Come Passare Da Un Tipo Di Concentrazione Ad Un Altro

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Una soluzione chimica viene definita in base alla concentrazione molecolare, e per conoscerla ci sono diversi modi. Il passaggio da un tipo di concentrazione ad un altro e il calcolo delle formule, sono dei problemi che si presentano molto frequentemente nei laboratori, per cui ecco che nei passi successivi, troviamo una guida che ci spiega come passare da un tipo di concentrazione ad un altro.

24

Nei vari passi di questa guida, troviamo in modo dettagliato un esempio che illustra la trasformazione di un tipo di concentrazione in un altro. Il problema può tuttavia assumere molteplici aspetti, ed inoltre vi è la presenza di un denominatore comune costituito dalle importanti relazioni che legano tra di loro il peso, il volume e il numero di moli: numero di moli (n) = peso in grammi (g) / peso di una mole o peso molecolare (PM) e densità (d) = massa (g) / volume (V).

34

Un esercizio a cui abbiamo fatto accenno nel passo precedente, e che ci consente di capire a fondo come avviene il passaggio di una concentrazione ad un'altra, consiste nel calcolare la percentuale massa/volume (m/v%) di una soluzione di acido solforico in una di acqua. Da sottolineare che la percentuale massa/ volume indica i grammi di soluto presenti in 100 ml di soluzione. In tal caso calcoliamo per iniziare, i grammi di acido per litro di soluzione (1000 ml) moltiplicando la molarità per il peso molecolare dell'acido solforico (PM = 98): ed essendo la molarità 1, otteniamo che i grammi di acido sono pari a 98. Per trovare invece la percentuale massa/volume, bisogna dividere per 10 i grammi di soluto: %m/v = 98/10 = 9,8%. Di solito, è possibile applicare la seguente formula: %m/v = (M * PM) /10. Moltiplicando la molalità per il peso molecolare dell'acido cloridrico (36,5), troviamo i grammi di soluto disciolti in 1000 grammi di solvente puro ed otterremo 109,5 g.

Continua la lettura
44

Sommando quindi i grammi di solvente puro a quelli di soluto, calcoliamo i grammi di soluzione (1109,5 g). A questo punto, bisogna dividere i grammi di soluzione per la densità: troveremo in questo modo, il volume di soluzione (1057 ml) in cui sono contenute 3 moli di soluto. Infine, dalla proporzione 3: 1057 = M: 1000 otterremo la molarità il cui valore è pari a 2,84 moli /litro. A margine di quanto sin qui descritto, possiamo dire che grazie a degli esercizi illustrati, sappiamo finalmente come passare da un tipo di concentrazione ad un altro, quando si tratta di alcune sostanze chimiche particolari e che necessitano per varie ragioni specie sperimentali di questi continui scambi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Modi per esprimere la concentrazione di una soluzione

Nel campo della chimica, una soluzione deriva dall’unione uniforme di una o più sostanze. Il suo volume è omogeneo, perché le particelle si dispongono in maniera regolare. Una soluzione si compone di due elementi. Il soluto si disperde nella soluzione...
Università e Master

Come ricavare la concentrazione di una soluzione da misure spettrofotometriche

Una tecnica analitica largamente utilizzata sfrutta il fenomeno dell'assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle soluzioni. Nello specifico prende il nome di spettrofotometria oppure fotometria, a seconda delle condizioni sperimentali...
Università e Master

Come calcolare la concentrazione dall'assorbimento

Quando una radiazione luminosa viene riflessa all'interno di un mezzo trasparente una parte di essa di infrange nel pezzo. Questa radiazione luminosa comporta la diminuzione della radiazione stessa man mano che essa si propaga. Il logaritmo decimale per...
Università e Master

Come passare brillantemente un esame di economia

Superare gli esami all'Università è la principale preoccupazione dello studente laureando. Quest'ultimo spesso perde la serenità e il sonno tormentandosi col dubbio di non essere sufficientemente pronto. Spesso e volentieri si tratta soltanto di paura...
Università e Master

Come passare il test di medicina

Ogni anno, riuscire ad entrare all'interno di una facoltà a numero chiuso, diventa un'impresa sempre più ardua. Il test d'ingresso per la facoltà di medicina è uno dei più impegnativi per la necessità di una preparazione adeguata ed approfondita....
Università e Master

Come passare l’esame di analisi matematica I

Tutti i percorsi di laurea riguardanti discipline tecnico-scientifiche come Ingegneria, Informatica, Scienze naturali ed Economia prevedono un corso di una disciplina che funge da base per l'insegnamento di Analisi Matematica I. Quest'ultima introduce...
Università e Master

Come diluire le soluzioni In laboratorio

Spesso ti sarà capitato, se lavori in un laboratorio, di dover preparare una nuova soluzione partendo da una soluzione madre di partenza, mediamente più concentrata. Nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di illustrarvi come farlo in...
Università e Master

Come calcolare l'errore di titolazione

In chimica, la titolazione è una tecnica che consiste nel far reagire una soluzione a concentrazione non nota (titolando) con un composto acido o basico, a concentrazione nota. Lo scopo del procedimento è quello di determinare la concentrazione dell'analita,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.