Come misurare la distanza focale di una lente convergente

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le lenti, elementi base di strumenti ottici quali il microscopio e il cannocchiale, o di strumenti atti a potenziare le capacità visive dell'organo della vista, l'occhio, sono costituite da materiali trasparenti (vetro o plastica) e delimitate da superfici sferiche in grado di rifrangere la luce. Se negli specchi le immagini si costruiscono con le leggi della riflessione, nelle lenti si costruiscono sfruttando le leggi della rifrazione. I raggi luminosi, passando attraverso le superfici che costituiscono le lenti, vengono rifratti e danno luogo a immagini reali o virtuali, ingrandite o rimpicciolite, diritte o capovolte a seconda del tipo di lente e della distanza tra la lente e l'oggetto. La finalità di questa prova di laboratorio consiste nel misurare la distanza focale di una lente convergente di cui non siano note le caratteristiche. Dovendo dare una definizione teorica di distanza focale, essa si può definire, facendo riferimento all'asse ottico (che è la retta che congiunge i centri di curvatura delle due facce della lente), come il punto di esso in cui vanno a concentrarsi i raggi che giungono paralleli all'asse: ciò è determinato dalla rifrazione della luce attraverso la lente considerata. Vediamo quindi come procedere.

25

Occorrente

  • sorgente luminosa (lampada o proiettore) (n° 1 in figura)
  • lente convergente con supporto (n°4)
  • banco ottico (n° 2)
  • schermo (n°5)
  • diaframma con relativo supporto (n°3)
  • asta millimetrata (n°6)
35

Per prima cosa, disponete il materiale occorrente come indicato nell'immagine principale di questa guida. Scegliete la posizione dell'oggetto rispetto alla lente, e spostate lo schermo in avanti e all'indietro fino a quando non avrete individuato una posizione tale per cui sullo schermo l'immagine dell'oggetto che si forma risulta essere nitida (ovvero a fuoco). Per determinare la distanza focale f, sulla base della misura della distanza p dall'oggetto, dovete ricorrere alla cosiddetta formula delle lenti sottili: (1/p) (1/q) = 1/f.

45

A questo punto, su uno stesso asse e con l'aiuto del banco ottico, ponete la sorgente luminosa, il diaframma, la lente convergente e, per finire, lo schermo. Proseguite poi effettuando, con l'asta millimetrata posta sulla guida, la misurazione della posizione della lente (xL). Leggete, inoltre, il valore corrispondente alla posizione del diaframma (xp). È il momento di accendere il proiettore. Ora procedete spostando lungo la guida lo schermo, finché su di esso non verrà messa a fuoco l'immagine dell'oggetto.

Continua la lettura
55

Non dimenticate di rilevare, con l'asta millimetrata la posizione dello schermo (xq). Dovete poi modificare nuovamente la posizione del diaframma e segnare il valore nuovo (xp). Vi consiglio di ripetere più volte le misurazioni. Per ricavare la distanza dell'oggetto e dell'immagine reale dalla lente, non dovete far altro che effettuare delle semplici sottrazioni: p = xL - xp e q = xq - xL. Per determinare la distanza focale basta applicare la seguente formula: f = (p * q)/(p q). Se effettuate più misure, potete calcolare il valore medio della distanza focale sommando i diversi valori trovati, e dividendo per il numero di misure che avete eseguito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come misurare la lunghezza d'onda di un raggio di luce monocromatico

Sei un amante della scienza e degli esperimenti pratici? Allora questa guida fa davvero al caso tuo. Non perdere infatti questa fantastica opportunità di vedere con i tuoi occhi come funzionano le leggi della fisica o i processi chimici. La scienza è...
Università e Master

Come misurare la lunghezza d'onda della luce

In questo articolo abbiamo deciso di parlare di un argomento alquanto legato alla fisica e non solo. Sará un modo per aiutare i nostri lettori che sono alle prese con questo genere di discorso, in maniera tale da poterlo approfondire meglio e nei minimi...
Università e Master

Come Misurare Una Resistenza Elettrica Con Un Tester

Il tester (o multimetro) è un dispositivo elettronico che racchiude varie funzioni in un'unica unità, una versione base permette infatti di misurare tensione, corrente e resistenza elettrica. Proprio grazie alla semplicità di utilizzo è molto importante...
Università e Master

Come misurare il PH di una soluzione

La chimica è una materia molto affascinante che va studiata facendo pratica. Infatti se la teoria è importante, vedere un'applicazione pratica della materia aiuta a capire i processi. Una delle basi della chimica è la misurazione del PH di una soluzione....
Università e Master

Come misurare i potenziali di riduzione

In questo tutorial vengono date delle corrette informazioni su come misurare i potenziali di riduzione. Per riuscire a comprendere il funzionamento di una pila bisogna basare l'esperimento su delle reazioni chimiche di ossidoriduzione. Per fare questa...
Università e Master

Come misurare l'incertezza di misura con il tempo

Intanto cerchiamo di capire cos'è l'incertezza di misura. Nel processo scientifico, gli scienziati generalmente utilizzano strumenti sia per calcolare il tempo che lo spazio. Naturalmente talini strumenti sono costruiti e tarati dall'uomo, e dall'uomo...
Università e Master

Come Misurare L'Affinità Di Una Molecola Per Un Recettore Cellulare

Le cellule hanno numerosi recettori sulla loro membrana, ognuno appropriato per una data molecola in grado di scaturire una specifica risposta nella cellula stessa, una volta recepita. In riferimento a ciò, ecco una guida su come procedere per misurare...
Università e Master

Come Misurare Il Coefficiente D'Attrito Statico

Il coefficiente d'attrito statico è una costante comune a coppie di corpi che posti a contatto fra di loro generano una forza d'attrito. Nel caso nel quale i due corpi (generalmente un vincolo e un oggetto) rimangano immobili l'attrito viene chiamato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.