Come misurare l'incertezza di misura con il tempo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Intanto cerchiamo di capire cos'è l'incertezza di misura. Nel processo scientifico, gli scienziati generalmente utilizzano strumenti sia per calcolare il tempo che lo spazio. Naturalmente talini strumenti sono costruiti e tarati dall'uomo, e dall'uomo vengono poi adoperati. Tutto questo può generare, durante la fase di misurazione, uno scarto (o differenza) tra i valori ottenuti. Più misurazioni dello stesso evento possono inevitabilmente restituire risultati diversi e, la colpa sarebbe da ricercare nella prontezza di chi utilizza lo strumento di calcolo e lo strumento stesso, che potrebbe risultare impreciso o poco sensibile. Quindi nello specifico: l'incertezza di misura è dunque una discordanza nei risultati durante il processo di misurazione di uno stesso evento. Vediamo di capirne di più seguendo i passi di questa guida su come misurare l'incertezza di misura con il tempo.

27

Occorrente

  • Cronometro digitale con portata 99s e con sensibilità di 0,01s
  • Cronometro analogico con portata 1h e con sensibilità di 0,2s
37

Vediamo come comportarci nel caso volessimo misurare il tempo. Il cronometro digitale è uno strumento che ha la sensibilità di un centesimo di secondo. Questo strumento essendo digitale è semplicissimo da usare avendo un display che indica il valore. Il cronometro analogico ha una portata inferiore a quello digitale ed è più difficile da leggere, infatti si legge dando un click al pulsante centrale per azionarlo; invece per bloccare le misure si clicca di nuovo sul pulsante centrale e per arrestarlo si deve schiacciare l'altro pulsante. Una volta bloccata la lancetta del cronometro si può leggere la misurazione. Per sapere quant'è il centesimo di secondo basta vedere a quale tacchetta corrisponde la lancetta. Ed ogni tacca del cronometro vale 0,2 secondi.

47

Procediamo effettuando sei misurazioni con il cronometro digitale, successivamente ci calcoleremo l'incertezza. Finito questo procedimento facciamo 24 misurazioni di tempo; però in questo caso serviamoci del cronometro analogico e successivamente calcoliamo il valore medio dei vari tempi e lo scarto quadratico medio. Una volta calcolato il valore medio dei tempi del cronometro analogico possiamo eseguire i calcoli necessari per questa prova.

Dt = T max - T min

T max è il valore medio dei tempi del cronometro analogico
T min è il valore più basso rilevato nelle misurazioni con il cronometro digitale
Dt è l'incertezza di misura.

Continua la lettura
57

Ora passiamo al calcolo dell'incertezza di misura relativa al cronometro analogico.

E = t - T

t si riferisce al tempo preso per una misurazione.
T è il valore medio delle 24 misurazioni.
Poi bisogna calcolare E al quadrato. E2 = E*E
L'incertezza di misura si calcolerà facendo la radice quadrata di E2 diviso le 24 misurazioni.
A questo punto, una volta calcolate le due incertezze possiamo dire di aver concluso la prova. Se le due incertezze rientrano nella sensibilità degli strumenti abbiamo eseguito l'esperimento correttamente.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Valutare La Deviazione Standard Come Incertezza In Una Singola Misura

La deviazione standard è un indice di dispersione di un insieme di dati partendo dalla sua media. Più i punti sono lontani dalla media, maggiore sarà la deviazione all'interno dell'insieme di dati. La deviazione standard è calcolata come la radice...
Università e Master

Come calcolare il valore medio e l'errore massimo

Tra tutte le materie da studiare ed affrontare nel corso degli anni scolastici e non solo, ce ne sono alcune particolarmente ostili. Tra queste c'è sicuramente la fisica che da decenni e decenni terrorizza schiere di studenti impauriti. Imparare questa...
Superiori

Come calcolare l'errore massimo in fisica

La Fisica, in quanto scienza sperimentale, comporta sempre un errore in ogni misurazione. La branca della fisica che si occupa della problematiche connesse alla misurazione delle grandezze fisiche è la Metrologia, una disciplina antica che si diffuse...
Università e Master

Come calcolare la media e la deviazione standard

Se conoscete alcune nozioni di Statistica, cominciamo con lo spiegare che cos'è la Media e la Deviazione Standard. La media rappresenta la media aritmetica delle misure del campione a cui siamo interessati. La deviazione standard, o scarto quadratico...
Superiori

Come calcolare l'errore di sensibilità

Per " Errore di sensibilità " generalmente si intende l'errore di risoluzione che viene commesso ogni qualvolta si viene a creare un dato valore situato sempre tra due successive suddivisioni, riportate nella scala graduale di un qualsiasi strumento....
Università e Master

Come verificare che la distribuzione in una serie di dati sia normale

In moltissimi settori, dall'industria all'economia, occorre spesso effettuare dei test statistici. I test statistici sono spesso finalizzati alla verifica dell'aleatorietá dell'incertezza legata alle misure sperimentali. Infatti, se i dati hanno una...
Superiori

Storia dell'arte: le caratteristiche del barocco

Di etimologia tuttora incerta, il termine Barocco è stato a lungo usato in senso spregiativo per indicare un qualcosa di ridondante, eccessivo e stravagante, tanto che tutt'ora, nell'uso comune, può essere utilizzato a questo scopo. Entra nella storiografia...
Università e Master

Come calcolare la deviazione standard della media

In questa guida ci occuperemo di un argomento molto interessante. Nello specifico ci occuperemo di come calcolare la deviazione standard della media adottando alcune formule particolari che devono essere necessariamente prese come punto di riferimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.