, il quale può legarsi in due modi diversi. Quando si lega ad un residuo derivante da un alcano per sostituzione di un idrogeno, abbiamo le ammine alifatiche; se, invece, il legame è con un residuo derivante da un sistema aromatico per sostituzione di un idrogeno, otteniamo le ammine aromatiche. Appare evidente da questa breve trattazione sui gruppi funzionali quanto sia complesso ed al tempo stesso affascinante lo studio della chimica organica e delle sue molteplici implicazioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come effettuare l'idratazione degli alchini

Gli alchini sono identificati come composti chimici organici che hanno tripli legami nella loro struttura chimica. Essi sono molto importanti in varie applicazioni industriali e la caratteristica che li rende riconoscibili è la presenza nella loro struttura...
Superiori

I gruppi funzionali in chimica

Le sostanze organiche si contano ormai a milioni, e ogni anno se ne scoprono in natura o se ne sintetizzano in laboratorio parecchie migliaia. Queste cifre immense potrebbero far nascere il dubbio che, chi si accinge a conoscere una materia del genere,...
Università e Master

Come Effettuare La Riduzione Di Aldeidi E Chetoni

Le aldeidi sono dei composti organici speciali in grado di introdurre, nella loro struttura, il gruppo funzionale formile. Quest'ultimo costituisce semplicemente l'acile dell'acido formico. I seguenti composti organici vengono solitamente creati in natura...
Università e Master

Come Nominare Gli Alcani Ramificati

Gli alcani sono composti organici costituiti solamente da carbonio e idrogeno (per questo motivo appartengono alla più ampia classe degli idrocarburi), aventi formula bruta CnH(2n + 2). Gli alcani sono "saturi", cioè contengono solo legami singoli C-C...
Università e Master

Come ottenere alcheni dalle aldeidi e i chetoni

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter ottenere degli alcheni dalle aldeidi e i chetoni. Iniziamo subito definendo ognuno di questi termini più nello specifico per rendere più chiaro il processo, e facilitarne...
Superiori

Appunti di chimica organica

La Chimica Organica è generalmente quella parte della chimica che si occupa dei composti del carbonio. In origine essa trattava solamente i composti derivanti dagli esseri viventi, da cui deriva appunto il termine "organica" e solo successivamente si...
Università e Master

Come Ossidare Le Aldeidi E I Chetoni

Le aldeidi e i chetoni, in chimica, altro non sono che dei composti organici che possono prevedere un procedimento di cosiddetta "ossidazione". Aldeidi e chetoni sono rinomati per essere proprio i composti organici che meglio riescono ad ossidarsi.In...
Università e Master

Come Idratare Le Aldeidi E I Chetoni

L'idratazione, ovvero l'aggiunta di una molecola d'acqua, è un processo che avviene naturalmente in molti organismi e sistemi biologici ogni secondo. Con questa guida ci occuperemo di spiegarvi, in particolare, come bisogna procedere per idratare le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.