Come misurare la lunghezza d'onda di un raggio di luce monocromatico

Tramite: O2O 02/03/2017
Difficoltà: media
16
Introduzione

Sei un amante della scienza e degli esperimenti pratici? Allora questa guida fa davvero al caso tuo. Non perdere infatti questa fantastica opportunità di vedere con i tuoi occhi come funzionano le leggi della fisica o i processi chimici. La scienza è infatti molto ampia e variegata, ed ogni volta ti sorprenderà. In particolare in questa guida, vedremo insieme come misurare la lunghezza d'onda di un raggio di luce monocromatico. L'esperimento ha come obiettivo quello di effettuare la misurazione della lunghezza d'onda di un raggio di luce, monocromatico creato da un laser o da un proiettore. Si sfrutta il fenomeno dell'interferenza: si fa passare attraverso due fenditure poste a distanza nota il raggio stesso. Segui quindi i vari passaggi con attenzione e scopri i nuovi meandri della conoscenza con senso pratico ed uno occhio all'esperienza diretta!

26

Per svolgere l'esperimento in esame, per prima cosa devi posizionare nel banco ottico il laser o il proiettore e lo schermo. Su quest'ultimo devi poi fissare foglio di carta millimetrata. Accendi il laser o proiettore e individua sullo schermo il punto centrale C segnandolo con una matita. Spegni la sorgente di luce e vai a posizionare il supporto nel quale si trova il diaframma con le due fenditure.

36

A questo punto accendi nuovamente la tua sorgente di luce: essa invierà un raggio di luce monocromatico. Esso, attraversando le due fenditure, determina la creazione di due sorgenti di luce coerenti. Ad esse corrispondono due onde, che interferiscono generando sullo schermo zone luminose alternate a zone scure. Nei punti dello schermo nei quali l'interferenza è costruttiva, il cammino delle onde che vi giungono si differenzia per un numero n intero di lunghezze d'onda.

Continua la lettura
46

Ora devi segnare sul foglio presente sullo schermo la zona di interferenza costruttiva che si trova subito a sinistra o a destra di quella centrale (supponendo che n = 1). Misura poi la distanza s del segno tracciato dal centro e la distanza L tra lo schermo e il supporto con il diaframma. Per determinare la lunghezza d'onda del raggio di luce monocromatico ti basterà applicare la seguente formula: 03BB = (s ·d)/ (n · L). Ecco quindi che avrai imparato a tal punto come misurare la lunghezza d'onda di un raggio di luce.

56

Metodo:1. Configurare apparato: Reticolo di diffrazione, monocromatico sorgente luminosa, Spectrometer2. Regolare lo spettrometro come segue:- Assicurarsi che le discussioni trasversali sono a fuoco e retto- Concentrarsi su un oggetto distante per garantire raggi paralleli- Illuminare la fenditura e concentrarsi sulla fenditura- Regolare la larghezza della fenditura per ottenere un fascio stretto- Livello di giradischi3. Posizionare il reticolo di diffrazione verticalmente nel supporto.4. Guardare attraverso l'oculare che è dritto davanti reticolo per trovare l'immagine di ordine zero. In questa fase garantire la nonio viene azzerato.5. Spostare il telescopio verso sinistra e destra6. Misurare e registrare le letture della scala scala / nonio circolare.7. Ripetere i punti 5 e 6 per l'immagine ordine 1 ° corrispondente a destra.8. Ripetere i punti 5 e 6 e 7 per il secondo e terzo ordinare le immagini.9. Calcolare il valore medio della lunghezza d'onda utilizzando la formula: ? = dsin? n? = lunghezza d'onda? = gradin = Immagined = reticolo di diffrazione.

Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come generare un'onda quadra

Quando si studia la teoria dei segnali, spesso viene richiesta la realizzazione di particolari segnali, ad esempio le onde quadre che sono tra le prime a venire studiate grazie alla loro "semplicità" ideale, cosa che in pratica diventa in realtà un...
Università e Master

Come misurare una resistenza elettrica con un Tester

Il tester (o multimetro) è un dispositivo elettronico che racchiude varie funzioni in un'unica unità, una versione base permette infatti di misurare tensione, corrente e resistenza elettrica. Proprio grazie alla semplicità di utilizzo è molto importante...
Università e Master

Come misurare il PH di una soluzione

La chimica è una materia molto affascinante che va studiata facendo pratica. Infatti se la teoria è importante, vedere un'applicazione pratica della materia aiuta a capire i processi. Una delle basi della chimica è la misurazione del PH di una soluzione....
Università e Master

Come misurare l'incertezza di misura con il tempo

Nello studio di fenomeni scientifici, gli scienziati generalmente utilizzano strumenti per misurare diverse grandezze, prime tra tutte il tempo e lo spazio. Naturalmente tali strumenti sono costruiti e tarati dall'uomo, e dall'uomo vengono poi adoperati....
Università e Master

Come misurare la distanza focale di una lente convergente

Le lenti, elementi base di strumenti ottici quali il microscopio e il cannocchiale, o di strumenti atti a potenziare le capacità visive dell'organo della vista, l'occhio, sono costituite da materiali trasparenti (vetro o plastica) e delimitate da superfici...
Università e Master

Come misurare il coefficiente d'attrito statico

È stato sviluppato un dispositivo sperimentale chiamato CFA (centrifugal friction apparatus) in grado di misurare il coefficiente di attrito statico, μ, tra superfici piane con forze normali molto basse. Esperimenti sono stati condotti con il CFA utilizzando...
Università e Master

Come si usa un oscilloscopio

Avete mai sentito parlare dell'oscilloscopio? Se non ne avete mai sentito parlare, o se ne avete sentito parlare e volete sapere come si usa un oscilloscopio, questa è certamente la guida che fa al caso vostro. L’oscilloscopio è un interessante e...
Università e Master

Come applicare la formula di Abbe

Con il termine "potere di risoluzione" si intende la capacità (solitamente dell'occhio umano, o di una macchina) di distinguere come separati due punti estremamente vicini tra di loro. L'occhio umano, ad esempio, è in grado di distinguere al massimo...