Come quotare un disegno tecnico

Tramite: O2O 12/10/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

Un disegno tecnico, per essere il più completo possibile, deve fornire una serie di informazioni a chi lo guarda non soltanto di tipo qualitativo ma anche quantitativo.
La quotatura di un disegno tecnico è dunque un'azione che rende il disegno maggiormente comprensibile in quanto forniscono indicazioni esplicite riguardo le dimensioni, lineari ed angolari, dell'oggetto rappresentato ma affinché questo venga fatto correttamente è opportuno seguire una serie di regole.
Quotare un disegno dunque significa riportare tutte le indicazioni idonee a definire le dimensione dell'oggetto rappresentato nel disegno tecnico in questione.
I valori numeri che vengono dunque segnati sul disegno sono denominati quote.
Nella seguente guida vi verrà illustrato come quotare un disegno tecnico, in particolare vi verrà mostrato il procedimento logico da seguire per quotare in maniera corretta i vostri disegni.

28

Occorrente

  • Righello
  • Matita
  • Squadra
  • Compasso
  • Computer (in caso si tratti di disegni rappresentati con software di rappresentazione)
38

Elementi della quotatura

La quotatura, essendo parte integrante del disegno, deve essere eseguita osservando una serie di convenzioni.
Innanzitutto è essenziale specificare che la quotatura è composta da alcuni elementi, ovvero le linee di riferimento, le linee di misura, le frecce terminali e la parte numerica.
Le linee di riferimento hanno l'obiettivo di delimitare le linee di misure e le collegano alla dimensione che si vuole considerare, sostanzialmente indicano gli elementi di cui vuole precisare la distanza e vengono tracciate con linee continue così come le linee di misura che definiscono invece le dimensioni la cui misura è data dal valore di quota.
Va ricordato che spesso gli assi di simmetria o le linee del contorno dell'oggetto rappresentato non possono mai essere utilizzati come linee di misura mentre possono invece essere utilizzati come linee di riferimento.
Le frecce hanno lo scopo di indicare gli estremi delle linee di misura e infine l'elemento principale è rappresentato dalla parte numerica, meglio nota come quota, che indica il valore della misura che si vuole precisare.

48

Disposizione delle quote

Le quote possono essere scritte secondo due criteri ma si consiglia, nel momento in cui si quota un disegno, di scegliere soltanto uno dei criteri proposti.
Il primo criterio prevede che le quote debbano essere disposte in modo da risultare leggibili orientando il foglio da disegno sia in orizzontale che in verticale, per facilitare la lettura le quote devono essere quindi scritte in modo che si leggano nel senso normale di una lettura guardando il disegno dalla base o facendolo di ruotare man mano di 90° in senso orario.
Il secondo criterio prevede invece che le quote debbano essere lette solo dalla base del disegno, in tal caso le linee di misura verticali ed oblique devono essere interrotte nella loro mediana affinché sia possibile inserire la quota.

Continua la lettura
58

Indicazioni quota

Le quote sul disegno indicano le misure reali indipendentemente dalla scala di rappresentazione, devono inoltre essere scritte in maniera chiara e con dimensioni sufficienti al fine di assicurare una buona leggibilità.
Le quote devono essere preferibilmente disposte all'esterno dell'oggetto che si va a quotare ed è bene che nessuna linea copra o attraversi le cifre che costituiscono la quota.
Si deve evitare che ci siano quote ripetute, ovvero una dimensione del disegno deve essere quotata soltanto una volta e se la quota si riferisce ad una dimensione non in scala occorre sottolineare il fatto.

68

Convenzioni particolari di quota

Si hanno alcuni casi in cui è bene specificare come eseguire il processo di quotatura.Nella quotatura di cerchi o superfici cilindriche, le linee di misura devono essere disposte esternamente rispetto al contorno dell'oggetto ma al contempo parallelamente ad uno degli assi principali o passante per il centro in modo da formare angoli pari a 30° o a 45°.Se la superficie non è cilindrica ma sferica, la quota del raggio o del raggio deve essere preceduta dalla lettera S scritta in maiuscolo oppure dalle indicazioni R o Ø.
Quando ci si trova a dover quotare angoli, le linee di misura sono rappresentate da archi di cerchio avente il centro nel vertice dell'angolo in questione.
Un discorso a parte vale per la quotatura di profilati che sono elementi per i quali esiste un'unificazione che ne stabilisce i simboli caratteristici e la serie di dimensione che li definiscono; la loro quotatura è fatta molto semplicemente indicando esclusivamente il simbolo, le dimensioni caratteristiche e la lunghezza.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si consiglia di procedere con ordine e seguire le convenzioni in modo da non compiere errori o tralasciare quote
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come fare un disegno geometrico perfetto

A scuola ci insegnano molte cose interessanti, valevoli per diverse materie. Soprattutto alle medie, apprendiamo come si realizzano diverse tipologie di disegno tecnico. Dalle assonometrie alle proiezioni ortogonali, passando per la costruzione dei solidi,...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini nel disegno

L'attività grafica di una persona si manifesta principalmente attraverso il disegno, espressione autentica e originale sia dei grandi che dei bambini. Non sempre i nostri piccoli sono portati o interessati a quest'arte, magari perché poco indirizzati...
Elementari e Medie

5 tecniche di disegno per bambini facili da apprendere

I bambini, fin dalla più tenera età, dispongono di moltissima creatività, e hanno perciò bisogno di occasioni in cui poterla esercitare. I bambini sono estremamente attratti dall'arte e dal disegno, che rappresenta un mondo in cui possono creare...
Elementari e Medie

Le 5 tecniche di disegno per bambini

I bambini hanno un istinto innato che li porta ad impugnare i colori e rappresentare la loro realtà, ovvero a disegnare. Con la crescita, questa capacità va stimolata e "corretta", con l'insegnamento dell'arte. In questa guida vi spiegheremo le 5 tecniche...
Elementari e Medie

Come tracciare un ovale dati gli assi

Il disegno tecnico prevede vari esercizi di base, propedeutici alla comprensione delle tecniche, allo sviluppo della manualità e della precisione. Si va dal tracciare figure geometriche formate da soli segmenti ed angoli, fino ai raccordi con riga e...
Elementari e Medie

Come usare il compasso

Il compasso è uno strumento indispensabile per il disegno tecnico e per la lettura delle carte geografiche e nautiche. Purtroppo non è l'oggetto più semplice in assoluto da utilizzare e quindi è bene essere preparati per non danneggiarlo. Un compasso...
Elementari e Medie

Come Tracciare Un Poligono Regolare

Si sa che per il disegno tecnico di una figura geometrica occorre molta precisione. Spesso la risoluzione di un esercizio dipende infatti proprio dalla costruzione della figura geometrica di riferimento, che per tale ragione deve essere il più accurata...
Elementari e Medie

Come tracciare la perpendicolare ad un segmento in un suo punto estremo

Il disegno geometrico è una materia delle scuole medie e superiori, fondamentale per acquisire un metodo di analisi ed una buona precisione. Per alcuni potrebbe sembrare superata come metodo progettuale, ma la conoscenza delle sue tecniche sta alla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.