Come ottenere l'acetato di cellulosa

Tramite: O2O 18/09/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

La chimica rappresenta una materia che viene studiata durante gli anni di scuola media superiore. Per coloro che vogliono approfondire le nozioni e diventare magari chimico di professione, occorre inoltre una laurea universitaria alla Facoltà di Chimica o Ingegneria chimica. Gli esperimenti pratici con gli strumenti e le sostanze chimiche risultano ovviamente più affascinanti. Tra gli argomenti che generalmente vengono insegnati rientra quello dei composti organici. Con riferimento a quest'ultimi, è possibile citare ad esempio la cellulosa. In ciascuna propria unità strutturale, tale composto organico presenta tre gruppi di ossidrile (OH) che forniscono le reazioni caratteristiche degli alcool. La cellulosa si trova in quantità elevata all'interno dei cereali, della frutta, della lattuga e del radicchio. Attraverso la reazione tra la cellulosa e l'anidride acetica (liquido senza colore generato reagendo l'acetato di sodio con il cloruro di acetile), si ottiene l'acetato di cellulosa. Esso costituisce uno dei polimeri (o macromolecole) maggiormente impiegato nell'industria tessile. I passaggi successivi di questo tutorial illustreranno quindi come fare per riuscire ad ottenere l'acetato di cellulosa. Si tratta di una lavorazione veramente divertente e semplice da effettuare, però bisogna rimanere sempre attenti. Nell'esperimento proposto qui di seguito, è assolutamente opportuno prestare molta attenzione quando si adopera l'anidride acetica. Questo poiché tale sostanza chimica è irritante per gli occhi e l'epidermide, tanto allo stato liquido quanto allo stato di vapore. Buon esperimento!

27

Occorrente

  • Cotone idrofilo
  • Carta da filtro
  • 10 ml di anidride acetica
  • 15 ml di acido acetico glaciale
  • 5 gocce di acido solforico concentrato
  • Beuta da 50 ml
  • Bacchetta di vetro
  • Bagno di acqua
  • Imbuto di Buchner
  • Materiale per filtrazione sotto vuoto
  • Acqua distillata
37

Bagnare il cotone idrofilo e metterlo nella beuta

Innanzitutto, è necessario immergere mezzo grammo di cotone idrofilo all'interno dell'acqua distillata e lasciarlo in ammollo per alcuni minuti. Per rimuovere l'eccesso di liquido, basterà pressare il cotone idrofilo fra due pezzi di carta da filtro. Dopo aver allentato le fibre, occorre posizionare il cotone idrofilo dentro una beuta da 50 ml contenente una soluzione ricavata mescolando tre sostanze chimiche. Precisamente si tratta dell'anidride acetica, dell'acido acetico glaciale e dell'acido solforico concentrato.

47

Scaldare la soluzione ed agitarla nell'acqua distillata

Per spingere il cotone idrofilo sotto la superficie della soluzione indicata nel passaggio antecedente, è necessario adoperare una bacchetta di vetro. Il tutto andrà lasciato riposare per minimo un quarto d'ora, senza sottoporlo a riscaldamento. Trascorso questo periodo temporale, bisogna riscaldare la soluzione a 70°C nel bagno ad acqua e per circa 30 minuti. Non occorre scordarsi di agitare periodicamente la soluzione ottenuta con le tre sostanze chimiche (anidride acetica, acido acetico glaciale e acido solforico concentrato). In questa maniera, si formerà un liquido completamente viscoso ed omogeneo. Quest'ultimo andrà versato all'interno di 400 ml di acqua distillata ed agitato energicamente.

Continua la lettura
57

Attendere la coagulazione del prodotto, risciacquarlo e lasciarlo essiccare

A questo punto l'acetato di cellulosa assumerà una particolare conformazione di massa gelatinosa. Dopodiché bisogna aspettare che il prodotto raggiunga la coagulazione. Successivamente è possibile raccoglierlo all'interno dell'imbuto Buchner. Per eseguire questo lavoro, occorre adoperare una filtrazione sotto vuoto. Procedere adesso con il risciacquo del prodotto, impiegando due porzioni da 10 ml di acqua distillata ciascuna. Non resta che lasciare asciugare il tutto ed attendere il termine della procedura di essiccazione. Questa risulterà completa nel momento in cui l'acetato di cellulosa sarà in grado di sbriciolarsi. In tal caso, è possibile utilizzarlo per la realizzazione della pellicola.
Come si è potuto notare, la procedura da eseguire risulta abbastanza semplice e veloce.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Maneggiare con estrema cautela l'acido acetico glaciale ed utilizzarne la giusta quantità.
  • Lasciare asciugare per bene l'acetato di cellulosa.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come realizzare una cromatografia su carta

Le tecniche di indagine in chimica sono parecchie. Di solito si tratta di verificare che cosa succede al nostro campione in presenza di un dato reagente. Nella cromatografia su carta, si usa un foglietto di carta particolare, ma senza reagenti, quindi...
Università e Master

Come analizzare dei campioni di terreno

La cura e la conoscenza del terreno in cui coltiviamo le nostre piante è indispensabile per la loro salute. Il terreno infatti è la fonte principale di approvvigionamento da parte della pianta, da esso infatti le radici assorbono acqua e nutrienti fondamentali...
Università e Master

Come fare una trasformazione batterica tramite shock termico

Studiare e sperimentare i concetti centrali della biologia è davvero molto interessante quanto utile. La biologia è infatti una delle discipline più affascinanti per capire così il mondo che ci circonda. Per tale motivo in questa guida affronteremo...
Università e Master

Come Riconoscere La Struttura Di Una Cellula Animale Al Microscopio Ottico

La cellula animale è alla base della biologia. Si tratta dell'unità funzionale di tutti i tessuti viventi e può assolvere individualmente tutte le funzioni vitali essenziali. Le cellule che costituiscono i diversi tessuti del corpo mostrano un'ampia...
Università e Master

Appunti di biochimica: la glicolisi

La glicolisi è un processo metabolico catabolico, mirato quindi alla produzione energia. Essa si concretizza tramite la divisione di una molecola di glucosio in due di acido piruvico, estremamente meno complesse di quella iniziale. Di conseguenza, si...
Università e Master

Tessuto muscolare: anatomia

Il tessuto muscolare rappresenta uno dei più importanti tessuti del corpo umano, infatti esso è parte costituente del cuore e di moltissimi altri apparati che ci permettono di compiere azioni volontarie e non. La suddivisione che comunemente si utilizza...
Università e Master

Come preparare l'esame di biologia molecolare

Ogni esame richiede una preparazione molto approfondita per conoscere nel dettaglio tutte le sfumature che quella determinata materia contiene. Quello della biologia poi è un campo assai vasto e difficile, che richiede molta pazienza e molta pratica....
Università e Master

Come determinare il genotipo degli zigoti con il metodo del quadrato di Punnett

Per zigote si intende la cellula diploide che si forma dalla fecondazione del gamete femminile (cellula uovo) da parte del gamete maschile (spermatozoo).Entrambi i gameti sono cellule aploidi. Ovvero, possiedono una sola copia del corredo cromosomico...