Come progettare i lucidi per la lavagna luminosa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Probabilmente non tutti conoscono le lavagne luminose, ma è piuttosto facile fare la loro conoscenza in ambito didattico, in una sala riunioni o in un centro d'informazione. Progettare dei lucidi per le lavagne luminose non è un'impresa impossibile. Ovviamente è necessario avere un minimo di conoscenza della materia e sapere quali sono i giusti step da seguire. Andiamo allora a scoprire insieme come progettare i lucidi per la lavagna luminosa.

26

Occorrente

  • Foglio di carta semplice
  • Fogli lucidi
36

Prima di dare inizio al nostro progetto, è necessario andare a realizzare efficacemente un lucido che schematizzi perfettamente uno specifico concetto. Dato che sarà necessario conoscere approfonditamente quest'ultimo, sarà estremamente importante comprenderne i particolari ed il significato, in modo preciso e dettagliato. A questo punto andando a rileggere attentamente il brano, dobbiamo andare ad effettuare alcuni passaggi chiave. Partiamo quindi andando ad evidenziare le nozioni logiche che ci sembrano fondamentali ed importanti. Ovviamente non dimentichiamo di tenerle bene a mente! Procediamo poi andando a pensare alla modalità con cui schematizzare quest'ultime, secondo la realtà degli ascoltatori che ci troveremo davanti.

46

Il passo immediatamente successivo è quello di andare (possiamo realizzarlo sopra un qualunque foglio di carta) a dare vita a una sorta di mappa concettuale. Per compiere adeguatamente questo lavoro, è necessario andare ad unire e collocare in maniera logica e ragionata tutti gli eventi e tutti i concetti. Questo affinché essi abbiano una sorta di relazione ed un continuo. Teniamo sott'occhio il nostro schema di progettazione grafica e decidiamo quale immagine è maggiormente appropriata per le nozioni logiche che intendiamo esporre. Il passo successivo, dopo aver scelto l'immagine che ci sembra più appropriata è di andarla a copiare. Andiamo quindi a posizionare il nostro lucido sulla fotografia e procediamo ricalcandola con attenzione.

Continua la lettura
56

Oltre a ricalcare la fotografia scelta da noi in precedenza, possiamo anche decidere di scomporre un disegno. Inoltre possiamo scomporre un'immagine nei suoi componenti fondamentali e ricopiare ciascuna parte sopra un lucido differente, facendo comunque molta attenzione alle posizioni e alle grandezze dei vari dettagli. In questo modo ci sarà possibile presentare i diversi elementi in maniera didascalica e ordinata, ovviamente sempre accompagnandoli con una buona presentazione verbale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Proviamo a fare un po' di pratica prima di passare alla realizzazione di un progetto più articolato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Consigli per la calibrazione di una lavagna interattiva multimediale

La lavagna interattiva multimediale, detta anche LIM, è diventata nell'ultimo periodo una componente immancabile nelle aule di scuola di tutta Italia. Essa, infatti, unisce la comodità della classica lavagna con le opportunità offerte dalle nuove tecnologie,...
Università e Master

Come discutere la tesi di laurea

Ogni percorso di laurea termina sempre con la discussione della propria tesi, cioè l'ultimo esame che uno studente deve affrontare per poter ottenere il titolo per cui ha studiato duramente. Senza ombra di dubbio, il giorno più atteso e più voluto...
Elementari e Medie

Come Insegnare La Ciclicità Del Tempo Ai Bambini

A cominciare dalla prima classe è necessario preparare i bambini con adeguate strategie, a comprendere che la successione di determinati eventi si ripete sempre. Tuttavia bisogna far capire che il giorno e la notte, i mesi dell'anno, i giorni della settimana...
Maturità

I migliori programmi per progettare mappe concettuali

Le mappe concettuali nell'apprendimento sono un metodo di studio davvero efficace. Ci aiutano a semplificare con delle parole chiave l'argomento. Viene creato uno schema, questo ci aiuta a ricordare meglio. Esistono molti programmi ormai che si occupano...
Università e Master

Come progettare una strada

In questa guida, passo dopo passo, dirò come progettare una strada. Il progetto di una strada è ricompreso nella branca di ingegneria autostradale interessata con il posizionamento degli elementi fisici della carreggiata secondo determinati standard....
Elementari e Medie

Come fare le moltiplicazioni con un abaco

La matematica è una materia importantissima ed occorre che venga studiata bene sin dai primi anni di scuola. Infatti, imparare a familiarizzare con i numeri comporta un bel vantaggio per il futuro, quando si dovrà affrontare lo studio di aritmetica...
Elementari e Medie

Come allestire un'aula multimediale

Se abbiamo un ufficio ed intendiamo utilizzarlo per impartire lezioni o fare corsi di formazione professionale, con l'utilizzo di nuove e moderne tecnologie, possiamo allestire un'aula multimediale, partendo da cifre minime a quelle più elevate, a seconda...
Elementari e Medie

Come spiegare il centinaio

In seconda elementare la matematica diventa più complessa. Oltre alle unità ed alle decine, si aggiunge anche il centinaio. Spiegare il concetto è relativamente facile. Tuttavia, alcuni strumenti come l'abaco, la linea dei numeri ed i blocchi multibase...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.