Come rappresentare la conoscenza

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La conoscenza è tutto ciò che riguarda assiomi e regole di derivazione che vengono utilizzati per elaborare fatti nuovi partendo però da fatti già noti. Per fare ciò dunque possono tornare utili degli schemi da riprodurre e replicare secondo una struttura ben precisa. Tale struttura viene utilizzata poi anche nel contesto automatico e informatico. Ecco quindi come rappresentare la conoscenza.

24

Schemi di rappresentazione


Tra le diverse modalità per rappresentare la conoscenza attraverso il sistema degli scemi bisogna ricondurre al livello logico. Ci sono quindi delle regole da osservare durante la rappresentazione e la costituzione di questi schemi che sono: i costrutti if-then, la previsione delle implicazioni che vanno comunque lette a partire da destra e proseguendo verso sinistra, osservare poi la condizione di destra per accertarsi dell'esistenza e della validità del segno di uguale o di implicazione. Tutto ciò consente di fare una deduzione diretta del fenomeno obiettivo della regola di derivazione che invece si trova a sinistra all'interno della stessa regola.

34

Valori e variabili

Alcune modalità per rappresentare la conoscenza elencate nel primo passo di questa guida sono quelle necessarie per codificare dal punto di vista numerico l'attinenza di due o più variabili che vengono poste in interrelazione tra loro. Proseguendo in tal maniera si andrà ad affermare che i valori attribuiti ad un alto valore inducono altri valori alti di un altro carattere dipendente. Ovviamente sarà disponibile anche l'interpretazione dei fenomeni attraverso valori bassi, oppure facendo ricorso a correlazioni tra valori intermedi.

Continua la lettura
44

Esempi

Ad esempio, all'interno di un contesto legato a problematiche di marketing, per rappresentare la conoscenza relativa al profilo di autovettura da consigliare ad un cliente potremmo dire che un'auto spaziosa va naturalmente consigliata ad una famiglia numerosa. Ciò si può fare in questo modo: consigliare (X, Y) <- auto_spaziosa (X) and famiglia_numerosa (Y). Occorre poi meglio descrivere il concetto di famiglia numerosa con il seguente costrutto famiglia_numerosa (Z) <- numero_minimo_componenti (Z,5), che afferma che per essere definita tale, una famiglia deve prevedere almeno cinque persone. Per continuare con questo esempio, la conoscenza che ci consente di affermare che un'auto elettrica andrebbe consigliata ad un amante della natura va codificata nel seguente modo sintetico: consigliare (X, Y) <- auto_elettrica (X) and ama_la_natura (Y).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Rappresentare La Strizione Nel Caso Di Materiali Fragili

Affinché un materiale risulti resistente o quantomeno per testara fino a quanto un materiale può resistere a certe pressioni prima di cedere, è bene calcolare la strizione attraverso vari esperimenti e calcoli.La strizione è un fenomeno che si manifesta...
Università e Master

Come rappresentare gli stereoisomeri di Fischer

Disegnare degli stereoisomeri significa rappresentare una struttura tridimensionale su strumenti bidimensionali, quali un foglio di carta. Abbiamo a disposizione varie tecniche di rappresentazione grafica degli stereoisometri e differenti metodi per interconvertire...
Università e Master

Come rappresentare il teorema di Torricelli

Uno degli argomenti di fisica studiati all'Università, per superare il rispettivo esame, è rappresentato dal teorema di Torricelli; premesso che esso non è affatto noioso da affrontare (anzi, suscita anche un certo interesse), quello che afferma può...
Università e Master

Come rappresentare un numero in forma b-adica

La scuola rappresenta un luogo dove imparare e studiare al meglio le varie materie. Tra queste troviamo l'italiano, la storia, le materie linguistiche, la geografia e la matematica. Quest'ultima è importante per poter fare i calcoli sia matematici che...
Università e Master

Come rappresentare un albero decisionale

La teoria delle decisioni vede le sue origini nel 1939 dall'economista e matematico A. Wald. Questa teoria ha come oggetto lo studio delle probabilità statistiche tra differenti scelte. È una tecnica molto utilizzata e particolarmente importante perché...
Università e Master

Come rispondere correttamente alle Summary Questions della certificazione linguistica Toefl

Allo scopo di dimostrare la propria conoscenza pratica della lingua inglese, è sicuramente indicato il tentativo di affrontare con successo il test specifico TOEFL. Diviso in tre sezioni, la prima è quella dedicata alla comprensione del testo scritto...
Università e Master

Come Dire I Numeri In Cinese

La civiltà della Repubblica Popolare Cinese è sicuramente una tra le più affascinanti sia grazie alla sua storia millenaria, ma anche grazie alla sua lingua. Il cinese, infatti, è decisamente distante da tutte le lingue occidentali ed è dotata di...
Università e Master

Come effettuare il rilievo di un palazzo

Il rilievo di un palazzo è una procedura delicata che richiede competenze settoriali e l'uso di strumenti precisi. In generale, è necessario avere solide conoscenze di natura scientifica e architettonica e disporre di due tipi di strumenti: una strumentazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.