Come proiettare un triangolo perpendicolare al P.O. e parallelo al P.V.

Tramite: O2O 01/06/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le proiezioni ortogonali sono uno degli argomenti di studio a cui uno studente non può proprio sfuggire. L'approccio, infatti, inizia già alle scuole medie e si perfeziona nei primissimi anni del liceo. Per molti, riuscire a fare un disegno corretto sembra proprio un'impresa impossibile. Vedremo di qui a poco come non sia propriamente così, e come sia sufficiente immaginare virtualmente un oggetto appoggiato su un piano per poterlo proiettare in maniera semplice e quasi scontata sugli altri due. Iniziamo con una delle figure geometriche più semplici in assoluto, ovvero il triangolo. Vediamo, nel dettaglio, come proiettare un triangolo perpendicolare al Piano Orizzontale e parallelo al Piano Verticale.

26

Occorrente

  • foglio
  • squadrette
  • compasso
  • matita H
36

Iniziamo preparando il nostro foglio da lavoro, semplicemente dividendolo in quattro settori uguali. A tal fine tracciamo semplicemente due assi perpendicolari che andranno ad intersecarsi in un punto, che viene generalmente chiamato O (ovvero convenzionalmente origine). Adesso indichiamo gli assi con le lettere x, y, z. Per ultimo, ma non meno importante, indichiamo il settore in alto a sinistra con P. V. (piano verticale) quello in basso a sinistra come P. O. (piano orizzontale) e quello in alto a destra con P. L. (piano laterale).

46

Adesso siamo pronti a iniziare la proiezione vera e propria. Iniziamo disegnando il triangolo A' B' C' che essendo perpendicolare al piano orizzontale e parallelo al piano verticale, alla vista apparirà come una semplice retta. Adesso proiettiamo verticalmente il triangolo A' B' C' sul P. V. E indichiamolo con le lettere A" B" C". Procediamo proiettando il triangolo A"B" C" orizzontalmente nel piano P. L., e di seguito la figura A' B' C', prima sull'asse y verticale e poi, puntando il compasso nel punto O, sull'asse y orizzontale.

Continua la lettura
56

Partendo adesso dall'asse orizzontale y continuiamo a proiettare A'B' C' verticalmente sul piano P. L. Fino ad intersecare la proiezione di A" B" C" nei punti che chiameremo A"', B"' e C"' che determineranno la proiezione della retta sul piano P. L. Alla fine del disegno, visualizzeremo una retta sul Piano Orizzontale, una retta sul Piano Laterale e un triangolo sul Piano Verticale, evidenziali semplicemente con un tratto di matita più marcato e avrai ottenuto la proiezione ortogonale ricercata. Come si vede nulla di estremamente complicato. Si consiglia di applicare lo stesso procedimento per tutte le altre figure geometriche piane e non si troveranno particolari difficoltà nella risoluzione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Traccia le linee di proiezione sempre con mano leggera
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come proiettare un pentagono parallelo al P.O. e perpendicolare al P.V.

Fare la proiezione di una figura piana ti sembra un'operazione molto difficile da eseguire? Probabilmente non sei stato attento mentre il professore spiegava oppure te lo sei dimenticato, ma sappi che si tratta di una procedura più semplice e veloce...
Superiori

Come eseguire la proiezione di un cerchio parallelo al P.O. e perpendicolare al P.V. e al P.L.

Il disegno tecnico è molto importante, anche se nei licei e negli istituti viene spesso trascurato. Il ruolo del disegnatore meccanico è di cruciale importanza nell'industria, e sebbene adesso si lavori quasi completamente con programmi di CAD (Computer...
Superiori

Come proiettare una retta perpendicolare al Piano Verticale

L'esercizio delle proiezioni e delle suddivisioni dei segmenti è indispensabile per comprendere la progettazione ed il disegno tecnico in generale. Non è un esercizio complesso oppure tedioso, ma rientra nella lista delle pratiche da conoscere, e quindi...
Superiori

Come calcolare il pH di una miscela di acidi

In chimica, il pH è l'unità di misura che consente di determinare il grado di acidità, o basicità, delle soluzioni acquose. Si tratta di una grandezza, espressa matematicamente come logaritmo decimale negativo, che indica il livello di concentrazione...
Superiori

Come calcolare il pH di una soluzione di acido debole

Sicuramente, qualche volta o per passione o durante la vostra avventura scolastica, vi sarà capitato di incappare nel calcolo del pH di una soluzione di acido debole. In generale, un acido debole HA, si dissocia parzialmente nei propri ioni, H+ ed A-,...
Superiori

Come calcolare la solubilità sapendo il pH

La "solubilità" di una sostanza equivale alla quantità di soluto che possiamo disciogliere all'interno di un solvente, al fine di ottenere una soluzione satura. Questo valore, tuttavia, dipende strettamente da altre variabili, quali temperatura, pressione...
Superiori

Come calcolare il pH di un sale

Il Ph è un termine con cui si indica la misurazione dell’acidità di sostanze liquide e solide, pertanto esige un calcolo ben preciso basato su determinate formule chimiche e matematiche. Il calcolo del Ph nel caso di una soluzione salina, si determina...
Superiori

Come calcolare le proiezioni di un triangolo rettangolo

La geometria è una materia piuttosto interessante ma complicata che ha bisogno di essere studiata a fondo e amata per essere imparata. Esistono moltissime figure che grazie alla geometria si possono imparare a disegnare, tra queste il triangolo rettangolo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.