Come prestare attenzione in classe

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Prestare attenzione in classe è un compito abbastanza difficile, soprattutto se le ore della lezione superano i 60 minuti; l'attenzione dipende dall'età delle persone che si hanno di fronte, ad esempio i bambini dopo circa mezz'ora sono già stanchi, una persona adulta invece, potrebbe prestare il massimo dell'attenzione anche per un'ora e mezza di lezione a prescindere dall'argomento che si sta trattando, naturalmente per le materie che ci incuriosiscono, l'attenzione sarà maggiore. Purtroppo la mente tende a stancarsi e subentra nell'immediato la noia. In questa guida sarà illustrato per l'appunto come prestare attenzione in classe. Ascoltare l'insegnante e mantenere alto il livello di concentrazione durante le ore scolastiche può essere difficile, soprattutto quando le lezioni risultano noiose o gli argomenti trattati poco interessanti. Se non seguiamo il filo del discorso, oltre alle strigliate da parte di genitori e maestri, a casa ci ritroviamo a dover studiare materie incomprensibili e la mole di compiti diventa insormontabile.

24

Eliminare le distrazioni

Il primo fondamentale passo per mantenere la concentrazione in classe consiste proprio nel fare piazza pulita di tutto ció che potrebbe fuorviarci dalla lezione. Un telefonino, un gioco, un compagno/a potrebbero essere la nostra principale fonte di distrazione. Allontaniamoci di banco o riponiamo in un luogo non immediatamente accessibile l'oggetto colpevole del nostro svago ed avremo eliminato un primo ostacolo.

34

Focalizzare

La mente tende per sua natura a vagare nello spazio e nel tempo, a farci sognare ad occhi aperti come saranno le nostre giornate future o a portarci indietro nei ricordi, rendendoci assenti proprio durante la lezione. Lo sforzo mentale più grande che dobbiamo impegnarci ad affrontare consiste nell'ancorarci al presente. Dobbiamo dare un taglio alle divagazioni, mettere da parte il pensiero che fa capolino nella nostra testa e riproporci di affrontarlo quando avremo del tempo libero.

Continua la lettura
44

Partecipare alla lezione

Quando conosciamo un argomento siamo più propensi ad ascoltare ed intervenire, perché nella nostra mente abbiamo già formulato personali opinioni. Per indurci a non divagare dobbiamo dunque motivare la nostra attenzione all'ascolto ed il miglior metodo per farlo risiede proprio nel prepararci a ciò che ci attende in classe. Diamo una scorsa agli appunti o una lettura all'argomento che verrà affrontato con un minimo di anticipo e riusciremo ad entrare nella modalità di apprendimento corretta in breve tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

10 consigli utili per gestire una classe

Fare l'insegnante non è assolutamente facile per chi si trova alle prime armi con questa esperienza. Insegnare in una classe certe volte può essere davvero difficoltoso, soprattutto quando la classe è davvero composta da alunni ingestibili. Eccovi...
Elementari e Medie

5 regole da rispettare in classe

Se siete alle prime armi con l'insegnamento e non sapete bene come gestire una classe di alunni scatenati, mantenete la calma e fate attenzione a non lasciarli troppo liberi di fare.Le regole in una classe, sono importanti per mantenere una certa calma...
Elementari e Medie

Come realizzare un cartellone con le regole di classe

Una classe scolastica è una piccola comunità. I piccoli individui che si approcciano allo studio a scuola si trovano a convivere molte ore con i loro amici. Questa convivenza è fondamentale per la formazione di ogni persona, poiché si impara il rispetto...
Elementari e Medie

Le funzioni del coordinatore di classe

All'interno della scuola c'è un'organizzazione gerarchica ben determinata. In particolare c'è il consiglio di classe che si presenta come un organo collegiale costituito dal Dirigente scolastico, due rappresentanti dei genitori e il corpo docente, tra...
Elementari e Medie

Come gestire una classe ribelle

Tantissimi insegnanti sono alle prese con ragazzi difficili; spesso sono proprio gli insegnanti ad essere le vittime designate dai ribelli. Comunque bambini e ragazzi difficili sono gestibili in quanto tali. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni...
Elementari e Medie

10 regole per essere un buon rappresentante di classe

Fare il rappresentante di classe implica delle responsabilità e una discreta quantità di tempo e d'impegno, oltre ad un cera dose di pazienza, utile e necessaria per riuscire ad interagire con tutti i ruoli e le persone che inevitabilmente si incontrano...
Elementari e Medie

Come stare attento in classe

La scuola sta per finire e le vacanze estive si avvicinano. Dopo mesi e mesi trascorsi tra compiti in classe e interrogazioni, ci si può prendere qualche settimana di sano relax. I compiti delle vacanze si devono comunque svolgere, ma coloro che hanno...
Elementari e Medie

Come evitare un compito in classe

Il compito in classe è, di solito, uno dei momenti più delicati per uno studente. Cresce ben presto la tensione e, con essa, anche la paura di non essere preparati e, quindi, di non farcela. Ma uno studente intelligente può anche escogitare un modo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.