Come rappresentare la simmetria assiale

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Molto spesso quando si studia, sia durante il percorso scolastico che quello universitario, possiamo fare i conti con delle materie o degli argomenti specifici che possono metterci un po' i bastoni tra le ruote. Sarebbe il caso di capire in maniera ottimale onde evitare di non riuscire a comprendere appieno la materia, questo quindi potrebbe minare e compromettere il percorso di studi che stiamo affrontando tanto faticosamente. Lo scopo di questa guida è quello di chiarire l'argomento specifico di una materia molto ostica per alcuni. Infatti, attraverso semplici e chiari passi illustrati in questa guida, vedremo più da vicino come poter rappresentare in maniera corretta la simmetria assiale.

24

Per prima cosa sarà necessario avere a disposizione il materiale che ci serve. Quindi un foglio di carta bianco, meglio se il classico foglio da disegno geometrico, e una matita con la punta morbida che in genere sono quelle contrassegnate con la lettera B.
Prendiamo il foglio, e con la matita disegniamo un figura a nostro piacimento, in questo caso rappresenteremo un triangolo. Sarà utile ripassare subito i lati dell'immagine con una matita più scura per differenziarla dalle linee di costruzione e di assegnare delle lettere ai vertici della figura.

34

Ora iniziamo a realizzare la simmetria assiale, che come dice il nome stesso, è un metodo grafico che ci permette di ottenere una figura simmetrica rispetto ad un asse centrale. Consideriamo l'immagine che abbiamo appena disegnato come la figura data e fissiamo a nostro piacere una retta che rappresenterà l'asse di simmetria. Grazie a quest'asse potremmo facilmente realizzare la nostra costruzione.

Continua la lettura
44

Tracciamo la perpendicolare a questa retta, passante per il punto A, e sul suo prolungamento, con l'aiuto di un compasso, segniamo il punto A'. In questo modo avremo ottenuto il primo punto dell'immagine simmetrica. Ora ripetiamo lo stesso procedimento per tutti gli altri punti della figura. Una volta ottenuti tutti i punti, uniamoli con delle linee fino ad ottenere la nostra immagine simmetrica. Nel tracciare le linee di collegamento, sarà utile farlo con un tratteggio, o un tratto leggero della matita, in modo che se vogliamo potremmo cancellare le linee, per avere poi un disegno simmetrico particolarmente impressionante. Non rimane altro da fare che mettere in pratica quanto esposto in precedenza. Non mi rimane che augurarvi un buon lavoro e soprattutto un buono studio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come applicare il metodo per la verifica di aste soggette a carico di punta

In ingegneria l'instabilità dovuta ad un carico assiale di punta agente su un'asta è un improvviso collasso di un membro strutturale soggetto ad intensi sforzi di compressione,. Questo tipo di collasso è anche chiamato collasso dovuto ad instabilità...
Superiori

La simmetria geometrica: appunti

In geometria esistono differenti trasformazioni operabili sui punti o sulle figure presenti in un certo sistema di riferimento. La simmetria geometrica è una trasformazione operata nello spazio osservato, che opera alla stregua di una sorta di specchio,...
Superiori

Come trovare l'equazione della direttrice di una parabola

Trovare l’equazione della direttrice di una parabola non è un esercizio particolarmente complicato. Bisogna soltanto applicare la giusta formula. Prima di immettere l’argomento, dovete avere chiaro il concetto di parabola. Nel campo della geometria...
Superiori

Come determinare l'equazione di una parabola per condizioni

Prima di imparare come determinare l'equazione di una parabola per condizioni, spieghiamo che cos'è. In geometria, il termine definisce una particolare figura curva contenuta nel piano. Essa, esattamente, si ottiene come intersezione di un cono circolare...
Superiori

Proprietà locali e globali delle funzioni: formula di Taylor

La matematica è sempre stato un argomento veramente ostico per tutte le persone che l'hanno dovuta studiare nei propri percorsi scolastici. Nella presente dettagliata ed esplicativa guida che vi andrò ad esplicare bene nei passaggi successivi, vi presenterò...
Superiori

Proprietà grafiche delle funzioni pari, dispari e periodiche

Le funzioni matematiche sono caratterizzate da diverse proprietà, utili per descrivere in modo esauriente il comportamento di una data funzione. Una funzione matematica non è altro che una relazione tra due insiemi, uno definito dominio (insieme X)...
Superiori

Come calcolare i limiti di funzioni reali di una variabile reale

Lo studio della funzione è uno degli argomenti principali della matematica. Per lo studio dei limiti di funzioni reali di una variabile reale bisogna, innanzitutto studiare il dominio, per poi calcolare i limiti nei punti di discontinuità e capire se...
Università e Master

Come applicare il teorema di Clapeyron

Il teorema di clapeyron afferma che: "il lavoro di deformazione di un corpo elastico lineare sollecitato da forze agenti staticamente è pari alla metà del lavoro che tali forze compirebbero per gli spostamenti effettivi se conservassero costantemente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.