Come ottenere una soluzione chimica Meno Concentrata

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La chimica è una delle materie più importanti per tutti coloro che decidono di intraprendere gli studi scientifici, ovvero che decidono di frequentare un istituto tecnico industriale oppure un liceo scientifico. Uno degli elementi fondamentali su cui si basano la maggior parte degli esercizi di chimica è la soluzione, la quale è un composto formato da due o più elementi allo stato liquido (che in questo caso vengono definiti come reagenti) che, quando si uniscono, reagiscono dando origine ad una reazione chimica. A seconda degli elementi contenuti in essa, una soluzione può avere una concentrazione variabile. Nella seguente guida vedremo in particolare come ottenere una soluzione chimica Meno Concentrata.

25

Occorrente

  • 2 burette da 50 ml
  • Soluzione 0,1 N di NaOH
  • Matraccio da 100 ml con tappo di plastica
  • Spruzzetta
  • Imbuto
  • Penna vetrografica
  • Pipetta da 5 ml
35

Se, per esempio, dovete preparare 100 ml di soluzione di NaOH 0,03 N a partire da una soluzione precedentemente preparata a titolo noto (0,1 N), è necessario che effettuiate in via preventiva un calcolo preliminare. Gli equivalenti (dati precisamente ricavati dal prodotto della normalità per il volume espresso in litri) prima e dopo la diluizione devono essere sempre uguali: equivalenti iniziali = equivalenti finali, ovvero V1· N1 = V2 · N2. Sostituendo i valori, potrete ottenere: X · 0,1 = 0,1 · 0,03; da cui X = (0,1 · 0,03)/0,1 = 0,030 L =30 ml.

45

Il valore di 30 ml corrisponde pertanto al volume della soluzione a titolo noto, che dovete prelevare ed al quale dovrete aggiungere poi tanta acqua fino a quando non avrete ottenuto un volume pari a 100ml. Per cominciare l'esperimento, riempite la buretta con la soluzione di NaOH 0,1 M ed azzeratela. Versate quindi nel matraccio 30 ml esatti di questa soluzione ed aggiungete con molta accuratezza la maggior quantità di acqua distillata utilizzando un'altra buretta. Completate l'aggiunta di acqua distillata con la pipetta portando il menisco del liquido fino alla tacca segnata sul matraccio.

Continua la lettura
55

A questo punto, tappate il matraccio ed agitatelo con cura per favorire il processo di mescolamento. Non dimenticate di segnare sul matraccio, con una penna vetrografica, il contenuto e la nuova concentrazione della soluzione. Una volta ottenuta la nuova soluzione, potreste verificare se avete condotto in maniera accurata le operazioni effettuate per prepararla. Per questo scopo, potete determinare il titolo della soluzione utilizzando il HCl (acido cloridrico) come acido titolante a concentrazione nota e fenolftaleina come indicatore (titolazione acido base).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Modi per esprimere la concentrazione di una soluzione

Nel campo della chimica, una soluzione deriva dall’unione uniforme di una o più sostanze. Il suo volume è omogeneo, perché le particelle si dispongono in maniera regolare. Una soluzione si compone di due elementi. Il soluto si disperde nella soluzione...
Università e Master

Come Indicare La Concentrazione Di Una Soluzione

In questa guida vedremo come indicare la concentrazione di una soluzione. Logicamente stiamo parlando di una soluzione chimica. Le soluzioni comunque sono tantissime cose che spesso ci stanno attorno come l'acqua in una pentola, l'acqua del rubinetto...
Università e Master

Come calcolare la Molarità di una soluzione

Una soluzione per definizione è un miscuglio omogeneo di due o più componenti ed ha la stessa composizione e le stesse caratteristiche in tutti i suoi punti. E’ identificata dal rapporto di combinazione tra il solvente, che è la sostanza presente...
Università e Master

Come ricavare la concentrazione di una soluzione da misure spettrofotometriche

Una tecnica analitica largamente utilizzata sfrutta il fenomeno dell'assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle soluzioni. Nello specifico prende il nome di spettrofotometria oppure fotometria, a seconda delle condizioni sperimentali...
Università e Master

Come misurare il PH di una soluzione

La chimica è una materia molto affascinante che va studiata facendo pratica. Infatti se la teoria è importante, vedere un'applicazione pratica della materia aiuta a capire i processi. Una delle basi della chimica è la misurazione del PH di una soluzione....
Università e Master

Come calcolare la variazione di entalpia di una reazione chimica

La chimica rappresenta una materia fondamentale per tutti coloro che decidono di intraprendere gli studi scientifici (presso Istituti Tecnici, Licei scientifici, etc.). Uno degli argomenti più importanti della chimica è la reazione, che avviene quando...
Università e Master

Appunti di chimica analitica

In genere richiede delle operazioni preliminari, in maniera tale da filtrare tutti gli elementi che non servono per l'analisi analitica che si deve effettuare. Lo scopo di questi appunti di chimica è quello di illustrare le basi di chimica analitica....
Università e Master

Appunti di chimica: alogenazione di un alchene

Nella seguente dettagliata e complessa guida che troverete esposta nei passaggi successivi, cercherò di spiegarvi bene, grazie ai miei appunti di chimica, come funziona esattamente il meccanismo di alogenazione di un alchene. Precisamente, si tratta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.