Come memorizzare i verbi latini

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Memorizzare i verbi latini, può essere un grande scoglio durante lo studio di questa lingua. Purtroppo però, con alcune tecniche atte ad aiutarci in questo gravoso compito, queste lacune sono destinate ad aumentare, via via diventando sempre più grandi. Ma il rimedio esiste, vediamo allora di seguito alcuni consigli su come memorizzare i verbi latini.

25

Occorrente

  • leggere più volte a alta voce
  • ripetere fino a quando non siamo certi di non sbagliare
  • chiedere aiuto ad una seconda persona
  • imparare le desinenze come se fosse una cantilena
35

La prima cosa da fare è quella di aprire il libro di testo e cominciare a leggere la prima declinazione. Partiamo dal singolare e a voce alta leggiamo la tabella. Ripetiamo la lettura per 5 volte, poi coprendo la parte cerchiamo di ripeterla, Un valido aiuto in questo caso può essere dato da una persona, la quale, ascoltando la ripetizione, sia in grado di correggere eventuali errori. Possiamo anche optare per un sistema diverso, ovvero quello di imparare le desinenze sia singolari che plurali 3 a gruppi di tre. Per farlo leggiamole più volte, copriamo poi la tabella con un foglio e cerchiamo di ripeterle fino a quando non commettiamo più errori. Fatto questo, passiamo alle altre 3, procediamo in questo modo fino al totale completamento della tabella.

45

Altra variazione a questo metodo può essere quella che, una volta imparata la declinazione, su di un foglio di carta proviamo a scrivere più volte la declinazione confrontandola con la tabella e correggendo i vari errori. Utile può essere anche il fatto di eseguire molti esercizi, ricercandoli non solo sul libro di testo adottato sui banchi di scuola, ma estrapolandone altri su libri diversi.

Continua la lettura
55

Altro metodo per memorizzare i verbi può essere quello di imparare a memoria, come se fosse una filastrocca, le desinenze finali. In latino sono praticamente uguali tranne per alcune eccezioni. Adottiamo quindi lo stesso sistema suggerito nel passo precedente, ovvero ripetiamo ad alta voce le desinenza partendo da quelle singolari. Continuiamo a leggere a voce alta fino a quando non siamo sicuri che queste si siamo impresse nella nostra mente. A questo punto, proviamo a controllare se il metodo ha dato buoni risultati. Quando il singolare è ormai ben chiaro, ricominciamo lo studio con il plurale. Teniamo presente però che la concentrazione durante lo studio è attiva solo per circa 30 - 35 minuti. Trascorso questo tempo, alziamoci, facciamo un giro della stanza sgranchendoci le gambe, staccando per qualche minuto la testa dallo studio, poi dopo circa 10 minuti riprendiamo. In conclusione possiamo dire che il metodo migliore per imprimersi nella mente i verbi, è quello di dedicare quotidianamente un pochino di tempo al ripasso, tenendo presente che è praticamente impossibile imparare tutto in un solo giorno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come trovare il nominativo dei sostantivi latini della Ill declinazione

Uno dei crucci maggiori di ogni studente oltre alla matematica, è certamente il latino. Anche se è una lingua antica, alcune frasi e parole sono ancora usate tutt'ora nel linguaggio comune. Conoscerlo non è fondamentale, ma certe volte può comunque...
Superiori

Come riconoscere i verbi difettivi

I verbi, nella grammatica italiana, sono molto numerosi. Coniugazioni, tempi e modi complicano non poco lo studio di questi importanti elementi delle frasi e dei discorsi della nostra lingua. Molto numerose sono anche le tipologie in cui i verbi vengono...
Superiori

Come coniugare i verbi deponenti in Latino

Mentre in italiano i verbi sono o di forma attiva (es. Io lodo) o di forma passiva (es. Io sono lodato), in latino esistono anche verbi di forma passiva, ma di significato attivo: i verbi deponenti. I grammatici li hanno chiamati così pensando erroneamente...
Superiori

Grammatica: guida ai verbi servili e fraseologici

La grammatica italiana è sicuramente una di quelle più ricche di casi particolari ed eccezioni: tale ricchezza è data dal fatto che l'italiano, oltre ad essere una lingua neolatina, cioè derivata dal latino, si è arricchito nel corso dei secoli di...
Superiori

Come memorizzare le formule matematiche

Memorizzare le formule matematiche non è per nulla semplice ma, molto spesso, è necessario farlo. Molti studenti, infatti, sia universitari che liceali si trovano a dover affrontare compiti di fisica e matematica che prevedono l'utilizzo di complicate...
Superiori

Latino: verbi anomali

Nella lingua latina possiamo trovare un certo numero di verbi che non appartengono alla cosiddetta coniugazione regolare a causa di alcune anomalie nella flessione. Le anomalie possono riguardare i temi per la formazione dei tempi fondamentali o i mutamenti...
Superiori

Come memorizzare un libro facilmente

Se abbiamo un buon metodo di studio, il nostro cervello metabolizza le lezioni ed i concetti letti e dopo averli rielaborati, li trattiene senza doverli imparare a memoria. Determinati argomenti, come una poesia, delle date di storia, alcune formule,...
Superiori

Grammatica italiana: i verbi transitivi e intransitivi

Nella grammatica italiana i due pilastri su cui è costruita la frase sono il nome e il verbo. Se i nomi sono gli ingranaggi del linguaggio, il verbo è il motore che mette in movimento tutto il meccanismo. I nomi forniscono i personaggi e l’ambiente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.