Come non litigare con il proprio compagno di banco

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Spesso e volentieri, da bambini, capita di litigare per un nonnulla con il proprio compagno di banco. In questa breve guida vi è qualche consiglio che consentirà ai vostri figli o, perché no, agli stessi interessati, di poter andare d'accordo con quelli che possono essere i loro peggiori nemici e che potrebbero diventare i loro migliori amici. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come non litigare con il proprio compagno di banco.

25

Il limite del banco

Esistono delle persone che sono molto puntigliose anche per quanto riguarda la loro superficie del banco e che si lamentano anche se la matita del compagno sfiora il "confine". In questo caso, potete cercare di discutere in maniera pacifica con queste persone, dicendo che non accade nulla se capita che qualcosa va sul loro banco e che loro possono tranquillamente fare lo stesso con voi.

35

I giochi

Con l'evoluzione della tecnologia, può capitare che alcuni genitori comprino ai vostri compagni dei giochi che a voi piacciono. In questo caso, chiedere cortesemente di poter giocare è il metodo migliore per avere qualche chance. Se il vostro compagno si dovesse rifiutare, iniziate semplicemente guardandolo giocare e, qualche volta chiedetegli di darvi questa possibilità. Per molti, il gioco è bello quando è nuovo, ma quando inizia a stancare è più semplice darlo a qualcun altro.

Continua la lettura
45

Discussione pacifica

Un altro consiglio molto utile ed efficace consiste nel discutere pacificamente se notate qualcosa che non va. Il litigio non porterebbe a nulla di positivo, soprattutto se il compagno in questione dovrà starvi vicino per l'intero anno scolastico. Quando dovete discutere di qualcosa, potete sempre iniziare dicendo "Scusa, ma perché... ", oppure "Potresti gentilmente spiegarmi il motivo per il quale...". Così facendo, sarete comunque dalla parte della ragione e potreste scoprire dei vostri atteggiamenti che inconsapevolmente non urtano la sensibilità altrui.

55

Scambio della merenda

Può capitare che il vostro compagno di banco abbia una merenda che a voi piace di più rispetto a quella che avete con voi. In questa situazione, per non litigare potete chiedere uno scambio, ovvero un pezzo della vostra merenda in cambio di un pezzo della merenda dei vostri compagni. Se loro dovessero rifiutarsi, abbiate pazienza e non vi alterate, ma potete comportarvi allo stesso modo quando vi porterete una merenda migliore: normalmente è una tecnica utile per far notare al vostro compagno di banco che sta commettendo un errore senza però litigare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come fare per sedersi al primo banco

Sedersi al primo banco non è un compito molto difficile, in quanto la maggior parte degli studenti o degli alunni vogliono sempre sedersi all'ultimo banco, magari per essere camuffati dai compagni, per non essere sempre sotto l'occhio vigile degli insegnanti...
Elementari e Medie

Esami terza media: gli errori da non fare

L'esame di terza media è una prova che ha lo scopo di assicurarsi che la preparazione dell'individuo sia sufficiente per potersi approcciare alla scuola superiore di secondo grado. Per superare gli esami di terza media con un buon voto non basta solo...
Elementari e Medie

I 5 oggetti fondamentali in un astuccio scolastico

Quando si prepara lo zaino la sera è sempre bene controllare che ci sia tutto quello ci occorrerà durante le ore scolastiche. Presi i libri, i quaderni ed il diario non ci resta che controllare che nel nostro astuccio ci siano tutti gli oggetti di cui...
Elementari e Medie

Come intervenire in una baruffa tra bambini

Spesso può accadere che dei bambini inizino a litigare fra di loro, magari a scuola o all'oratorio, oppure in casa e non sempre è facile trovare il modo giusto per separarli senza provocare loro un trauma e capire la dinamica che ha portato allo scatenarsi...
Elementari e Medie

Come prestare attenzione in classe

Prestare attenzione in classe è un compito abbastanza difficile, soprattutto se le ore della lezione superano i 60 minuti; l'attenzione dipende dall'età delle persone che si hanno di fronte, ad esempio i bambini dopo circa mezz'ora sono già stanchi,...
Elementari e Medie

Come Personalizzare L'Agendina Scolastica

In genere chi scrive lo fa per puntualizzare a sé stesso ciò che gli sta accadendo in quel determinato periodo della sua vita, ponendo l'attenzione solamente sul presente. Solitamente all'inizio di una pagina viene scritta la data in cui si scrive inoltre...
Elementari e Medie

10 suggerimenti per diventare il primo della classe

Il tuo rendimento scolastico è sotto la media e vorresti diventare uno studente modello per ottenere i massimi voti sia in condotta che nelle materie? Hai problemi con qualche disciplina in particolare e vorresti stupire il prof con delle interrogazioni...
Elementari e Medie

Come dare buona impressione a scuola

Ormai è risaputo che la prima impressione che diamo di noi stessi spesso è quella che conta, indipendentemente dalla situazione in cui ci troviamo. Il modo in cui ci presentiamo, insieme a tantissimi altri aspetti, consente agli altri di elaborare su...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.