Come misurare il PH di una soluzione

Tramite: O2O 09/07/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

La chimica è una materia molto affascinante che va studiata facendo pratica. Infatti se la teoria è importante, vedere un'applicazione pratica della materia aiuta a capire i processi. Una delle basi della chimica è la misurazione del PH di una soluzione. Il PH serve appunto a misurare l'acidità o l'alcalinità di una soluzione. La sigla PH viene riportata spesso sul sapone, bagnoschiuma, ecc. E serve appunto ad evidenziare l'aggressività del sapone sulla pelle. Questa guida si propone appunto di spiegarvi come misurare il PH di una soluzione.

26

La cartina al tornasole

In base al suo valore essa può essere classificata come acido (0

36

La concentrazione molare

Se si tratta di un acido debole, prima di tutto bisogna sapere la sua concentrazione molare prima della dissociazione. Se si indica con x la quantità di acido che si dissocia, con Ka la costante acida allora la formula sarà: Ka = (x*x) / (Ca-x) ovvero Ka = x^2 / (Ca-x); dato che stiamo parlando di un acido debole, allora la supposizione Ca-x la possiamo scrivere come Ca (dato che la x è molto piccola). La formula quindi diventa x^2/ ca. La x può anche essere scritta come [H+], ovvero ione idrogenato e quindi la formula esce Ka= [H+]^2/Ca. Conoscendo la Ka e la Ca, basta applicare la formula inversa della radice quadrata per ottenere la h, ovvero [H+] = radice (Ka * Ca). Essendo il PH un logaritmo, dalla formula appena calcolata lo si può ottenere facendo PH= 1/2 * (pKa - log Ca).

Continua la lettura
46

Il calcolo matematico

Nel caso in cui, però, non è possibile avere con sé la cartina tornasole o la soluzione (ad esempio in un test) si deve necessariamente ricorrere al calcolo matematico, avvalendosi di una calcolatrice (dato la complessità dei calcoli) e di una tavola dell'acidità, che consenta di scoprire i valori riguardanti ogni singolo elemento della tavola periodica (quindi soluzioni con più elementi non sono presenti all'interno). Il procedimento varia in base al composto che stiamo per analizzare; questa distinzione avviene principalmente in base alla capacità di dissociazione, ovvero a quanto riescono a liberare durante l'unione con altri elementi. Si dicono deboli coloro che si dissociano poco, forti coloro che, invece, si dissociano completamente o quasi.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come determinare il pH nelle bevande e nei succhi

l pH consiste in una scala di misura dell'acidità oppure della basicità di una soluzione acquosa. Il termine "pH" è stato introdotto nel lontano 1909, dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine p (operatore) simboleggia due operazioni matematiche,...
Università e Master

Come Calcolare il pH

In questa guida ci occuperemo di dare alcune informazioni molto utili su un argomento molto importante: il ph dell'acqua e, nello specifico, vedremo come calcolare questo ph. Questa operazione si rende necessaria molto spesso, soprattutto se si possiede...
Università e Master

Come calcolare la molarità iniziale a partire dal Ph o dal Poh

La chimica è una delle materie più ostiche che tutti gli studenti che decidono di frequentare l'istituto tecnico industriale o il liceo scientifico si troveranno ad affrontare. Una delle grandezze fondamentali nello studio della chimica è sicuramente...
Università e Master

Come diventare PhD student

Se siete degli studente brillanti, sognate di continuare la carriera accademica, diventare un ricercare e arricchire la vostra formazione con un'importante esperienza all'estero, allora questa guida fa al caso vostro. Il PhD è considerato l'apice degli...
Università e Master

Come preparare una soluzione salina

La soluzione salina è conosciuta soprattutto con il nome di soluzione fisiologica. Essa è utilizzata in tantissime situazioni: per le infusioni endovenose, per le pratiche igieniche, per la pulizia delle lenti a contatto, per l'irrigazione nasale, per...
Università e Master

Modi per esprimere la concentrazione di una soluzione

Nel campo della chimica, una soluzione deriva dall’unione uniforme di una o più sostanze. Il suo volume è omogeneo, perché le particelle si dispongono in maniera regolare. Una soluzione si compone di due elementi. Il soluto si disperde nella soluzione...
Università e Master

Come misurare una resistenza elettrica con un Tester

Il tester (o multimetro) è un dispositivo elettronico che racchiude varie funzioni in un'unica unità, una versione base permette infatti di misurare tensione, corrente e resistenza elettrica. Proprio grazie alla semplicità di utilizzo è molto importante...
Università e Master

Come Indicare La Concentrazione Di Una Soluzione

In questa guida vedremo come indicare la concentrazione di una soluzione. Logicamente stiamo parlando di una soluzione chimica. Le soluzioni comunque sono tantissime cose che spesso ci stanno attorno come l'acqua in una pentola, l'acqua del rubinetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.