Come realizzare delle piastre batteriche

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Tra gli hobby più adorati dagli italiani rientrano indubbiamente lo sport, la musica, i viaggi ed il bricolage. Quest'ultimo appassiona gli individui perché consente di risparmiare qualche somma di denaro, riutilizzando materiali di scarto. Molte persone si danno alla tecnica del fai-da-te per occupare il loro tempo disponibile, eseguendo qualcosa di intelligente e creativo. Altrettanti soggetti coinvolgono anche i bambini per imparare loro tanti aspetti importanti della vita (ad esempio la giusta igiene o il rispetto dell'ambiente), in modo divertente. Far scoprire cose nuove ai piccoli tramite sperimentazioni ricreative gli permette di crescere sviluppando valori rilevanti per il futuro. I passaggi successivi affrontano il tema della piastra batterica, denominata inoltre piastra di Petri. Quest'ultima rappresenta un contenitore di vetro/plastica all'interno del quale si prepara un terreno di coltura in grado di studiare i batteri ed i germi. Nel presente tutorial di bricolage vediamo allora come realizzare delle piastre batteriche ed un piccolo esperimento casalingo da fare attraverso tali recipienti. Il risultato finale ottenuto soddisfa appieno? È possibile consigliare la sperimentazione eseguita alla scuola elementare frequentata dal proprio figlio. Mediante questa attività scientifica verrà certamente richiamata l'attenzione dei ragazzi ed ottenuto un notevole successo. Innanzitutto si parlerà della creazione di una piastra batterica domestica, qualora non si voglia acquistarla già pronta. Dopodiché si illustrerà il procedimento necessario e la deduzione che potrà farsi osservando la piastra batterica realizzata.

27

Occorrente

  • 5 g di dado di manzo
  • Cotton fioc (q.b.)
  • 15 g di gelatina alimentare in polvere o colla di pesce
  • 10 g di zucchero semolato
  • 100 cl di acqua demineralizzata
  • Contenitore di vetro/plastica con coperchio
  • Pentolino
37

Procurarsi gli occorrenti e riempire il pentolino con acqua demineralizzata

Prima di tutto è necessario avere a disposizione le piastre batteriche, facilmente acquistabili presso i negozi specializzati in articoli scientifici oppure direttamente sul web. Si desidera rendere il proprio esperimento scientifico ancora più creativo? Esiste l'opportunità di realizzare le piastre batteriche casalinghe, in modo facile ed economico. Bisogna innanzitutto creare un terreno di coltura tramite dell'agar-agar oppure ricorrendo ad un metodo alternativo. Quest'ultimo richiede di procurarsi il dado di manzo, lo zucchero semolato e la gelatina alimentare in polvere o la colla di pesce. La costruzione deve iniziare semplicemente riempiendo un pentolino con tutta l'acqua demineralizzata occorrente. Vediamo adesso il procedimento da seguire al fine di realizzare personalmente le interessanti piastre batteriche.

47

Bollire gli ingredienti e trasferire l'impasto dentro un contenitore

All'interno del pentolino colmo di acqua non mineralizzata bisogna versare il dado di manzo, lo zucchero semolato e la gelatina alimentare in polvere o la colla di pesce. A questo punto bisogna condurre il tutto ad ebollizione. Quando l'impasto comincia a bollire, spegnere immediatamente il fuoco. Dopodiché andrà versato in un contenitore di vetro/plastica (preferibilmente nuovo) con relativo coperchio. Si potrà anche impiegare un semplice recipiente per cucinare al forno microonde che si possa chiudere benissimo. Il contenitore prescelto occorrerà lasciarlo nel frigorifero per alcuni giorni. Trascorse le prime 48 ore, il terreno di coltura diventerà solido e adeguato per iniziare l'esperimento scientifico. Vediamo ora l'ultima fase riguardante la creazione delle interessanti piastre batteriche.

Continua la lettura
57

Contaminare il terreno di coltura e mettere tutto in frigo

Adesso si potranno finalmente coinvolgere i bambini. Prendere un normale cotton fioc, metterlo sulla lingua e toccare una certa porzione del terreno di coltura. Si potrà ripetere ciò adoperando ogni volta una diversa piastra batterica ed un differente cotton fioc. Ad esempio quest'ultimo si può collocare nella bocca del gatto, del cane, del piccolo e del pappagallo. Terminata la raccolta e contaminato a dovere ciascun terreno di coltura? Richiudere ogni contenitore di vetro/plastica usato e rimetterli all'interno del frigorifero. Per ottenere un risultato, è necessario attendere circa due giornate intere. Passate le 48 ore, afferrare nuovamente i recipienti e togliere i loro coperchi. Verranno notate delle macchie sulla gelatina alimentare in polvere o la colla di pesce, sintomo che i germi ed i batteri risultano aumentati.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Adoperare cotton fioc e piastre batteriche diverse per ogni esperimento scientifico da compiere.
  • Prima di contaminare il terreno di coltura, lasciare il contenitore nel frigo per 2 giorni (mettendo il coperchio).
  • Dopo la contaminazione, mettere in frigo i contenitori per altri 2 giorni (sempre chiudendoli).
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come realizzare Delle Cartelline Graffiti

Desideriamo avere sempre a disposizione dei simpatici accessori colorati da impiegare per la scuola o l'Università? Abbiamo l'opportunità di ottenere delle allegre cartelle piccole in grado di mettere in ordine e conservare al meglio i nostri documenti...
Elementari e Medie

Come realizzare un astuccio fai da te

Qualche giorno fa le scuole hanno riaperto i battenti, per accogliere gli studenti ed avviare così un nuovo anno scolastico. I bambini delle scuole elementari l'hanno certamente presa bene, mentre ai più grandi risulta alquanto traumatico il rientro...
Elementari e Medie

Come Realizzare Un Vulcano In Miniatura

Come spesso si vede nelle aule di scienze dei telefilm americani, il vulcano in miniatura realizzato in casa in modo autonomo, rappresenta un progetto divertente ed estremamente facile da creare. In questa semplice ed esauriente guida vi spiegheremo come...
Elementari e Medie

Come realizzare un lapbook sui verbi

È vero che l'innovazione tecnologica ci ha portato ad essere sempre più strettamente dipendenti da tutte quelle che ormai sono le abituali apparecchiature elettroniche come i tablet, gli smartphone ed i computer. È altrettanto vero che tali apparecchiature,...
Elementari e Medie

Come realizzare le etichette per la scuola

Le etichette rappresentano la soluzione ideale per personalizzare il materiale scolastico come i libri, i quaderni, gli astucci ed il diario. Sono ideali anche per identificare gli appendiabiti o gli armadietti. Le trovi in tutte le cartolibrerie, dalle...
Elementari e Medie

Come realizzare un lapbook sulle tabelline

Il termine lapbook viene impiegato per indicare una cartellina contenente alcuni mini libri di diversi formati. E colori. Si tratta sostanzialmente di un lavoro creativo che raccoglie nozioni scolastiche di vario tipo e che viene realizzato da insegnanti...
Elementari e Medie

Come realizzare un'unità didattica

Generalmente quando si parla di unità didattica ci si riferisce all'unità di apprendimento. Essa rappresenta un modello psicopedagogico, fatto di azioni sequenziali, rivolto al processo di apprendimento. L'unità didattica ha come obiettivo di quello...
Elementari e Medie

Come realizzare un orto didattico nelle scuole

La scuola è il luogo in cui ogni alunno impara diverse cose. Ogni docente ha la possibilità di utilizzare vari strumenti didattici per l'apprendimento di differenti materie. Gli strumenti didattici possono essere tecnologici e pratici, ma possono anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.