Come organizzare lo studio al primo anno di giurisprudenza

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L' università è il luogo in cui si entra veramente nell'età adulta per questo organizzare il primo anno di giurisprudenza è ostico quasi per tutti. I professori non sono costretti ad inseguirti per interrogarti, le assenze non sono calcolate e attività come lo studio pomeridiano e studiare in biblioteca diventano un obbligo nella routine dello studente; in pratica è tutto nelle nostre mani e responsabilizzarsi è d'obbligo (sopratutto se non si vuole andare fuori corso!).

26

Lezioni e orari

La prima scelta fondamentale da fare è scegliere quali lezioni si dovranno frequentare durante i due semestri di lezioni, è quasi impossibile seguire tutte le lezioni di ogni materia durante un semestre tuttavia questo non è un motivo per scoraggiarsi.
Nella maggior parte delle università non c'è l'obbligo di frequenza, tranne per i corsi propedeutici e le lezioni svolte in laboratori, ma la frequenza è altamente consigliata (come nel caso di Giurisprudenza). D'altronde si deve fare una scelta e decidere quali sono le lezioni da seguire per non impazzire e passare tutto il giorno in aula.
Un' altra novità sono le sovrapposizioni di orario, ora sempre più rare, ma comunque in alcuni sfortunati casi ancora persistenti ed è sempre a discrezione dello studente fare una scelta tra una lezione o l'altra.
Ultimo fattore importante da valutare è la capacità di barcamenarsi dello studente stesso tra lezioni che possono durare anche 6 ore, professori assenti, e ammettiamolo la poca affidabilità dei mezzi di trasporto, tra ritardi e soppressioni, lo studente deve mettere al primo posto se stesso e quindi adattare tutto ciò alle sue esigenze e non adattarsi ad un sistema universitario che ahimè non è ancora ottimale.

36

Borse di studio

Durante il primo anno d'università non si è molto informati sulle varie opportunità che si possono sfruttare e questo comprende anche le borse di studio.
Le tasse universitarie sono esose ed un aiuto economico non guasterebbe. I tre fattori per ottenere una borsa di studio al primo anno sono: il reddito, la media dei voti degli esami universitari e il voto dell'esame di stato.
Le borse di studio universitarie standard sono gestite in maniera autonoma dalle singole Regioni per questo si può fare riferimento alla sede dell'Azienda per il Diritto Allo Studio della propria città per ottenere tutte le informazioni.
Mentre per le borse di studio legate a criteri economici bisogna fare riferimento agli uffici nazionali, che tutti gli anni pubblicano un decreto che determina il reddito degli studenti che ne hanno diritto
.

Continua la lettura
46

Tra studio ed esami

A questo punto dopo che ci si è ambientati con l'atmosfera universitaria e si è organizzata una propria tabella di impegni ed orari è arrivato il momento di iniziare a studiare.
Fondamentale per chi studia giurisprundenza ma non solo, è importante studiare ogni volta che si va avanti con il programma, perché trovarsi indietro con gli studi in una materia come diritto sarebbe un suicidio. Quindi un buon inizio sarebbe studiare ogni volta che il professore spiega.
Ovviamente studiare giorno per giorno sarebbe impossibile sopratutto se si arriva a casa alle 19.00 di sera, ma non è escluso che si possa fare. Tuttavia i risultati non sarebbero ottimali.
Non ci si deve scoraggiare però, un modo facile e ottimo per organizzare lo studio sarebbe utilizzare le "ore di buco" tra una materia e l'altra e "rintanandosi" in biblioteca e sfruttando nel miglior modo possibile il sabato e la domenica per prepararsi adeguatamente all'esame.
Quando la data di un esame si avvicina si consiglia di non frequentare per 2 o 3 giorni e concentrarsi solo sullo studio in modo tale da avere più tempo a disposizione e non essere stressati da continui spostamenti e dal caos della propria sede universitaria e dei mezzi.
Ultimo consiglio ma non meno importante è trovare il proprio metodo di studio, concentrarsi è importante ma non basta, bisogna capire quali sono le tecniche che possono aiutare di più (riassumere, sottolineare, schematizzare).

56

"LE TRE D"

Studiare giurisprudenza non è facile e chi si iscrive deve avere una vera e propria vocazione a cui bisogna aggiungere una memoria di ferro.
Tenendo conto dell'esperienza di molti studenti ci sono 3 esami che provocano gli incubi peggiori e che si frappongono tra loro e la laurea.
1) Diritto privato: Materia abbastanza ostica sia per chi non ha mai studiato diritto e sia perché si affronta nel primo anno subito dopo aver fatto l'accesso all'università
2) Diritto penale: Una delle materie più interessanti che studierete nel vostro percorso universitario ma una tra le meno agevoli
3) Diritto commerciale: Lungo e complicato, in questa materia serve una vera memoria di ferro, poiché molte parti saranno imparate a memoria.
Tuttavia tutto questo non deve spaventare, ogni studente ha le sue difficoltà ed i suoi punti forti, le difficoltà possono aiutare a crescere e non bisogna scoraggiasi davanti al primo scoglio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fondamentale durante gli anni di studio universitario è trovare un hobby o continuare a coltivare i propri interessi, non ci si deve mai far sommergere solo dallo studio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come prepararsi al test di ammissione di Giurisprudenza

I test di ammissione alle varie facoltà universitarie sono senza dubbio un ostacolo da superare per tutti gli studenti che aspirano a studiare determinate discipline. Alle volte, questi test possono essere considerati più "pesanti" del normale, in quanto...
Università e Master

Università on line: come evitare le truffe

Conseguire una laurea non è certamente cosa semplice. Sono consapevoli di questo tutti coloro che hanno frequentato le università e sono riusciti a raggiungere l'obiettivo prefissato. Oggi, inoltre, grazie all'enorme evoluzione di Internet, esistono...
Università e Master

Giurisprudenza: appunti di Esegesi

Nella giurisprudenza, cioè nello studio del diritto, delle leggi e della loro applicazione, è fondamentale la conoscenza delle origini e dello sviluppo delle varie normative. Per riuscire a capire e comprendere per quali motivi e sotto quali spinte...
Università e Master

Come sostenere l'esame di diritto privato

Sostenere un esame universitario non è mai cosa facile per qualsiasi studente. Questi, infatti, quando arriva il momento cruciale sono spesso soggetti a forte stress e ansie. Chi frequenta i corsi di giurisprudenza, poi, ha spesso e volentieri dei problemi...
Università e Master

I 5 siti dove trovare i migliori corsi formativi online

Non tutti hanno avuto modo di avere una formazione, di conseguenza non è che passata l'età non si possa più fare. Oggi tutti possono recuperare gli anni persi a scuola o il non aver mai potuto frequentare a causa di diversi motivi. La formazione on...
Università e Master

Erasmus: dove conviene andare

Fortunatamente ai giorni nostri spostarsi da un paese all'altro non è più così difficile come un tempo. Visitare un altro paese, o andarci addirittura a vivere per lunghi periodi ormai è piuttosto semplice, anche i giovani che non possono viaggiare...
Università e Master

Come organizzarsi all'università

Sono molti gli studenti che non riuscendo ad avere un giusto metodo di studio abbandonano l' università. Il rischio, infatti, è quello di trovarsi agli anni successivi al primo con un' ingente quantità di esami da sostenere, con il pensiero incombente...
Università e Master

Come studiare diritto privato

L'esame di diritto privato a economia è una degli esami più ostici, e molti studenti devono purtroppo ripeterlo più volte prima di riuscire a passarlo. Molte delle bocciature dipendono però da un metodo di studio sbagliato, soprattutto se non si è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.