Come ottenere l'acetato di cellulosa

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In ogni sua unità strutturale, la cellulosa ha tre gruppi di ossidrile (OH) che forniscono le reazioni caratteristiche degli alcool. L'acetato di cellulosa, uno dei polimeri maggiormente adoperati nell'industria tessile, si ottiene per reazione della cellulosa con l'anidride acetica.
Nell'esperimento proposto qui di seguito, è necessario prestare molta attenzione nell'utilizzare l'anidride acetica. Questo perché tale sostanza chimica è irritante per gli occhi e l'epidermide sia allo stato liquido che allo stato di vapore.
Nella seguente interessante guida, pertanto, vedremo sinteticamente come fare per riuscire ad ottenere l'acetato di cellulosa. Si tratta di un "lavoro" veramente divertente e semplice da eseguire. Buon esperimento!!!

27

Occorrente

  • Cotone idrofilo
  • Carta da filtro
  • Anidride acetica
  • Acido acetico glaciale
  • Acido solforico concentrato
  • Beuta da "50 ml"
  • Bacchetta di vetro
  • Bagno di acqua
  • Imbuto di Buchner
  • Materiale per la filtrazione sotto vuoto
  • Acqua distillata
37

Innanzitutto, dobbiamo immergere in acqua "0,50 gr" di cotone idrofilo e lasciarlo in ammollo per qualche minuto. Per rimuovere l'eccesso di acqua, pressiamo il cotone idrofilo tra due pezzi di carta da filtro.
Una volta allentato le fibre, mettiamo il cotone idrofilo all'interno di una beuta da "50 ml" contenente una soluzione ottenuta mescolando tre sostanze chimiche. In particolare, si tratta di "10 ml" di anidride acetica, "15 ml" di acido acetico glaciale e cinque gocce di acido solforico concentrato.

47

Per spingere il cotone idrofilo sotto la superficie della soluzione indicata nel passaggio antecedente, dobbiamo utilizzare una bacchetta di vetro. Lasciamo il tutto a riposo per almeno 15 minuti, senza sottoporre a riscaldamento. Trascorso questo periodo di tempo, scaldiamo la soluzione a 70°C nel bagno ad acqua per circa mezz'ora.
Non dobbiamo scordarci di agitare periodicamente la soluzione ottenuto con le tre sostanze chimiche. In questo modo, si formerà un liquido viscoso e omogeneo. Versiamo quest'ultimo in "400 ml" di acqua e agitiamo energicamente.

Continua la lettura
57

A questo punto l'acetato di cellulosa assumerà una particolare conformazione di massa gelatinosa. Dovremo attendere che il prodotto raggiunga la coagulazione e poi potremo raccoglierlo sull'imbuto Buchner. Per questo passaggio, utilizzeremo una filtrazione sotto vuoto.
Procediamo con il risciacquo del prodotto. Impieghiamo due porzioni da "10 ml" di acqua ciascuna e lasciamo asciugare il tutto. L'essiccazione sarà completa quando l'acetato di cellulosa sarà in grado di sbriciolarsi. In quel caso potremo utilizzarlo per la preparazione della pellicola.
Come potete vedere, la procedura è piuttosto semplice e veloce.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Maneggiate con estrema cautela l'acido, utilizzandone la giusta quantità.
  • Lasciate asciugare per bene l'acetato di cellulosa.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come fare una ossimercuriazione riduzione

Se siamo degli amanti della chimica, oppure siamo degli studenti di questa bellissima materia e ci piacerebbe approfondire alcuni particolari argomenti, potremo sfruttare tutte le potenzialità offerte da internet.Sul web, infatti, troveremo con molta...
Università e Master

Come Ottenere Un Etere Mediante Alcossimercuriazione

L'etere dietilico è un composto chimico che, a temperatura ambiente, si trasforma in un liquido incolore dall'odore piuttosto particolare. Esso viene solitamente utilizzato come solvente o come liquido per i motori a diesel. La reazione spiegata nei...
Università e Master

Come calcolare il pH relativo ad una idrolisi salina

Il pH è una scala di misura dell'acidità, chiamata anche della basicità di una soluzione acquosa. Fu introdotto nel 1909 con il termine "pH", dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine "p" sta a significare "operatore", e vuole simboleggiare due...
Università e Master

Come Dire I Numeri In Cinese

La civiltà della Repubblica Popolare Cinese è sicuramente una tra le più affascinanti sia grazie alla sua storia millenaria, ma anche grazie alla sua lingua. Il cinese, infatti, è decisamente distante da tutte le lingue occidentali ed è dotata di...
Università e Master

Come determinare zuccheri e saccarosio tramite misura polarimetrica

L'alimentazione definisce le nostre energie fisiche, muscolari, energetiche, componenti di totale importanza per essere efficienti e forti. In queste poche righe, cercheremo di capire: come determinare zuccheri e saccarosio tramite misura polarimetrica....
Università e Master

Come Eseguire Una Idrogenazione Catalitica Degli Alchini

Se siamo appassionati di chimica e vorremmo imparare ad eseguire alcuni tipi di reazioni, sarà fondamentale conoscere per prima cosa tutta la teoria di questa particolare disciplina, che ci permetterà di comprendere i vari passaggi della reazione di...
Università e Master

Appunti di chimica: soluzioni tampone

Molte soluzioni acquose sono capaci di mantenere inalterato il proprio pH anche dopo l'aggiunta di piccole quantità di acidi o di basi e vengono definite soluzioni tampone. Questi tipi di analisi chimiche vengono utilizzate molto non solo per le analisi...
Università e Master

Botanica: università

Come ci ripetono fin dalle scuole elementari, anche le piante sono esseri viventi perché sono fatte come noi. Da un verso questa affermazione risulta essere esatta, poiché i vegetali sono in tutto e per tutto esseri viventi che crescono nel tempo e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.