Come pronunciare i fonemi francesi

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Quando ci dedichiamo allo studio di una lingua, dobbiamo stare attenti alla pronuncia, alla fonetica, ed a tutte quelle componenti utili per far nostra una nuova lingua parlata ma anche scritta. In questa guida ci dedicheremo al francese e scopriremo come pronunciare i fonemi francesi. Intanto spieghiamo che la fonetica è lo studio della produzione dei suoni (cosiddetti fonemi) di una lingua parlata. Le parole vengono rappresentate scrivendole e pronunciate parlandole: quando impariamo una lingua straniera, dobbiamo conoscerne la fonetica o trovarla scritta coi caratteri fonetici. Occorrono interi giorni di esercitazioni, in particolar modo la fonetica francese è una sezione molto complessa e va approfondita quotidianamente. Vediamo nei prossimi passi i fonemi francesi scritti in caratteri latini, la loro pronuncia, e le tecniche per riprodurre suoni particolarmente difficili, poiché assenti nella fonetica italiana.

27

Occorrente

  • Parecchia pazienza ed applicazione.
37

Le vocali ed i dittonghi

Eccoci alla parte più complicata e più vasta della fonetica francese: le vocali A, I, O, U a fine parole si pronunciano sempre come fossero accentate: "operà" si pronuncerà "opera". La vocale E non si pronuncia mai rimanendo muta se non è accentata: la parola "carte" si pronuncerà "cart". Se ha l'accengo grave "è" si pronuncia aperta come la "e" italiana in "meglio", se ha l'accento acuto "è" si pronuncerà come "perché". “ai” ed “ei” si pronunciano “e” come nella parola "maison" pronunciato “méson”; “au” ed “eau” si pronunciano come la nostra o chiusa di “voto”. Quindi “beau” (bello) si pronuncia “bo”, e “eau” (acqua) si pronuncia “o”. Attenzione: “au”, nelle parole di origine tedesca, va pronunciato con un suono particolare, a metà fra “e” ed “u”. Per riprodurre questo fonema dovete mettere la bocca come se doveste pronunciare la “o” e cercare di far uscire una specie di “e”. Sentirete che riuscirete a produrre un suono inedito. “eu” e “oeu” si pronunciano con un suono chiuso a metà fra la o”” e la “u”. Per riprodurre questo suono posizionate la bocca come per pronunciare la “u” e cercate di pronunciare la “o”. “ou” si pronuncia come la “u”.

47

Le consonanti

Parliamo delle consonanti d, p, t, x, z e la desinenza verbale in -ent (della terza persona plurale) a fine parola non si pronunciano mai. Vi sono altrettante numerosissime eccezioni: per esempio la “s” a fine parola non va mai pronunciata tranne in alcuni nomi propri. La consonante si pronuncia solo quando una parola che finisce per consonante è seguita da un'altra che comincia per vocale, così la consonante finale si pronuncia. La “c” davanti ad “a”, “e”, “i” e “o” si pronuncia “s” per esempio facile (fasìl). La “ce” a fine parola si pronuncia “s”, come in “délice” si pronuncia “délis”. La “ç” con la cediglia si pronuncia “s” italiana di “sole”. Infine la “cc” si legge “cs” come la “x” di “fax”. Quindi “occitane” che si pronuncia “oxitan”.

Continua la lettura
57

Alcune eccezioni di pronunce

Alcune parole si pronunciano con "sg", il suono dolce che pronunciamo noi alla fine della parola "garage". Per esempio "jour", giorno, si pronuncia proprio "sgur". La "ll" si pronuncia come la j italiana, la “ph” si pronuncia “f”, “qui” e “que” si pronunciano “ki” e “ke”. Se “que” è in finale di parola, si pronuncia “k”. Analogamente, “gui” e “gue” si pronunciano con la “g” dura. Le consonanti seguite da “n” o “m” seguono regole particolari: “an”, “en” e “on” si pronunciamo in modo pronunciato nasale. Per riprodurre il suono giusto esercitatevi tappando le narici ed emettendo il suono senza sforzarvi. “in” si pronuncia fra “an” nasale e “en” nasale. “un” si pronuncia a metà fra “an” e “on”.

67

La famosa "erre moscia"

La r francese è famosissima per essere volgarmente chiamata erre moscia. Si pronuncia facendo vibrare la lingua vicino alla gola anziché vicino ai denti. Alcune persone lo ottengono facilmente dato che hanno di natura questa erre moscia, ma altre persone hanno bisogno di un po' di allenamento. Ci terrei a ribadire che è necessaria pratica e costanza quotidiana per arrivare ad un buon livello. Buono studio!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La costanza vi porterà ad ottenere buoni risultati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come pronunciare correttamente una parola in lingua straniera

Un italiano che si appresta ad avvicinarsi allo studio di una nuova lingua si accorge in breve tempo che una delle maggiori difficoltà è rappresentata dalla pronuncia. Infatti, mentre nella nostra lingua madre ad una lettera corrisponde normalmente...
Lingue

5 trucchi per imparare a parlare il francese

La lingua francese è sicuramente una lingua molto parlata in tutto il mondo per via delle colonizzazioni francesi e attualmente è adottata in diversi paesi europei. Non è una lingua difficile da imparare, in quanto possiede la stessa derivazione linguistica...
Lingue

Manuale di pronuncia inglese

Una lingua straniera come l'inglese presenta la difficoltà della pronuncia, soprattutto per quelle persone abituate a pronunciare una parola semplicemente leggendola come è scritta. Allora come fare per evitare di incappare in spiacevoli errori di pronuncia...
Lingue

Manuale di pronuncia francese

Il francese non è una lingua facilissima, ha una pronuncia molto difficile per non parlare della scrittura che è piena di accenti importanti per pronunciare bene una parola. La scienza che studia la pronuncia delle lingue si chiama fonetica e si occupa...
Lingue

Linguistica italiana: morfologia lessicale

La morfologia è la branca della linguistica italiana che studia come sono strutturate le parole. Ogni parola viene associata ad uno o più morfemi, mentre ogni morfema lessicale è associato ad una sequenza di uno o più fonemi, che costituiscono la...
Lingue

Come evitare di fare errori in cinese

Il cinese è una delle lingue più complicate e più difficili da imparare. Solitamente quando si viaggia e ci si trova il luogo in cui si parla il cinese, l'unica lingua per poter comunicare se non si conosce il cinese è l'inglese. Chi si avvicina a...
Lingue

Tedesco: la costruzione di zu e l'infinito

Il tedesco è la lingua ufficiale della Germania ed è diffuso in diverse aree dell'Europa centrale. Molti studenti italiani percepiscono il tedesco come lingua ostica, principalmente perché presenta molti fonemi estranei alla lingua italiana. Anche...
Lingue

I 10 errori più frequenti in inglese

Quella inglese è una lingua che s'impara con facilità. Certo, servono applicazione, costanza e continuità nello studio e negli esercizi ma, tra tutte le lingue straniere, si può dire che l'inglese sia quella che ci è più amica. Infatti, essa non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.