Come programmare i compiti per le vacanze estive

Tramite: O2O 15/03/2017
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Le vacanze estive sono fondamentali per i bambini e i ragazzi, li aiutano infatti a rigenerarsi e recuperare tante nuove energie ed esperienze per affrontare con più maturità e rinnovato entusiasmo il successivo anno scolastico. Certamente i compiti delle vacanze sono però altrettanto importanti, in quanto creano un ponte tra il percorso di studi appena frequentato e quello a venire, dando modo di mantenere in esercizio costante la mente dei giovani studenti allenandola e sedimentando le tante informazioni apprese durante l'anno. Per queste ragioni è di cruciale importanza riuscire a programmare un'equilibrata tabella di marcia che lasci molto spazio allo svago ma che dia modo di ritagliare una giusta dose di tempo per lo studio e i compiti. Vediamo come fare!

28

Occorrente

  • Il diario di scuola
  • I libri di testo per le vacanze
38

La prima cosa da fare è guardare insieme ai nostri figli la mole di lavoro estiva assegnata loro dai docenti e programmare con loro una quantità di lavoro gioraliera congrua al raggiungimento dell'obbiettivo ma anche alla loro giusta volontà di riposare e distrarsi dallo studio. Questo procedimento è valido fin dalla prima elementare in quanto, il bambino, vivrà come momento di piacevole condivisione e interesse da parte del genitore la strutturazione del programma di studio e sarà aiutato ad assorbire un metodo di organizzazione a cui prenderà sempre più parte attiva, conquistando man mano la sua autonomia. Tale autonomia si completerà al raggiungimento dell'integrazione nella scuola media, fase in cui il ragazzo potra essere lasciato solo nella fase organizzativa mantendo comunque una supervisione sulla sua tabella di marcia. Talvolta, alcuni bambini, possono conquistare e voler testare prima l'autonomia, in tal caso non tarderanno a dirlo esplicitamente o a farvelo capire, se così fosse per vostro figlio accordategli questa fiducia e dategli la libertà di autogestirsi alternando in piccole dosi una partecipazione diretta ad una supervisione "a distanza", in modo da assecondare e favorire la crescita del bambino. Vediamo come gestire in termini pratici questo momento.

48

Di grande importanza è affrontare questo momento con serenità e con il sorriso, non abbiate il timore di lasciare i primissimi giorni di vacanza completamente liberi dallo studio esempio, si può tranuillamente attendere un paio di giorni dopo l'inizio delle vacanze prima di far fronte alla pianificazione allo studio, anzi sarà sicuramente più produttivo lasciare un breve momento di distacco totale dai doveri e dalla sucola. Nel momento in cui decidiamo di valutare e organizzare con i nostri figli i loro compiti è altrettanto focale prenderci il giusto tempo, dedicarsi a loro non deve mai essere un momento raffazzonato tra le tante altre cose da fare: sediamoci con loro e dedichiamogli il giusto tempo e la giusta attenzione, ne verremo sicuramente ripagati.

Continua la lettura
58

Non abbiate il timore di "patteggiare" un po' con i ragazzi, cercate di trovare un equilibrio equo tra la loro voglia di svagarsi e l'oggettivo tempo da dedicare ai compiti al fine di terminarli per tempo. Generalmente sono sufficienti un paio d'ore di studio al giorno a prescindere dall'età e dalla classe frequentate, infatti l'aumento della mole dei compiti è direttamente proporzionale all'aumento della loro capacità di farvi fronte. Considerate anche la possibilità di alcuni giorni completamente liberi dai compiti, se i compiti sono davvero molti si può dosarli aumentando di poco il tempo quotidiano da dedicargli in modo da riuscire a ritagliare comunque quache giornata completamente libera.

