Come organizzare un corso di inglese per bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se vi state chiedendo come organizzare un corso di inglese per bambini in un modo semplice ma efficiente, divertente ma proficuo, siete capitati nella pagina giusta. Non è semplice creare un contesto adatto all'apprendimento per i più piccini, poiché non tutte le informazioni sono ritenute dal cervello acerbo degne di essere registrate e, un ruolo fondamentale, lo gioca quindi il come vengono proposte. Vediamo dunque insieme alcuni consigli per organizzare un corso di inglese efficace per bambini.

24

Occuparsi del come e del quando

Innanzitutto una volta creato il dove adatto, dovete occuparvi del come e del quando. Per quanto riguarda il come, affidatevi a delle insegnanti valide, non sceglietele solo in base ai titoli di studio ma anche per la loro capacità umana nel farsi apprezzare dai bambini senza però perdere un certo grado di autorevolezza. Se siete voi le maestre dirette, allora fate capire ai bimbi che gli state concedendo un regalo. Ed ora il quando, fondamentale: se scegliete un'orario compreso nelle ore scolastiche, avete molta più probabilità di successo rispetto ad un momento extra, questo perché l'attenzione dei bambini è già particolarmente provata durante la giornata e, appesantirla, potrebbe essere controproducente.

34

La motivazione è importantissima

Ed eccoci alla domanda più importante ai fini di organizzare un corso di inglese per bambini: perché? La motivazione è importantissima, non solo per amor della consapevolezza, ma soprattutto, per stimolare i bimbi all'apprendimento. Se gli proponete l'inglese come un dovere e non come un piacere utile e indispensabile al giorno d'oggi, potreste andare incontro ad un flop. Giocate di furbizia, proponetegli degli esempi (una futura gita scolastica per esempio) e stuzzicate la loro curiosità. Abbandonate le classiche metodologie, ribaltate i ruoli facendogli credere che siano loro a volerlo, divertitevi insieme a loro (disegni, canzoni, filastrocche etc.) e... Good Luck!

Continua la lettura
44

Attenzione a creare il contesto adatto

Infine come accennato precedentemente, creare il contesto adatto è importantissimo. Il cervello di un bambino ragiona per importanza, ossia registra solo quello che ritiene significativo. Proporre un ambiente divertente e in cui farlo sentire a proprio agio, facendogli credere di far qualcosa di molto importante, potrebbe essere quindi il primo passo. Se possibile, non scegliete un'istituto ma piuttosto un edificio dove poter usufruire di un'aula personalizzabile, in modo da creare un contesto suggestivo ma non impegnativo (per esempio decorando le pareti con dei disegni e delle scritte inglese/italiano e così via). Se invece non potete far diversamente e dovete scegliere l'aula di una scuola, giocate d'astuzia e rivoluzionate i banchi, disponendoli a cerchio per esempio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come organizzare i compiti delle vacanze dei bambini

I compiti delle vacanze devono essere suddivisi in periodi determinati, in modo da non poter né sovraccaricare il bambino e né renderlo in un certo senso svogliato; è indicato far studiare il bambino dalla prima settimana di luglio e lasciarlo dalla...
Elementari e Medie

10 modi per insegnare l'inglese a tuo figlio

Sapere l'inglese è essenziale per integrarsi in modo consapevole nella cultura della nostra epoca. Sempre più attività richiedono la conoscenza di questa lingua e sempre più persone la utilizzano per scambiarsi opinioni, pareri e impressioni. Imparare...
Elementari e Medie

Lezioni di inglese per le scuole elementari

Imparare la lingua inglese sin dall'infanzia è sempre più di grandissima importanza in un mondo globalizzato. Per riuscire ad essere competitivi sul mercato del lavoro le future generazioni non potranno fare a meno di parlare almeno un'altra lingua...
Elementari e Medie

Come porre una domanda in inglese

Se stai studiando l'inglese a scuola o stai frequentando un corso specifico, oppure ami viaggiare, ti sarai accorto che la struttura della frase è ben diversa da quella italiana e, in particolar modo, non è semplice formulare una domanda. Quando parliamo...
Elementari e Medie

Come far appassionare tuo figlio all'inglese

La società di oggi è in forte e continua evoluzione e per molti genitori è diventato opportuno insegnare ai loro figli l'inglese. La conoscenza dell'inglese infatti è chiaro a tutti. Il bilinguismo è una profonda ricchezza per il proprio figlio per...
Elementari e Medie

Come usare il pronome personale soggetto in inglese

È ormai risaputo che la lingua inglese non consente di omettere il pronome personale soggetto nelle frasi. Tutto questo è causato dal fatto che a differenza della coniugazione italiana nei verbi, omettendo il pronome personale in inglese, non si capisce...
Elementari e Medie

Come imparare i numeri in inglese

L'inglese è sicuramente una delle lingue più parlate al Mondo e al giorno d'oggi è veramente molto importante riuscire ad impararla, sia perché essa potrebbe tornarci utile per ottenere un posto di lavoro e sia per effettuare un viaggio all'estero....
Elementari e Medie

Come Presentarsi In Inglese Al Primo Incontro

Al giorno d'oggi, la conoscenza della lingua inglese è di fondamentale importanza soprattutto nel mondo lavorativo, che sta diventando sempre più globalizzato. Ma oltre a tutto ciò, saper esprimersi bene in inglese è importante anche nei rapporti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.