Come ottenere alcheni dalle aldeidi e i chetoni

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter ottenere degli alcheni dalle aldeidi e i chetoni. Iniziamo subito definendo ognuno di questi termini più nello specifico per rendere più chiaro il processo, e facilitarne la comprensione. Per quanto riguarda la struttura, abbiamo che, gli aldeidi e i chetoni sono dei composti contenenti entrambi il gruppo carbonilico C=O.
Il gruppo funzionale di un'aldeide è un gruppo legato almeno ad un atomo di idrogeno. Quello di
un chetone è legato a due atomi di carbonio (nel nostro corpo li troviamo sottoforma di corpi chetonici, ovvero sottoprodotti del metabolismo dei grassi). Gli alcheni di conseguenza sono idrocarburi aciclici, costituiti solo da atomi di carbonio e idrogeno, contenente un doppio legame C=C.

25

Possiamo dire, in modo molto semplice, che è quindi possibile ottenere dei composti organici insaturi, in questo caso gli alcheni, riuscendo proprio a partire da ulteriori composti organici, appartenenti come già introdotto, alla classe dei composti carbonilici, aldeidi e chetoni. Questo processo chimico fa parte di una reazione molto conosciuta, la reazione di Wittig o Wittig-Horner (successiva estensione). Essa è stata scoperta dal chimico tedesco Georg Wittig nel 1954, da qui il nome.

35

Questa reazione utilizza come reagenti, dei composti contenenti fosforo, in particolare si parla delle ilidi di fosforo. Per formare delle ilidi di fosforo, abbiamo la metililide di trimetilfosfonio; ottenuta facendo reagire la trifenilfosfina allo ioduro di metile, da cui poi si otterrà lo ioduro di metiltrifenilfosfonio. Abbiamo quindi, la sintesi dell'ilide in fosforo, che conclude il suo processo facendo reagire lo ioduro con l'anione in dimetilsolfossido, che agendo da base strappa un protone al gruppo metilico.

Continua la lettura
45

Le ilidi inoltre, non vengono mai isolate, esse vengono preparate per reazione degli opportuni sali con basi forti, condensando facilmente con un composto carbonilico di aldeidi e chetoni, portando ad ottenere gli alcheni. Un grosso vantaggio per questo metodo consiste nella posizione del doppio legame che è determinato senza ambiguità.
Una curiosità riguarda l'ossido di trifenilfosfina, la cui reazione è talmente importante che si usa nell'industria farmaceutica, proprio per la produzione di integratori vitaminici come ad esempio la produzione di vitamina A, grazie alla elevata specificità' della reazione stessa.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Ossidare Le Aldeidi E I Chetoni

Le aldeidi e i chetoni, in chimica, altro non sono che dei composti organici che possono prevedere un procedimento di cosiddetta "ossidazione". Aldeidi e chetoni sono rinomati per essere proprio i composti organici che meglio riescono ad ossidarsi.In...
Università e Master

Come Idratare Le Aldeidi E I Chetoni

L'idratazione, ovvero l'aggiunta di una molecola d'acqua, è un processo che avviene naturalmente in molti organismi e sistemi biologici ogni secondo. Con questa guida ci occuperemo di spiegarvi, in particolare, come bisogna procedere per idratare le...
Superiori

Come realizzare un semplice schema sui composti organici

Nella guida che seguirà andremo a concentrarci sui composti organici. Infatti, come indicato nel titolo della guida, andremo a spiegarvi in pochi passi Come realizzare un semplice schema sui composti organici.I composti organici possono risultare difficili...
Università e Master

Come Effettuare La Reazione Di Cannizzaro

La reazione di Cannizzaro serve per effettuare un tipico processo della chimica inorganica che effettua la formazione di particolari prodotti chimici molto importanti per l' industria chimica e molto apprezzata per la versatilita' delle miscele di prodotti...
Superiori

Appunti di chimica: l'addizione aldolica

In chimica organica, l'addizione aldolica è quella reazione che si verifica tra due particelle di un’aldeide, o di un chetone. Entrambi le molecole sono elettrofili. Di conseguenza, reagiscono con i neuclofili. Affinché avvenga l’addizione aldolica,...
Università e Master

Come risolvere l'esercizio di sintesi di un alcol da una aldeide

In questa guida, sarà specificatamente trattata una delle reazioni più conosciute che riguardano la chimica organica. Infatti, potrete osservare la reazione di un chetone per poter arrivare alla formazione di un composto alcolico. La reazione necessita...
Università e Master

Come effettuare l'idratazione degli alchini

Gli alchini sono identificati come composti chimici organici che hanno tripli legami nella loro struttura chimica. Essi sono molto importanti in varie applicazioni industriali e la caratteristica che li rende riconoscibili è la presenza nella loro struttura...
Università e Master

Come Produrre Le Ammine E Le Enammine

La formazione di ammine ed enammine è senza dubbio una tipica reazione di addizione nucleofila al carbonile di composti quali aldeidi e chetoni da parte di alcuni composti a carattere di nucleofili, rispettivamente, come le ammine primarie o le ammine...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.