Come organizzare un ottimo piano di studi giornaliero

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Un piano di studio è un programma organizzato dagli studenti che creano e delinea i tempi di studio e gli obiettivi di apprendimento. Proprio come con il lavoro o la scuola, gli studenti universitari sviluppano un programma di studio in cui possono segnare i giorni e gli orari nel loro calendario, dedicati allo studio. La creazione di un piano di studi non solo aiuta a diventare più organizzati, ma detiene anche responsabili i propri risultati di apprendimento. Se siamo studenti che seguono corsi on-line, un piano di studio è ancora più importante, in quanto dovremo disporre di maggiore auto-disciplina e di molta determinazione per completare i vostri studi senza i promemoria costanti di un istruttore. Un piano di studio è un modo efficace per aiutare a navigare attraverso l'educazione universitaria in modo organizzato. Ecco come organizzare un ottimo piano di studi giornaliero.

26

Occorrente

  • Dividere il pomeriggio in due fasi
  • costanza
36

La cosa più importante da fare, è quella di cercare di scandire i ritmi della nostra giornata, nello specifico del pomeriggio. È molto importante dividere il tempo per lo studio dal tempo per noi stessi. Studiare poco può essere dannoso, e a lungo andare il rendimento scolastico potrebbe davvero risentirne in maniera pesante.

46

Dopo aver deciso quante ore vogliamo dedicare allo studio, dovremmo dividerle ulteriormente in altri spazi in modo che tutte le materie vengano incluse nel nostro piano organizzativo. Un metodo davvero molto efficacie, potrebbe essere quello di cominciare lo studio apportando una rapida infarinata di tutto quello che è stato spiegato durante la mattinata a scuola. Con la mente "fresca" è molto semplice ricordare le varie spiegazioni ricevute, nel caso avessimo dubbi possiamo sempre creare delle note a margine dei libri o su di un quaderno utilizzato per appunti di questo tipo, in modo da ricercare poi ulteriori chiarimenti e approfondimenti.

Continua la lettura
56

Se decidiamo di seguire questo metodo, dovendo dare solo un rapido sguardo e non impegnarci in uno studio approfondito, possiamo dividere il tempo che vogliamo dedicare allo studio in due parti le quali, a loro volta, saranno separate da un piccolo intervallo di circa 15 minuti, in questo modo daremo alla nostra mente un momento di pausa per rilassarsi. Mai oltrepassare la soglia del quarto d'ora di pausa, altrimenti rischieremo di non aver più voglia di tornare ad applicarci allo studio. La seconda parte del pomeriggio potrebbe essere invece dedicata al ripasso di tutte le materie presenti nella giornata scolastica successiva.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se vogliamo che questa metodologia funzioni, dovremmo essere molto costanti nella sua applicazione

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la mediana su un piano cartesiano

Questo tutorial ti insegnerà a calcolare la mediana posta su un piano cartesiano. Prima di inoltrarci nell’argomento, è bene che tu conosca alcune nozioni di base. Il piano cartesiano è caratterizzato da due rette: l'asse - rappresentato dalla X...
Superiori

Come calcolare la pendenza di un piano inclinato

Per calcolare la pendenza di un piano inclinato (come ad esempio una scivola) dobbiamo rifarsi alla fisica. Infatti, questo è uno strumento di laboratorio formato da un piano obliquo (con la caratteristica di formare angoli che vanno da 0 a 90°) ed...
Superiori

Come dimostrare che un punto appartiene ad un piano

La geometria è un ramo della matematica, dove con teoremi e postulati si cerca di dimostrare o risolvere figure di diversa tipologia e complessità. Molto spesso per molti studenti la geometria rappresenta un notevole ostacolo da superare, soprattutto...
Superiori

Appunti: geometria del piano

Si definisce geometria del piano quella parte della geometria che si occupa dello studio di oggetti "a due dimensioni", appartenenti quindi a un piano. Fanno parte di questa categoria: i punti, i segmenti, le rette, le semirette, gli angoli e tutte le...
Superiori

Come calcolare la distanza tra due punti in un piano cartesiano

Conoscere la distanza tra due punti potrebbe risultare abbastanza utile in numerose applicazioni e molteplici problemi non soltanto di geometria, ma anche di ulteriori materie scientifiche (come, ad esempio, la fisica o la geodesia). Nella seguente elementare...
Superiori

Storia: il Piano Marshall

L'European Recovery Program, meglio conosciuto come Piano Marshall, è un piano di interventi politico-economici varato nel 1947 dagli Stati Uniti e diretto a coinvolgere direttamente Washington nella ricostruzione dell'Europa post bellica. In effetti...
Superiori

Come calcolare la distanza tra due rette parallele in un piano

La geometria è un ramo della matematica, in cui vengono studiate le figure piane geometriche oppure le figure solide e tridimensionali. Attraverso la geometria si studiano anche i perimetri, le aree e i volumi delle figure geometriche. Un altro studio...
Superiori

Fisica: il piano inclinato

In questo articolo e in pochi e semplici passi ci occuperemo di un argomento di fisica. Nello specifico affronteremo il tema del piano inclinato. Tutti noi abbiamo studiato il piano inclinato tra i banchi di scuola, e grazie a questa guida rispolvereremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.