Come mettere una matrice in fForma di Jordan

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La forma canonica di Jordan è un caso generalizzato della diagonalizzazione di una matrice, processo che ricordiamo è possibile effettuare solo se esiste una base dello spazio rispetto alla quale la matrice di trasformazione è diagonale. Mettere una matrice in forma di Jordan è abbastanza semplice ed è molto utile per calcolare la nilpotenza (proprietà di essere nilpotente, che per una matrice significa avere tutti gli autovalori nulli) della matrice e quindi per esempio nel caso in cui sia necessario effettuare elevazioni a potenze molto alte. Premesso ciò, in questa guida andremmo ad insegnare il metodo più veloce per Jordanizzare una matrice con l'utilizzo di brevi e semplici passaggi.

26

Occorrente

  • Nozioni di Geometria 1
36

Una volta considerata la matrice da Jordanizzare, il primo passo che bisogna eseguire è quello di sottrarre a tale matrice la matrice identità (tale definizione, per chi non lo sapesse, corrisponde ad una matrice avente per elementi 1 sulla diagonale e con 0 negli altri posti) moltiplicata per una costante C. A questo punto, dovrai calcolare il determinante della matrice, utilizzando il metodo che più preferisci (Sarrus o Laplace) e porre quest'ultimo uguale a 0. Così facendo C diventerà la tua incognita ed una volta trovate le varie soluzioni, potrai passare alla fase due. Importante ricordare che (C-1)^2 ha come risultato 1, ma contato due volte.

46

Metti nella matrice, al posto di C, la prima soluzione che hai trovato. Il determinante sarà nullo perché è così che lo hai posto e di conseguenza il KER (lo spazio in cui la funzione associata alla matrice da 0) sarà diverso da 0. Non resta quindi che calcolare il vettore (o i vettori) che genera il KER, utilizzando un semplice sistema lineare. Una volta fatto questo passaggio per tutte le soluzioni di C hai due casi distinti.

Continua la lettura
56

Nel caso in cui il numero dei vettori che generano il KER sono lo stesso numero delle soluzioni, allora la matrice può essere diagonalizzata, cioè può essere espressa come una matrice con sulla diagonale i suoi autovalori (le soluzioni di C), la cui base di trasformazione saranno i vettori generatori del KER. Nel caso contrario invece, cioè se i vettori non sono lo stesso numero delle soluzioni, allora nei casi in cui a "n" soluzioni uguali corrispondono "m" vettori, la quantità di 1 sopra gli autovalori nella matrice finale sarà dato da n-m.

66

Per trovare la base che Jordanizza la matrice, devi scrivere la matrice con al posto di C l'autovalore che ha il numero di soluzioni coincidenti diverso dal numero di vettori che generano il KER e trovare un vettore che moltiplicato per la matrice dia il vettore che genera il KER. Poi trova un vettore che moltiplicato per la matrice dia il vettore che hai trovato prima. Procedi per induzione fino a che il numero di vettori e di soluzioni non sarà lo stesso. I vettori che generano il KER insieme ai vettori che hai trovato saranno la base della tua trasformazione di Jordan. Una volta individuato l'intero insieme dei vettori avrete quindi concluso le operazioni necessarie al fine di raggiungere il vostro scopo!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come stabilire il rango di una matrice

Tutti gli studenti si sono trovati a far i conti con l'algebra, durante la propria carriera scolastica. Tra gli argomenti più critici che possono mettere in imbarazzo ed anche in difficoltà seria gli studenti maggiormente preparati, ci sono le matrici....
Superiori

Come Fare Una Matrice Inversa

La matrice è una tabella che serve per rappresentare degli oggetti o elementi sia in matematica che in scienze, i cui valori dipendono da due parametri fissi. In questo caso parleremo delle matrici inverse, che vengono utilizzate per risolvere i sistemi...
Superiori

Come risolvere un sistema con la matrice inversa

Una matrice, non è altro che una tabella ordinata di elementi. Questa "tabella" è molto utilizzata nella matematica ed in particolare nell'algebra lineare, perché ci permette di rappresentare molti oggetti matematici come i sistemi lineari. Un sistema...
Superiori

Come utilizzare il metodo della matrice per trovare una funzione quadratica

Chiunque parli di scuola e riviva quei momenti ricorda con amarezza quelle lunghe e interminabili ore di matematica. Non importa se il professore sia simpatico, severo, giovane o di vecchio stampo, la matematica rimane sempre un opinione! Sono molti gli...
Superiori

Come elevare una matrice al quadrato

Fin dall'antichità la matematica è sempre stata considerata il miglior strumento per lo studio scientifico da parte dell'uomo. Essa infatti, se studiata correttamente, permette di eseguire con estrema facilità tutti i calcoli necessari alla vita di...
Superiori

Come calcolare la norma di una matrice

Il concetto di norma, nella maggior parte dei casi, si associa ai vettori, ed associa ad ognuno di essi, fatta eccezione per quelli nulli, una lunghezza positiva; ma bisogna sapere che esso si estende anche alle matrici, cioè alle tabelle ordinate di...
Superiori

Come calcolare il rango determinante

Il rango di una matrice è il massimo numero delle righe (o delle colonne) linearmente indipendenti, ovvero la dimensione del sottospazio generato dalle righe (o dalle colonne) della matrice stessa. Il rango è una nozione indispensabile in quanto ci...
Superiori

Come calcolare massimi, minimi e punti di sella con hessiano

In matematica, la matrice hessiana di una funzione di n variabili a valori in un campo di scalari, anche detta matrice di Hesse o semplicemente hessiana, è la matrice quadrata n × n delle derivate parziali seconde della funzione. Il nome è dovuto a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.