68

L'ideale è dedicare la mattina ai compiti, non solo perché si è più freschi e dediti all'attenzione, ma anhe perché così il tempo libero non sarà spezzato: il momento del pranzo concluderà quello dello studio lasciando una piacevolmente ampia prospettiva di tempo libero dal pomeriggio fino al mattino dopo. Questa non deve però essere un'imposizione, lasciate a vostro figlio la possibilità di scegliere ed eventualmente provare vari orari della giornata. Non fate l'errore di vietargli di fare dopo cena: molti bambini e ragazzi riescono a raggiungere una migliore concentrazione grazie alla diminuzione di stimoli esterni e possibili distrazioni, vietarglielo per poi lasciarli vegetare davanti alla tv -per esempio- non è certamente un modo valido di costruire la loro persona e formare la loro cultura.

78

Anche per quanto riguarda l'esecuzione dei compiti, lasciate loro la libertà di decidere quali esercizi o quali materie affrontare man mano, secondo le loro inclinazioni e preferenze. Una volta chiarito che tutti i compiti assegnati vanno eseguiti entro l'inizio del nuovo anno, i ragazzi possono essere lasciati liberi di scegliere quando eseguirli, voi abbiate solo cura di verificare con discerzione che tutti siano stati fatti.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se vostro figlio ho delle carenze in alcune materie seguitelo nei compiti per lui più difficili: sfrutterete il momento dei compiti delle vacanze per aiutarlo a fortificare il suo apprendimento e sogliere eventuali dubbi di comprensione
  • Non dimenticatevi di spiegare ai bambini e rammentare ai ragazzi che le vacanze sono importanti e che il momento di riposo e di svago va rispettato ma anche integrato con i compiti. Spiegategli quindi l'importanza dei compiti delle vacanze, per non perdere le cose apprese e arrivare al nuovo anno pronti per iniziare senza difficoltà
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come scrivere un tema sulle vacanze estive

Al rientro a scuola dalle vacanze estive capita spesso, soprattutto alle scuole primarie, che il tema classico che viene sottoposto ai piccoli studenti sia quello su come e dove si sono trascorse le vacanze. È un tema ricorrente, pertanto potrebbe risultare...
Elementari e Medie

Come organizzare i compiti delle vacanze dei bambini

I compiti delle vacanze devono essere suddivisi in periodi determinati, in modo da non poter né sovraccaricare il bambino e né renderlo in un certo senso svogliato; è indicato far studiare il bambino dalla prima settimana di luglio e lasciarlo dalla...
Elementari e Medie

Come organizzare i compiti durante il Natale

Le vacanze di Natale si avvicinano anche per i piccoli studenti delle scuole elementari e medie: il periodo di silenzio didattico è indispensabile per bambini e ragazzi per riposarsi e svagarsi, ma non si devono tralasciare i compiti delle vacanze. Questi...
Elementari e Medie

5 motivi per non aiutare i bambini a fare i compiti

Tornati a casa i nostri bambini hanno sempre una marea di compiti da fare. Spesso ci vogliono diverse ore perché finiscano e non rimane il tempo per giocare. C'è la tentazione di aiutarli per alleggerire il carico. Magari alcuni glieli facciamo fare...
Elementari e Medie

Compiti a casa: vantaggi

Tante volte i compiti lasciati in classe dalle maestre da fare a casa sembrano essere soltanto un peso. I bambini li fanno senza voglia, i genitori devono sedersi vicino loro per poterli seguire e non farli sbagliare, pur non avendo tempo per questioni...
Elementari e Medie

Come organizzarsi per fare i compiti

La scuola è fatta di diritti ma anche si doveri; tra questi sono da annoverare gli stressanti compiti pomeridiani o serali. Per riuscire a farli bene si cerca sempre il metodo organizzativo migliore che al contempo riduca il tempo e permetta di imparare...
Elementari e Medie

Le migliori scuse per non aver fatto i compiti

La scuola per alcuni è bellissima, per altri è noiosa e per altri è necessaria nonostante si applichino solo quel tanto che basta per ottenere una promozione. Le migliori scuse per non aver fatto i compiti arrivano nel momento in cui un alunno, non...
Elementari e Medie

Scuola primaria: come aiutare il bimbo nei compiti

Durante lo svolgimento dei compiti è molto importante seguire il bambino, soprattutto i primi due anni di scuola primaria, poiché una volta acquisito il metodo di studio riuscirà autonomamente a studiare gli altre tre anni. In questa guida sarà illustrato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.