Come realizzare mappe concettuali

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le mappe concettuali danno un aiuto importante allo studente, facilitando lo studio: essi sono la rappresentazione, attraverso un grafico, di concetti collegati tra loro. La frase Studio mnemonico, confusionario e scarsamente approfondito è quella che i professori rimproverano maggiormente a tantissimi studenti che, malgrado il loro grande impegno, non riescono a conseguire dei risultati abbastanza soddisfacenti in ambito scolastico; ciò che maggiormente influisce sul positivo esito di un determinato compito oppure di una certa interrogazione è il metodo di studio: nella seguente semplice e rapida guida che enuncerò nei passaggi successivi, vi spiegherò molto brevemente quale è il procedimento che bisogna eseguire e in che modo si possano realizzare efficacemente delle mappe concettuali. Vediamo come procedere.

27

Occorrente

  • Evidenziatore del colore desiderato (preferibilmente chiaro)
  • Penna (blu, nera o rossa)
  • Quaderno
  • Libro di testo
37

Innanzitutto, è necessario che prendiate il vostro specifico libro di testo ed iniziare a leggere, abbastanza lentamente e con molta attenzione, tutti gli argomenti che dovrete successivamente studiare; specificatamente, vi consiglio di soffermarvi e riflettere su ciascuna frase che trovate scritta, analizzare i periodi con la dovuta concentrazione e cercare sempre sul dizionario italiano tutti quei termini di cui non conoscete il significato: procedete in questo modo sempre per medie porzioni di testo oppure per paragrafi, qualora essi siano presenti!!!

47

Dopo aver terminato la lettura del primo paragrafo (se esistenti) oppure delle prime due o tre pagine del vostro libro di testo, prendete un evidenziatore del colore che desiderate (preferibilmente chiaro) e cominciate a sottolineare e porre in risalto quelli che vi sembrano essere i concetti fondamentali dello specifico argomento trattato, eliminando cosi le parti superflue o ripetitive e magari sintetizzando, a parole vostre, i periodi che vi risultano contorti o poco chiari!!!

Continua la lettura
57

Successivamente, munitevi di una penna (blu, nera o rossa) e di un quaderno (vi consiglio di utilizzarne uno per ciascuna materia scolastica), dopodichè, iniziate a stendere la vostra mappa concettuale e, per farla bene, dovrete elaborare un titolo che riassuma tutto il contenuto dello specifico argomento trattato, posizionandolo al centro del foglio di carta, organizzare chiaramente il discorso, scrivendo una breve introduzione (ma concisa) come sottotitolo, riportare i concetti precedentemente sottolineati sul vostro libro di testo!!!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Consigli per le mappe concettuali per una lezione di geografia

Se siete alle prese con lo studio della geografia, siete degli insegnanti o semplicemente volete aiutare vostro figlio con lo studio di questa materia, di sicuro l'utilizzo delle mappe concettuali potrà aiutarvi per uno studio efficace. Le mappe concettuali...
Superiori

Errori da evitare nella creazione di mappe concettuali

La mappa concettuale è un elemento essenziale per chi studia e deve esporre un determinato argomento. Ideale anche per fare un ripasso generale, in modo rapido e senza perderci troppo tempo. Rappresenta un ottimo metodo di studio che dovrebbero usare...
Superiori

Consigli per le mappe concettuali per una lezione di storia

Utilizzare le mappe concettuali per studiare è un metodo davvero funzionale. Infatti, alla maggior parte dei ragazzi, soprattutto universitari, è di grande aiuto per memorizzare e ripetere il capitolo di un testo altrimenti difficile da comprendere....
Superiori

Come scrivere una tesina

Alla conclusione di un determinato percorso di studi scolastici (annuale o pluriennale), lo studente dovrà redigere e presentare un elaborato che concentri i principali argomenti trattati a carattere interdisciplinare, il quale viene denominato "tesina":...
Superiori

Come ottimizzare il metodo di studio

Avere un buon metodo di studio è fondamentale per memorizzare quanto si è studiato e riuscire a superare interrogazioni, esami universitari, concorsi pubblici e ogni altra situazione che richiede l'apprendimento di molte nozioni, spesso in un tempo...
Superiori

5 consigli per schematizzare gli appunti

Schematizzare gli appunti è un’operazione estremamente importante ed efficace. Una volta acquisita la giusta metodologia, si può risparmiare tempo nell'acquisizione dei concetti. Scrivere correttamente gli appunti, infatti, permette di migliorare...
Superiori

Come fare uno schema con Word

Al giorno d'oggi, gli schemi sono un elemento essenziale, sia per lo studio che per il lavoro. Sul web, esistono centinaia di applicazioni che permettono di disegnare i vostri schemi e le vostre mappe concettuali, tuttavia è possibile realizzare tali...
Superiori

Come aumentare la resa scolastica

Annualmente ogni studente si pone il dilemma sul raggiungimento dei propri obiettivi. C'è chi punta ad una salvezza tranquilla senza debiti e c'è, invece, chi guarda alle zone più alte. Magari si impegna per raggiungere medie intorno all’ 8 o al...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.