Come portare a volume una soluzione chimica

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Portare a volume una soluzione chimica significa raggiungere con un campione omogeneo un determinato livello. Solitamente quest'ultimo è indicato da una tacca in un contenitore, e per questa ragione risulta essere un'attività chimica che spesso viene fatta nei laboratori. Se non siete degli esperti in campo chimico e siete interessati a questo argomento, magari dovendo fare qualche esperimento, leggete attentamente la seguente guida, molto semplice e veloce da realizzare. Vediamo quindi insieme come procedere.

26

Occorrente

  • matraccio
  • contagocce
36

È bene prima di cimentarsi nell'esperimento soffermarsi sulla terminologia. In chimica per soluzione si intende un sistema omogeneo che può essere decomposto per mezzo di metodi di separazione fisici. Per solvente invece si intende un liquido che scioglie un soluto solido, liquido o gassoso, dando luogo ad una soluzione. Il campione da utilizzare in questo caso può essere sia solido che liquido. Nell'evenienza di campione solido, prima di versarlo nel matraccio (contenitore tarato solitamente in vetro) dovrete portarlo a soluzione in un altro contenitore, per esempio una beuta.

46

Per "sciogliere" il rame occorre utilizzare un acido ossidante, come ad l'acido nitrico. Questa azione preliminare non va fatta invece nel caso di liquido o comunque quando il campione sia già una soluzione. Infatti il vostro obiettivo è arrivare ad una soluzione, ma non tutti i liquidi sono miscelatili (esempio l'olio e l'acqua autonomamente non legano), o una soluzione potrebbe essere satura (quando il soluto ha raggiunto la concentrazione massima). Ottenuta la tua soluzione, potete finalmente iniziare con l'esperimento. A questo punto versate il tutto nel matraccio, cercando di non perdere materia.

Continua la lettura
56

Tutto gli oggetti entrati in contatto con il campione devono essere accuratamente lavati e la soluzione di lavaggio utilizzata recuperata e versata anch'essa nel matraccio. Iniziate a versare il solvente fino ad arrivare alla tacca prevista. Una volta che vi apprestate ad arrivare al livello di volume, sarebbe bene utilizzare un contagocce, in quanto la precisione è indispensabile per un buon lavoro, e nel caso in cui il livello venga superato, bisogna ricominciare tutto da capo. Infine tappate bene il matraccio, agitate più volte in modo che tutti i componenti si miscelino, evitando di avere strati di soluzione con densità diversa. A questo punto avrete portato per la prima volta a volume una soluzione. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Ossidare Un Alcol Con Kmno4

Gli alcol sono dei composti molto duttili e si prestano ad essere utilizzati in numerosissime reazioni dandoci la possibilità di ottenere altrettante tipologie di prodotti. Tra le reazioni più utilizzate per far reagire gli alcol, le ossidazioni rivestono...
Università e Master

Come determinare il calcio negli alimenti

Nella seguente semplice e rapida guida, vi parleremo di un argomento che potrebbe risultarvi molto interessante e cioè la procedura da seguire attentamente per determinare il quantitativo di calcio presente negli alimenti oppure nelle bevande (come,...
Università e Master

Determinazione Della Prolina Nei Vini Mediante Il Metodo Spettrofotometrico Di Ought

La prolina è un amminoacido apolare, nonché una molecola chirale. Il gruppo laterale è costituito da un anello che non si adatta in una struttura secondaria ordinata, e questo le regala la capacità di formare delle "cerniere" all'interno di un polipeptide,...
Superiori

Appunti di chimica: come esprimere la concentrazione

Si sa, la chimica è una materia tosta e ingegnosa; tuttavia il suo studio può risultare semplice e lineare se ci serviamo di appunti e di metodi che ci semplificano la sua comprensione. Se siete molto confusi sull'argomento "concentrazione", vi trovate...
Università e Master

Come Indicare La Concentrazione Di Una Soluzione

In questa guida vedremo come indicare la concentrazione di una soluzione. Logicamente stiamo parlando di una soluzione chimica. Le soluzioni comunque sono tantissime cose che spesso ci stanno attorno come l'acqua in una pentola, l'acqua del rubinetto...
Superiori

Appunti di chimica: la concentrazione e le soluzioni sature

Lo studio della chimica può essere molto divertente ed è applicabile alla vita di tutti i giorni. In questi appunti, cercheremo di fornire un quadro dettagliato di un argomento fondamentale per l'apprendimento della materia, chiarendo il concetto di...
Università e Master

Chimica: le proprietà colligative

Le proprietà colligative sono delle proprietá delle soluzioni che dimostrano i cambiamenti delle proprietá chimico-fisiche dei soluti rispetto a quando si legano a formare soluzioni. Queste ovviamente dipendono e cambiano dalle concentrazioni di soluto...
Università e Master

Modi per esprimere la concentrazione di una soluzione

Nel campo della chimica, una soluzione deriva dall’unione uniforme di una o più sostanze. Il suo volume è omogeneo, perché le particelle si dispongono in maniera regolare. Una soluzione si compone di due elementi. Il soluto si disperde nella soluzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.