Come Realizzare Un Alimentatore Da Laboratorio Con Un Comune Atx

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Per i lavori in laboratorio è spesso necessaria una certa quantità di energia elettrica per alimentare gli strumenti elettronici. In questa guida descriverò come costruire passo-passo un alimentatore da banco (o da laboratorio) utilizzando comunissimi connettori rca da pannello e altri componenti. La raccomandazione è di non usare mai componenti di legno per oggetti di elettronica. Come risultato avrete la possibilità di realizzare alimentatori di vari voltaggi con un comune atx, da 3,3 V passando dai 5V e i 12V fino ai 14 V.

29

Occorrente

  • un alimentatore atx
  • 6 prese rca da pannello
  • punte per trapano da ferro da 5 e 6 mm
  • 4 feltrini
  • alcuni cavi con coccodrillo
  • vernice del colore desiderato (opzionale)
  • lime e carte vetrate varie
  • un saldatore da 30/40w
39

È obbligatorio staccare il contatore della corrente prima di procedere altrimenti rischiate di rimanere folgorati! Inizialmente cureremo la parte meccanico-estetica del dispositivo e poi quella elettronica. Per prima cosa procuratevi il vostro atx e svitate le 4 viti che tengono il coperchio. All'interno sono presenti una ventola e una scheda elettronica. Ci saranno altre viti che dovete svitare. Sono viti che tengono la scheda e la ventola saldate alla lamiera. In questo modo resterà solo la 'carcassa' dell'alimentatore.

49

Ora prendete il trapano e inserite la punta da 6 millimetri per poi fare 6 buchi. Scegliete la posizione che più vi piace segnando con del nastro di carta le parti da bucare. Prima punzonatele per creare una fossetta di inserimento e poi perforate col trapano. Rifinite se volete con le lime e la carta vetrata a grana grossa in modo da renderli ben circolari. Così avrete creato i buchi che ospiteranno i connettori rca.

Continua la lettura
59

Se volete potete verniciare le due carcasse. Fate una prima passata con la carta vetrata di spessore 100 e poi con la 250, poi verniciate col colore scelto da voi. Vi consiglio il colore nero opaco che dà un tocco di eleganza e si adatta ad ogni tipo di ambiente! Aspettate circa mezzora, in modo che il tutto si asciughi.

69

Ora montate i connettori rca da pannello nei fori che avrete fatto. Togliete la vernicie dall'interno del foro così da avere la parte esterna dell'rca già a massa. In questo modo non dovrete fare altri collegamenti. Potete montare anche un interrutore a due posizioni a levetta ed un led verde per poter accendere e spegnere un piccolo circuitino a led.

79

Ora si passa al rimontaggio e all'elettronica. Dobbiamo rimuovere alcuni fili che non ci serviranno. Basta trovare il gruppetto di fili e tagliarli per poi isolarli lasciando solo quelli che ci servono. I cavi che dovrete lasciare sono:
-2 cavi neri che costituiscono la massa.
-2 cavi gialli (12) -1 cavo blu (-12) -1 cavo bianco (-5) -1 cavo rosso (5) -1 cavo arancio (3,3) -1 cavo verde. Rimontate ora la scheda elettronica e la ventola sulla lamiera. Dovete assicurarvi bene che il connettore di terra sia ben saldo!

89

Ora saldate sulla parte centrale dell'rca i vari fili nel giusto ordine. La massa potete saldarla su qualsiasi ghiera filettata di un qualsiasi rca. Adesso dovrete solo unire e saldare gli ultimi due cavetti assieme (verde e nero) che servirà a far partire l'alimentatore senza motherboard. Fate un lavoro pulito e ordinato!

99

Ora dovrete crearvi i cavetti per poter usare i vari voltaggi. Prendete il maschio rca e svitategli il cappuccio. Prendete una copia di cavi a coccodrillo e saldatene uno sull'esterno che sarà il collegamento con la massa ed uno all'interno che sarà la tensione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come diluire le soluzioni In laboratorio

Spesso ti sarà capitato, se lavori in un laboratorio, di dover preparare una nuova soluzione partendo da una soluzione madre di partenza, mediamente più concentrata. Nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di illustrarvi come farlo in...
Università e Master

Come scrivere una relazione scientifica

Scrivere una relazione scientifica vuol dire creare un testo avente l'obiettivo di informare sui risultati di studi ed esperimenti, mediante una struttura fissa ed un metodo definito appunto scientifico. I destinatari di questa informazione sono gli addetti...
Università e Master

Come realizzare una cromatografia su carta

La chimica è una materia piuttosto interessante quanto complessa, che richiede molto tempo e molta pazienza per essere appresa al meglio. Affinché ciò avvenga è necessario avere delle buone basi di partenza, in modo da poter comprendere al meglio...
Università e Master

Come verificare sperimentalmente il principio di Archimede

Archimede da Siracusa fu probabilmente il più famoso matematico, fisico ed inventore di tutta l'antichità. Egli si ricorda anche per l'invenzione degli specchi ustori che vennero adoperati durante la guerra per bruciare le vele delle navi nemiche. La...
Università e Master

Come superare l'esame di patologia clinica

La patologia clinica (o medicina di laboratorio) rappresenta un esame che richiede la conoscenza molto approfondita della disciplina universitaria patologia generale: infatti, si tratta di due materie accademiche strettamente correlate ed interdipendenti....
Università e Master

Come prevenire il tumore al seno

Per sconfiggere il temuto tumore al seno, oggi si hanno a disposizione nuove e raffinate indagini di laboratorio, utili sia per "scovarlo" al suo esordio sia per frenare la sua avanzata, con probabilità di successo sempre più elevate. In questa guida...
Università e Master

Come realizzare un diagramma di Nichols in Matlab

Con il diagramma di Nichols viene rappresentata graficamente, su un piano cartesiano, la funzione di trasferimento G (s). E poiché si tratta di una rappresentazione non agevole per chi non ha conoscenze approfondite dell'argomento, oggi vi spiegheremo...
Università e Master

Come realizzare un perfetto PowerPoint per la tesi

Il lungo percorso accademico che ci porta all’elaborato finale, ovvero la tesi di laurea, ci vede alle prese con una presentazione che va curata nei minimi dettagli. Negli ultimi anni, oltre al cartaceo, si possono fornire presentazioni multimediali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.