Come preparare l'idrogeno dall'alluminio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'idrogeno è un gas (dato che, a temperatura ambiente e a pressione atmosferica, si trova allo stato aeriforme) ed è il primo elemento della tavola periodica di Mendeleev e anche il più leggero.
Può essere prodotto con lo scopo di fare un esperimento in casa ma anche per produrre un combustibile, essendo l'idrogeno fortemente infiammabile.  

27

Occorrente

  • Fogli di alluminio
  • Acido muriatico
  • Barattolo di vetro resistente all'acido
  • Guanti
  • Mascherina
  • Bacchetta di vetro
37

La prima cosa da fare sarà indossare i guanti e la mascherina per evitare che l'acido vada in contatto con gli occhi e/o la pelle. Essendo fortemente corrosivo potrebbe danneggiare in maniera significativa la vista o l'epidermide. Con gli acidi non si scherza.
Inoltre un'altra precauzione da non sottovalutare è quella di svolgere l'operazione in un posto aperto ed arieggiato. Ciò servirà ad evitare di danneggiare oggetti ma anche ad evitare il più possibile la respirazione di eventuali gas tossici che potrebbero generarsi insieme all'idrogeno.

47

Il passo successivo consiste nell'appallottolare i fogli di alluminio: staccantene dei pezzi molto grossi e arrotolateli tra le mani fino a formarne delle sfere molto grosse ma non troppo perché rischierebbero di non entrare all'interno del contenitore.
Appallottolata la carta d'alluminio passare allo step seguente.

Continua la lettura
57

L'ultimo passaggio per far avvenire la reazione consiste nel versare l'acido muriatico nel barattolo con l'alluminio e mescolare con qualcosa resistente all'acido come ad esempio una bacchetta di vetro.
Nel giro di qualche secondo noterete la formazione di piccole bollicine ai lati delle sfere d'alluminio, la reazione sta avvenendo con successo.
Col passare del tempo la reazione porterà alla produzione di un fumo più o meno scuro (a seconda della qualità dei reagenti utilizzati), nessuna paura, è tutto normale, è l'idrogeno che sta salendo essendo più leggero dell'aria. La reazione terminerà quando rimarrà nel barattolo un liquido blu e potrà essere riattivata aggiungendo un'altra sfera di alluminio.

67

Adesso che avete prodotto l'idrogeno potete scegliere cosa farne, non ci assumiamo nessuna responsabilità di un'utilizzo improprio del gas, questa vuole essere solo una guida informativa:

- potete collegare al barattolo un tubo da mettere all'interno di un contenitore con acqua e detersivo per piatti in modo che il detergente emulsioni acqua e idrogeno formando così delle bolle di sapone ripiene di questo gas infiammabile che esploderanno a contatto con una fiamma (operazione da fare a debita distanza dal barattolo in cui sta avvenendo la reazione);  

- potete posizionare dei palloncini nel collo del barattolo per immagazzinare il gas.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non fate questo esperimento in presenza di bambini o animali
  • Tenere il generatore di idrogeno lontano da fiamme e fonti di calore

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di idrogeno

Secondo la teoria meccanica quantistica, un elettrone legato ad un atomo non può avere qualsiasi valore di energia, anzi può occupare solo certi stati corrispondenti a certi livelli energetici. La formula che definisce i livelli di energia di un atomo...
Università e Master

Come calcolare la concentrazione dall'assorbimento

Quando una radiazione luminosa viene riflessa all'interno di un mezzo trasparente una parte di essa di infrange nel pezzo. Questa radiazione luminosa comporta la diminuzione della radiazione stessa man mano che essa si propaga. Il logaritmo decimale per...
Università e Master

Come misurare i potenziali di riduzione

In questo tutorial vengono date delle corrette informazioni su come misurare i potenziali di riduzione. Per riuscire a comprendere il funzionamento di una pila bisogna basare l'esperimento su delle reazioni chimiche di ossidoriduzione. Per fare questa...
Università e Master

Chimica organica: le reazioni degli alcani

Gli alcani sono quegli idrocarburi (composti formati da idrogeno e carbonio) in cui tutti gli atomi di carbonio sono legati tra loro tramite legami semplici. Esistono particolari tipi di alcani, detti cicloalcani, che non sono altro che idrocarburi che...
Università e Master

Come Fare Una Addizione Di Hbr Agli Alchini Secondo Markovnokov

Gli Alchini sono formati da atomi di idrogeno e carbonio uniti tra di loro. Queste unioni sono chiamate legami covalenti e se intendiamo studiarle, ma non conosciamo le basi per comprendere il concetto è importante ricorrere all'addizione dell'HBR sugli...
Università e Master

Come Ottenere Un Alcossido

L’Alcolato è un composto chimico che nasce dalla sostituzione di un atomo di idrogeno con un metalli nei composti alcolici. Il loro processo di formazione si avvicina a quello che porta dagli acidi ai sali, non a caso gli alcossidi hanno molte similitudini...
Università e Master

Come effettuare l'idratazione degli alchini

Gli alchini sono identificati come composti chimici organici che hanno tripli legami nella loro struttura chimica. Essi sono molto importanti in varie applicazioni industriali e la caratteristica che li rende riconoscibili è la presenza nella loro struttura...
Università e Master

Come Preparare Il P-t-butilfenolo Per Alchilazione Di Friedel-crafts

Tra le materie scientifiche esistenti, la chimica risulta essere tanto affascinante quanto complicata, ma nel corso della vita può tornare utile sapere o per lo più avere le nozioni basi studiate negli anni addietro. Un alchile in un anello aromatico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.