Come Prevedere L'Effetto Dei Sostituenti Sull'Acidita' Degli Acidi Carbossilici

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Siete degli appassionati della chimica, sempre in cerca di qualche nuovo esperimenti da realizzare con le vostre mani? Se la risposta a questa domanda è si, allora questa guida farà sicuramente al caso vostro. Gli acidi carbossilici, come preannuncia il loro stesso nome, sono dei composti a carattere di acido. Infatti, il protone presente nel gruppo funzionale carbossilico è facilmente espulso in soluzione. Infatti il pK acido dell'acido benzoico è 4,19. In questa guida, come avrete sicuramente già capito dal titolo, vi spiegherò, passo dopo passo, come prevedere nel modo migliore, più veloce, pratico e sicuro possibile, l'effetto dei sostituenti sull'acidita degli acidi carbossilici. State tranquilli, anche se all'inizio vi potrà sembrare un'operazione alquanto complicata, soprattutto se non siete degli esperti in questo genere di cose, in realtà, se seguirete attentamente la procedura che vi spiegherò tra poco e i vari consigli utili che vi darò più in seguito, vedrete che riuscirete a prevedere il loro effetto con estrema facilità. Detto ciò, mettetevi comodi e non mi resta altro da fare che augurarvi una buona lettura.

24

L'acido benzoico è un anello benzenico con un sostituente carbossilico. Tutti sanno che la reattività degli anelli benzenici è fortemente condizionata da quali e quanti sostituenti vi sono presenti sull'anello. Questa cosa è strettamente legata all'acidità dei composti a carattere di acido benzoico. Procedete pure al passo successivo.

34

Gli anelli aromatici che recano gruppi elettrondonatori risultano attivati nei confronti di una ulteriore sostituzione aromatica mentre, viceversa, gli elettron-attrattori inibiscono le reazioni di sostituzione successive. Allo stesso modo, gli elettron. Attrattori aumentano l'acidità dell' acido benzoico e viceversa gli elettron-donatori. Ora, procedete pure al terzo e ultimo passo di questa guida per scoprire come ultimare questa utilissima procedura.

Continua la lettura
44

A questo punto gli elettron-donatori sono i seguenti: lo ione ossidrile, gli ioni alcossidi in generale, e i residui alchilici. Come disattivanti, invece, e quindi incrementatori dell'acidità vi sono tutti gli alogeni, l'idrogeno lo ione cianuro e anche quello nitro. Quindi guardando i sostituenti sara' possibile prevedere l'acidità dell'acido benzoico sostituito. Detto ciò, spero di esservi stato d'aiuto. La guida termina qui e non mi resta altro da dirvi che augurarvi un buon lavoro, alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come dare il nome ai derivati polisostituiti del benzene

La chimica rappresenta una delle materie più ostiche da affrontare per uno studente: a prescindere dal percorso e dal grado di studi, questa materia richiede un'attenzione ed un approccio particolare. Ciò diventa più chiaro soprattutto quando lo studio...
Università e Master

Come Eseguire La Carbossilazione Con I Reagenti Di Grignard

Come forse non saprete, qualunque preparazione degli acidi carbossilici, ovvero dei composti organici contenenti il gruppo carbossile (-COOH), è quasi sempre una tappa veramente fondamentale per la sintesi organica, ossia la costruzione delle molecole...
Università e Master

Come Ossidare Le Aldeidi E I Chetoni

Le aldeidi e i chetoni, in chimica, altro non sono che dei composti organici che possono prevedere un procedimento di cosiddetta "ossidazione". Aldeidi e chetoni sono rinomati per essere proprio i composti organici che meglio riescono ad ossidarsi.In...
Superiori

Come Dare La Nomenclatura Ai Derivati Disostituiti Del Benzene

Una vasta ed importante famiglia di composti chimici, è quella raggruppante i derivati disostituiti, vale a dire contenenti due sostituenti del benzene, i quali trovano largo impiego in laboratorio proprio per le loro pregevoli proprietà ed utilità....
Università e Master

Come Attribuire La Configurazione Assoluta A Un Centro Chirale

Quando si parla di centro chirale, nella chimica organica, ci si riferisce ad una molecola che non può essere sovrapposta alla propria immagine speculare in tutte e tre le sue dimensioni. In caso contrario invece quando la molecola può essere sovrapposta...
Università e Master

Come Idrolizzare Gli Alogenuri Acidi

L'idrolisi è un processo nel quale le molecole si scindono grazie a particolari forme di reazione determinate dall'acqua. Solitamente quindi, il processo di idrolisi si deve intendere come l'opposto rispetto a quello della condensazione. In questa guida...
Superiori

Come dare la Nomenclatura ai derivati monosostituiti del benzene

Tutti i composti che contengono un anello benzenico, sono aromatici e derivati; i ​​sostituiti di benzene del costituiscono la maggior classe dei composti aromatici. Molti di questi composti sono denominati collegando il nome del sostituente come...
Università e Master

Appunti di chimica: saponificazione degli esteri

In questa guida cercherò di spiegarvi con i miei appunti di chimica come funziona e cos'è la reazione di saponificazione degli esteri. Questa reazione è più propriamente chiamata "reazione di idrolisi basica degli esteri". Una soluzione di una base...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.