Come misurare la velocità di una reazione chimica

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La velocità di reazione è definita come la variazione di velocità della quantità dei reagenti (diminuzione) nel tempo oppure come la variazione della quantità dei prodotti (aumento) nel tempo ed è ricavata sperimentalmente. Le grandezze che possono esprimere la quantità di un reagente o di un prodotto possono essere varie: ad esempio, il volume, la massa, oppure se la sostanza è in soluzione, la concentrazione. Una reazione chimica è una trasformazione della materia che avviene senza variazioni misurabili di massa, in cui una o più specie chimiche (dette "reagenti") modificano la loro struttura e composizione originaria per generare altre specie chimiche (dette "prodotti"). Ciò avviene attraverso la formazione o la rottura dei cosiddetti "legami chimici intramolecolari", cioè attraverso un riassestamento delle forze di natura elettrostatica che intervengono tra i singoli atomi di cui sono costituite le entità molecolari che sono coinvolte nella reazione. Tali forze elettrostatiche sono a loro volta riconducibili all'effetto degli elettroni più esterni di ciascun atomo. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato come misurare la velocità di una reazione chimica.

25

Occorrente

  • Carbonato di calcio
  • Soluzione acquosa di acido cloridrico
  • Bilancia analitica
  • Vetrino da orologio
  • Becher da 200 ml
35

Supponi di voler studiare la velocità con cui procede la seguente reazione: acido cloridrico (aq) carbonato di calcio (s) = cloruro di calcio (aq) acqua (l) anidride carbonica (g). Ti ricordo che s indica che la sostanza è in fase solida, l in fase liquida, g in fase gassosa e aq indica che la sostanza è in soluzione. Nel caso della reazione data può risultare comodo misurare la massa di anidride carbonica prodotta. Pesa su una bilancia analitica i reagenti prima della reazione ponendo su di essa il becher contenente la soluzione di HCl e con sopra un vetrino contenente il carbonato di calcio. Annota il peso.

45

Versa poi il carbonato di calcio nella soluzione di HCl e poni nuovamente il vetrino sul becher lasciando il tutto sulla bilancia. Nel momento in cui il carbonato di calcio viene a contatto con l'acido cloridrico la reazione ha inizio. L'anidride carbonica gassosa prodotta esce dal becher e, quindi, la massa del sistema (becher, soluzione, vetrino) diminuisce progressivamente. Questa diminuzione di massa, corrisponde proprio, in basealla legge di Lavoisier, alla massa del gas prodotto.

Continua la lettura
55

Dopo un intervallo di tempo prefissato, per esempio 120 secondi, annota il peso indicato sul display della bilancia e calcola la variazione della massa che si è verificata in questo intervallo di tempo (ovvero la quantità di anidride carbonica prodotta). Elaborando i dati ottenuti puoi calcolare la velocità di reazione: v = (variazione della massa) / (intervallo di tempo). Devo precisarti che il valore calcolato in questo modo esprime la velocità media della reazione in quell'intervallo di tempo. Infatti, si può constatare che la velocità è massima nel momento in cui la reazione prende il via e diminuisce con il passare del tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare i coefficienti stechiometrici di una reazione chimica

All'interno di questa breve guida vi illustrerò, con molta attenzione e cura, come riuscire ad calcolare i coefficienti stechiometrici di una determinata reazione chimica. Tale operazione, chiamata anche bilanciamento di una reazione chimica, viene eseguita...
Superiori

Come bilanciare una reazione chimica

Quando la materia subisce una trasformazione, senza che la sua massa presenti variazioni importanti, si parla di reazione chimica. Ciò vuol significare che, le specie chimiche si modificano da sole, per poter creare nuove specie chimiche, dove ognuna...
Superiori

Come calcolare le concentrazioni in una reazione chimica in equilibrio

Una reazione chimica è composta da reagenti e prodotti: i reagenti sono le sostanze iniziali presenti, i prodotti sono sostanze formate dai reagenti. Molte equazioni sono reversibili; pertanto, i reagenti possono formare i prodotti e viceversa. L'equilibrio...
Superiori

Come calcolare il numero di moli per una reazione

Tutti ritengono che la chimica sia una materia estremamente affascinante, ma allo stesso tempo estremamente ostica. Infatti non è da tutti eccellere in questa materia. Molti incontrano difficoltà nel districarsi tra simboli e formule chimiche. In questa...
Superiori

Come calcolare la costante di equilibrio di una reazione

In questa guida vi illustrerò come calcolare la costante di equilibrio di una reazione, cioè il rapporto presente tra le concentrazioni dei reagenti e dei prodotti.Infatti nel campo chimico, si definsce una reazione quel evento in cui uno o più reagenti...
Superiori

Appunti di cinetica chimica

La cinetica chimica è lo studio e la discussione delle reazioni chimiche rispetto ai tassi di reazione, all'effetto di diverse variabili, al ri-arrangiamento degli atomi ed alla formazione degli intermedi. Ci sono molti argomenti che meritano di essere...
Superiori

Chimica: come risolvere i bilanciamenti

Si definisce equazione chimica la rappresentazione simbolica degli elementi chimici di una reazione. Ogni reazione chimica rispetta la legge di conservazione della massa che in sintesi afferma che nelle reazioni gli atomi non si creano e non si distruggono...
Superiori

Come scrivere la reazione di combustione di un alcano

Una Combustione completa (in quantità sufficiente di ossigeno) di qualsiasi idrocarburo produce anidride carbonica e acqua. Con gli idrocarburi è più difficili eseguire la combustione quando le molecole diventano più grandi; questo perché le molecole...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.