Come Presentarsi In Inglese Al Primo Incontro

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Al giorno d'oggi, la conoscenza della lingua inglese è di fondamentale importanza soprattutto nel mondo lavorativo, che sta diventando sempre più globalizzato. Ma oltre a tutto ciò, saper esprimersi bene in inglese è importante anche nei rapporti interpersonali: capita spesso, infatti, di recarsi all'estero e di fare nuove amicizie; anche in questo senso, la conoscenza della lingua può risultare molto utile. Nella seguente guida vedremo in particolare come presentarsi in inglese al primo incontro.

25

La pronuncia

Pur avendo qualche base di conoscenza della lingua inglese, difficilmente ognuno di noi riesce a costruire una presentazione o un discorso completo. Prepariamoci quindi nella maniera più corretta, lavorando principalmente sulla pronuncia in modo tale da essere più sicuri nell'espressione e nel dialogo. Se quindi dovesse capitarci di fare una presentazione in inglese, sarà sufficiente dire le parole basilari in modo chiaro, semplice e comprensibile. La preparazione dovrà avvenire utilizzando il metodo dell'ascolto. È possibile ad esempio vedere un film in inglese, catturando ogni attimo della conversazione e cercando di comprendere la pronuncia dei vocaboli e la giusta inflessione delle parole.

35

Il saluto

Parliamo prima innanzitutto del saluto. Ci sono diversi modi in cui è possibile salutare una persona. Il primo e il più usato è "hi" (pronuncia "ai") che significa semplicemente "ciao". A scuola di solito si usava dire "hello", ma più tardi abbiamo imparato che nell'inglese parlato difficilmente sentiremo salutare le persone in quel modo. "Hello" infatti è molto più usato per rispondere al telefono, che non come forma di saluto vera e propria. Inoltre è possibile salutare anche in maniera più informale con "good morning" (pronuncia "gud morning"), per dire "buongiorno", "good evening" (pronuncia "gud ivinig"), per dire buonasera oppure "good night" (pronuncia "gud nait"), per salutare augurando la buona notte.

Continua la lettura
45

La presentazione

Per quanto riguarda la presentazione, ci sono delle frasette standard che possono andare sempre bene. "What's your name?" (pronuncia "uat ior neim"), che serve a chiedere il nome della persona con cui stiamo parlando e poi rispondere semplicemente dicendo: "My Name is...". Poi è cortesia rispondere: "Nice to meet you" (pronuncia "nais to mit iu"), che ha il significato di "piacere di conoscerti". What's your name?" (come ti chiami)", oppure: "How old are you?" (quanti anni hai), sono le domande maggiormente utilizzate ad un primo incontro.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come organizzare un corso di inglese per bambini

Se vi state chiedendo come organizzare un corso di inglese per bambini in un modo semplice ma efficiente, divertente ma proficuo, siete capitati nella pagina giusta. Non è semplice creare un contesto adatto all'apprendimento per i più piccini, poiché...
Elementari e Medie

10 modi per insegnare l'inglese a tuo figlio

Sapere l'inglese è essenziale per integrarsi in modo consapevole nella cultura della nostra epoca. Sempre più attività richiedono la conoscenza di questa lingua e sempre più persone la utilizzano per scambiarsi opinioni, pareri e impressioni. Imparare...
Elementari e Medie

Come fare un riassunto in inglese

La lingia inglese è ormai diventata la lingua più usata per la comunicazioe internaziomale ed è uno dei prerequisiti indispensabili per l'accesso al mondo del lavoro. Spesso ci imbattiamo in lunghi testi in lingua inglese, sia in contesti scolastici...
Elementari e Medie

Come porre una domanda in inglese

Tutti noi sappiamo sappiamo bene che la lingua che ci collega al resto del mondo e che ci consente di comunicare con persone di culture diverse è l'inglese. Avere una padronanza sufficiente di questa lingua sia nel parlare che nello scrivere è un requisito...
Elementari e Medie

Come usare il pronome personale soggetto in inglese

È ormai risaputo che la lingua inglese non consente di omettere il pronome personale soggetto nelle frasi. Tutto questo è causato dal fatto che a differenza della coniugazione italiana nei verbi, omettendo il pronome personale in inglese, non si capisce...
Elementari e Medie

Come imparare i numeri in inglese

L'inglese è sicuramente una delle lingue più parlate al Mondo e al giorno d'oggi è veramente molto importante riuscire ad impararla, sia perché essa potrebbe tornarci utile per ottenere un posto di lavoro e sia per effettuare un viaggio all'estero....
Elementari e Medie

Inglese: gli usi di "must"

L'inglese è una lingua piuttosto semplice, sicuramente più semplice rispetto alle lingue germaniche. Caratterizzata da un numero enorme di vocaboli, la lingua inglese si contraddistingue dalle lingue neolatine per diverse particolarità, su tutte la...
Elementari e Medie

Come insegnare inglese ai bambini

Al giorno d'oggi imparare almeno una lingua straniera è diventato praticamente un obbligo; infatti, è ormai noto che la lingua ufficiale del mondo sia diventata a tutti gli effetti l'inglese, per cui conoscerla significa avere tantissime opportunità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.